Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
46/8 Compendio di Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VII, pag. 320 € 19,00</span> 516 Codice del Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 992 € 34,00</span> 339 Concorso 200 Laureati Carriera Prefettizia - Manuale per la prova preselettiva e scritta<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 928 € 40,00</span> 207/1 Elementi di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 X, pag. 208 € 12,00</span> 54A/13 I Quaderni del praticante Avvocato - Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 X, pag. 192 € 16,00</span> 47/6 Le Politiche dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XI, pag. 272 € 18,00</span> 47 Manuale di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XXVI, pag. 512 € 30,00</span>
EBIC
EBN
EBR
Eccesso di potere
Eccezione di invalidità
ECE
ECHO
ECIP
ECLAS
Eco-auditing
Eco-Management Audit Scheme
ECOFIN
Ecolabel
Economic Commission for Europe
Ecos-Ouverture
ECU
ECU verde
EDD
EDU
EFEX
Effetto diretto
Effetto orizzontale della direttiva
Effetto utile
Effetto verticale della direttiva
EFTA
Eguali opportunità
EIC
EICC
ELDR
Elezione del Parlamento europeo
Elezione diretta del Parlamento europeo
EMAS
EMEA
Energia, ambiente e sviluppo sostenibile
Engrenage
EONIA
Equal
Equilibrio istituzionale
Erasmus
ESA
Estonia
Estradizione
Etap
ETUC
Eudor
EUR
Eur-lex
EUR-OP
EURATOM
Eureka
Eures
Euribor
Euro
Euro Info Centres
Euro Info Correspondence Centres
Euro Overnight Index Average
Eurobarometro
Eurobbligazioni
Eurochambres
Eurocheque
Euroclear
Eurocontrol
Eurocoop
Eurocorpo
Eurocrati
Eurofor
Eurojust
Eurolabel
Euromarfor
Europa 2000
Europa a geometria variabile
Europa à la carte
Europa a più velocità
Europa dei liberali, democratici e rifomatori
Europa delle Democrazie e delle Diversità
Europa delle patrie
Europa verde
Europartenariato
Europass
European Action Scheme for the Mobility of University Students
European Agency for the Evaluation of Medicinal Products
European BIC Network
European Business Information Centre
European Business Register
European Commission Library Automated System
European Community Humanitarian Office
European Community Investment Partners
European Currency Unit
European Financial Experts
European Free Trade Association
European Interbank Offered Rate
European Liberal Democrat and Reform Party
European Research Cooperation Agency
European Space Agency
Europol
Europol Drug Unit
Euros
Euroscudi
Eurosportelli
Eurosportelli per i consumatori
EUROSTAT
Eurotower
Eurydice




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
LX47 Lexicon di Diritto dell'Unione Europea

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario dell\'Unione Europea
Estonia

Stato che faceva parte dell’ex Unione Sovietica e che ha ottenuto la definitiva indipendenza a partire dal 1994, anche se già dal 1992 si era assicurata un’ampia autonomia.
L’agricoltura e l’industria agroalimentare costituiscono i settori tradizionali e più importanti dell’economia del paese ed una grossa espansione, negli ultimi anni, ha ricevuto anche il settore terziario grazie al commercio e ai servizi turistici.
Per quanto riguarda più direttamente i rapporti con l’Unione europea, l’Estonia fa firmato il 12 giugno 1995, insieme alla Lettonia e alla Lituania, l’accordo europeo (v.) ed ha presentato nello stesso anno domanda di adesione (v.) all’Unione.
Tra i paesi che hanno presentato domanda di adesione la Comunità ha distinto fra quelli che, grazie al loro particolare sforzo di adeguamento legislativo, economico, sociale e culturale ricadono nel primo gruppo e quelli facenti parte del secondo gruppo che avranno, invece, un cammino più lungo da percorrere sulla strada dell’Unione: in questa suddivisione l’Estonia è l’unico Stato baltico a rientrare nel primo gruppo.
Il 12 dicembre 1997 si è aperto a Lussemburgo il vertice con il quale si sono predisposti gli strumenti utili ad avviare quel processo di ampliamento (v.) in grado di includere gradualmente tutti gli Stati che intendano far parte dell’Unione. Tra le decisioni prese a Lussemburgo, oltre alla istituzione di una Conferenza permanente sull’allargamento, si è predisposto l’avvio dei negoziati bilaterali con i sei paesi del primo gruppo.
La prima Conferenza europea si è tenuta a Londra ed ha messo in luce la necessità di una più stretta collaborazione di tutti i paesi partecipanti allo scopo di risolvere i problemi legati alla criminalità organizzata ed alle politiche ambientali (v. Politica dell’ambiente).
Il 31 marzo 1998 si sono aperti i negoziati bilaterali di adesione con i sei paesi del primo gruppo tra i quali, come già si è detto, figura l’Estonia.
Il Consiglio europeo ha tenuto a precisare che la contemporanea apertura dei negoziati non significherà che questi paesi arriveranno insieme a concluderli. Infatti ciascuno di essi condurrà il negoziato in tempi coerenti ai risultati che sarà riuscito a raggiungere.
La Commissione europea ha particolarmente apprezzato i progressi compiuti dall’Estonia in termini di stabilità delle istituzioni, rispetto dei diritti umani (v.) e tutela delle minoranze.
Tra gli sforzi compiuti dall’Estonia vanno sicuramente annoverati lo sviluppo del processo di privatizzazione, l’ammodernamento del sistema bancario e l’abolizione dei dazi sulle importazioni.
Attualmente quella dell’Estonia viene definita, dall’Agenda 2000 (v.), una economia di mercato funzionante che a medio termine sarà in grado di partecipare a pieno titolo al mercato unico (v.) e fronteggiarne la pressione concorrenziale che ne deriverà.
Sul cammino del paese verso l’Unione, però, non mancano gli ostacoli. L’Estonia infatti dovrebbe intensificare gli investimenti nel settore dell’ambiente, rafforzare la propria competitività nei settori dell’energia e dei trasporti, risolvere un preoccupante deficit commerciale e rafforzare la struttura amministrativa.