Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
17/4 Compendio di Storia del Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 V, pag. 288 € 15,00</span> 21/2 Compendio di Isitituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VI, pag. 256 € 18,00</span> 21/3 Schemi & Schede di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 III, pag. 160 € 10,00</span> 583 Dizionario Giuridico Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 VI, pag. 560 € 15,00</span> 21 Il nuovo Manuale di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 VII, pag. 528 € 22,00</span> 17 Il nuovo Manuale di Storia del Diritto Romano (Diritto pubblico romano)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 V, pag. 272 € 20,00</span> IP9 Ipercompendio Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 240 € 10,00</span> W18 Storia del Diritto Medioevale e Moderno<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 160 € 10,00</span>
Faderfio
Faida
Falcidia
Fallacia naturalistica
Famiglia
Famiglia [patto di]
Famulato
Fara
Fas
Fascio littorio
Fascismo
Fascismo [apologia di]
Fasti
Febronianismo
Fedecommesso
Federalismo
Federalismo fiscale
Federico I di Hohenstaufen
Federico II di Svevia
Felino Sandeo
Fellonìa
Ferdinando I di Borbone
Ferdinando II d’Aragona
Ferdinando IV re di Napoli
Ferrara
Festuca
Feudalesimo
Feudatario
Feudo
Feudo oblato
Feudorum libri
Fictio iuris
Fida
Fideismo
Fideiussione
Fidelitas
Fidepromìssio (o fideipromissio)
Fides
Fiducia
Fieschi Sinibaldo de’
Filangieri Gaetano
Finaide
Fiqt
Fisco
Fiscus Caesaris
Fisiocratici
Flàmine
Floro di Lione
Fodro
Foederati
Foederis casus
Foedus
Fondazione
Fonti del diritto
Formalismo giuridico
Fòrmula
Formulae ad librum papiensem
Formulari notarili
Formularium florentinum
Fortescue John
Fraglie
Fragmenta Augustodunènsia
Fragmenta Gaudenziana
Fragmenta Vaticàna
Frammento parigino
Francesco Accolti
Francesco Zabarella
Franchi
Franconia
Fredus
Frodi pie
Frutti
Fueros



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo
Feudalesimo

Sistema politico e sociale avente per base il feudo [vedi] e a carattere prevalentemente rurale.
Ebbe origine nel secolo IX nella Gallia dei Franchi [vedi] e da lì si estese gradualmente a tutto l’Occidente cristiano nonché, tramite le Crociate [vedi], in Siria, Palestina e nell’impero bizantino [vedi Bizantino (impero)].
Esso trasse origine da una duplice esigenza. Innanzitutto, i proprietari terrieri, incapaci di difendere le loro proprietà dalle invasioni barbariche, preferirono cederle ad un capo potente che, nell’assumere la difesa armata del territorio, acquistò il diritto ad acquisire legalmente una parte dei prodotti. Per converso, i capi barbarici, impossibilitati a governare direttamente i territori conquistati (molto spesso vastissimi) e necessitati a ricompensare i propri soldati della fatica e della fedeltà dimostrate nelle conquiste, attribuirono godimento a queste porzioni di territori (feudi), ricevendo in cambio fedeltà, un tributo annuo e aiuto militare in caso di necessità.
Il rapporto personale che si instaurò tra il concedente e il concessionario del feudo fu detto vassallaggio [vedi]; il tenutario del feudo fu detto vassallo [vedi] e l’atto simbolico attraverso il quale il feudatario manifestava la propria dipendenza e soggezione al signore fu detta investitura, culminante nella simbolica consegna di una festuca [vedi] o di una zolla di terreno.
L’investitura assicurava al feudatario numerosi privilegi, tra cui l’obbligo per tutti gli abitanti del feudo di effettuare prestazioni personali a suo favore e la corresponsione di una parte dei frutti raccolti. Il signore aveva, inoltre, il diritto di concedere porzioni di territorio ad altri dipendenti (valvassori) e questi ultimi, a loro volta, potevano distribuirlo ad altri (valvassini). Venne in tal modo a crearsi un sistema gerarchico che dal sovrano, padrone incontrastato di tutto il regno, degradava sino al più piccolo dei valvassini.
Organizzato, dunque, secondo il sistema delle corti [vedi Curtis], con territori ampiamente autonomi, nell’Italia settentrionale e centrale il (—) entrò in crisi nei secoli XII-XIII, in seguito all’emergere dei comuni [vedi Comune medievale] ed alla reviviscenza dei traffici commerciali e della vita cittadina.
Il sistema feudale sopravvisse, invece, nell’Italia meridionale, ove era penetrato nel secolo XI in seguito alla conquista normanna, nel Piemonte, nella Repubblica di Venezia e nelle Isole.
In Francia il processo di unificazione dei grandi feudi alla corona fu portato a compimento nel secolo XVII e l’autorità dei feudatari minori sui rispettivi possedimenti venne scalzata, fra i secoli XVII e XVIII, dalla politica accentratrice dell’assolutismo [vedi] regio ma il (—) sopravvisse in numerose consuetudini, privilegi e immunità [vedi]. Fu con deliberazione dell’Assemblea Nazionale Costituente del 5 agosto 1789 che la Francia sancì definitivamente l’abolizione di tutti i privilegi feudali.
In Germania il sistema feudale sopravvisse fino al secolo XVIII e lo stesso impero federale germanico, crollato nel 1918, ne conservava ancora numerose tracce.
In Italia la spinta rivoluzionaria proveniente dalla Francia [vedi Rivoluzione francese] accelerò il processo di abrogazione dei principali e più anacronistici istituti del (—), ma dovette attendersi la Restaurazione [vedi] per vedere realizzata la generale abolizione dei feudi anche nel Regno delle Due Sicilie. In Sardegna gli ordini feudali furono abbattuti soltanto tra il 1832 e il 1840 da Carlo Alberto [vedi].
Fanno testimonianza del diritto feudale varie raccolte di libri di feudi [vedi Libri feudorum] iniziate a partire dal secolo XII ed incorporate addirittura nel Corpus iuris civilis [vedi] da Ugolino de’ Presbiteri [vedi].