Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
54A/13 I Quaderni del praticante Avvocato - Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 X, pag. 192 € 16,00</span> 47/6 Le Politiche dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XI, pag. 272 € 18,00</span> 47 Manuale di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XXVI, pag. 512 € 30,00</span> 45/1 Compendio di Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XX, pag. 288 € 20,00</span> 47/4 Compendio di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XIX, pag. 368 € 22,00</span> 46/8 Compendio di Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 VI, pag. 304 € 19,00</span> 328/13 89 Funzionari Amministrativi ASPAL - Manuale completo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 , pag. 1104 € 38,00</span>
Danimarca
Daphne
DAU
Davignon
Davignon Etienne
Dazi ad valorem
Dazi all’esportazione
Dazi all’importazione
Dazi antidumping
Dazi convenzionali
Dazi di transito
Dazi differenziali
Dazi doganali
Dazi fiscali
Dazi generali
Dazi preferenziali
Dazi protettivi
Dazi specifici
De Gasperi Alcide
De Gaulle Charles
Decisione
Decisione generale della CECA
Decisione individuale della CECA
Decisione [Titolo vi tue]
Decisione-quadro
Decisioni di associazioni di imprese
Decisioni sui generis
Deficit democratico
Deficit sostenibile
Delors
Delors Jacques
Demanio comunitario
Dematerializzazione dei titoli di credito
Denominazione d’Origine Protetta
Deregulation
Deroga
Dialogo sociale
Dichiarazione a verbale
Dichiarazione comune e accordo interistituzionale
Dichiarazione di Barcellona
Dichiarazione di Kirchberg
Dichiarazione di Petersberg
Dichiarazione di Rodi
Dichiarazione di Roma
Dichiarazione di Stoccarda
Dichiarazione Schuman
Dichiarazione transatlantica
Difensore civico europeo
Difesa comune
Diretta applicabilità del diritto comunitario
Direttiva
Direttiva dettagliata
Direzioni generali
Diritti speciali di prelievo
Diritti umani
Diritto comunitario
Diritto comunitario derivato
Diritto comunitario originario
Diritto di accesso
Diritto di inchiesta
Diritto di iniziativa
Diritto di inseguimento
Diritto di osservazione
Diritto di petizione
Diritto di proprietà
Diritto di soggiorno
Diritto di stabilimento
Diritto di voto
Diritto europeo delle società
Disavanzi eccessivi
Discarico delle spese
Discriminazione in base alla nazionalità
Disegni e modelli
Divieto di discriminazione in base ai prodotti
Divieto di discriminazione in base alla nazionalità
Documento Amministrativo Unico
Documento unico di programmazione
DOCUP
Dodicesimi provvisori
Dogana 2002
Dogane
Dooge
DOP
Doppia indicazione dei prezzi
Doppia investitura della Commissione
Doppio mandato
Drugs
DSP
Dual use
Dualità materiale
Dualità scritturale
Duisenberg Wim
Dumping
Dumping sociale
Duplice maggioranza
Duty-free




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
LX47 Lexicon di Diritto dell'Unione Europea

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario dell\'Unione Europea
Diritto di stabilimento artt. 43-48 Trattato CE

S’intende per diritto di stabilimento la libertà, garantita ai cittadini comunitari, di stabilirsi in uno Stato membro diverso dal proprio per esercitarvi un’attività non salariata.
La libertà di stabilimento importa quindi:
— l’accesso alle attività non salariate e al loro esercizio sia per le persone fisiche che per quelle giuridiche (liberi professionisti, imprenditori, società);
— l’applicazione delle stesse condizioni definite dalla legislazione del paese di stabilimento nei confronti dei propri cittadini (art. 43 Trattato CE).
Si è soliti operare una differenza tra l’ipotesi di stabilimento a titolo principale e a titolo secondario. Nel primo caso, un soggetto intende svolgere un’attività economicamente rilevante in uno Stato diverso da quello di origine, rinunciando ad essere stabilito in quest’ultimo. Il secondo è il caso, invece, di un soggetto che intende conservare lo stabilimento nello Stato di origine, accanto a quello nel nuovo Stato. La differenza è rilevante per quanto riguarda le persone giuridiche: infatti, il diritto di stabilimento di una società da uno Stato all’altro prevede il trasferimento della sede sociale effettiva o reale. Ciò non sempre è possibile per le diversità legislative che possono esservi tra diversi Stati membri. Per superare l’ostacolo si è riconosciuto alle società il diritto di stabilirsi a titolo secondario in uno Stato membro, diverso da quello di appartenenza, attraverso la creazione di succursali, agenzie o filiali (in questo senso anche l’articolo 43 del Trattato CE).
Quanto all’attuazione del diritto di stabilimento, il trattato prevedeva che le restrizioni alla libertà di stabilimento fossero gradatamente soppresse durante il periodo transitorio (v.), sulla base di un Programma generale (v.) stabilito dal Consiglio dell’Unione europea.
Il Programma fu emanato nel 1961; tuttavia le direttive (v.) di attuazione di tale Programma (che lo stesso Consiglio doveva emanare) procedettero piuttosto a rilento.
Nel 1974 la Corte di Giustizia affermò che la norma contenuta nell’art. 43, prescrivendo un obbligo di risultato preciso, il cui adempimento poteva essere facilitato, ma non condizionato, dagli atti di applicazione, era divenuta direttamente applicabile allo scadere del periodo transitorio (v. Diretta applicabilità del diritto comunitario): pertanto le direttive volte ad attuare la norma del trattamento nazionale erano divenute superflue.
Conservano invece importanza le direttive volte a stabilire misure per favorire e facilitare l’effettivo esercizio delle libertà previste dal trattato, oltre a quelle volte a coordinare le disposizioni nazionali relative ad esempio all’esercizio di talune professioni (sentenza Reyners).
Secondo l’art. 45 sono escluse dal diritto di stabilimento le attività che partecipano, sia pure occasionalmente, all’esercizio di pubblici poteri, mentre a norma dell’art. 46 gli Stati possono limitare la libertà ad esso relativa per motivi di ordine pubblico, pubblica sicurezza e sanità pubblica.