Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
526/A Concorso Scuola dell’Infanzia e Primaria - Manuale completo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 III, pag. 800 € 44,00</span> PK35 Maturità Scienze Umane<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2015 , pag. 224 € 9,00</span> W23 Storia del Cinema<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2009 , pag. 128 € 8,00</span> W53 Sociologia dell'organizzazione<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2010 , pag. 128 € 8,00</span> W42 Psicologia Clinica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 128 € 9,00</span> W43 Psicologia Sociale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 128 € 9,00</span>
Abbandono
Abbandono
Aberrazione
Abilità
Abituazione
Abitudine
Abnegazione
Abrahm, Karl
Abreazione
Abulia
Accelerazione ideica
Accesso
Accomodamento
Accomodazione
Acculturazione
Acetilcolina
Acquisito
Acting-out
Adattamento
Adattamento
Addestramento
ADHD
Adler, Alfred
Adolescenza
Adrenalina
Adultismo
Adultità
Adulto
Adultomorfismo
Afanisi
Afasia
Affettività
Affettivo
Affetto
Affezione
Affidamento
Affiliazione
Afflizione
Afonia
Afrodisiaco
Agente
Aggiustamento
Aggressione
Aggressività
Agire
Agitazione
Agnosia
Agorafobia
Agrafia
Agrammatismo
Alcolismo
Alessia
Alexitimia
Alfabetizzazione
Alienazione parentale
Alloerotismo
Alloplastico
Allport, Gordon W.
Allucinazione
Allucinogeni
Allucinosi
Alternanza psicosomatica
Alzheimer
Ambieguale
Ambiguità
Ambivalenza
Ambiversione
Ambizione
Amicizia
Amigdala
Amimia
Ammiccamento
Amnesia
Anaclitica
Anaclitica
Anale
Anale
Analisi
Analisi del discorso
Analizzante
Analizzato
Anamnesi
Anancasmo
Androginia
Andropausa
Anedonia
Anencefalia
Anestesia
Anginofobia
Angoscia
Anima
Animazione
Animismo
Animus
Annullamento
Anomia
Anoressia
Anorgasmia
Anormalità
Ansia
Ansia
Ansia di separazione
Ansiolitici
Antagonista
Anticipazione
Antidepressivi
Antipsichiatria
Antipsicotici
Antisociale
Apatia
Appagamento
Apparato psichico
Appercezione
Appiattimento affettivo
Apprendimento
Apprendimento
Apprensione
Approccio
Approvazione
Aprassia
Archetipo
Artificialismo
Arto fantasma
Ascesi
Asimbolia
Aspettativa
Aspirazione
Assenza
Assertività
Assessment/Valutazione
Assimilazione
Assistente sociale
Associazione
Associazionismo
Assone
Astenia
Astinenza
Astinenza
Astrazione
Astuzia
Atarassia
Atassia
Atavismo
Atrofia cerebrale
Attaccamento
Attaccamento
Atteggiamento
Attendibilità
Attenzione
Attitudine
Attività/Passività
Atto educativo
Attrazione/Repulsione
Aura
Autismo
Autismo infantile
Autoaccusa
Autoaffermazione
Autoanalisi
Autocontrollo
Autocoscienza
Autocritica
Autoeducazione
Autoerotismo
Autolesionismo
Automatismo
Automatizzazione
Autonomia funzionale
Autonomia/Eteronomia
Autopunizione
Autorealizzazione
Autorecettori
Autoscopia
Autostima
Autosuggestione
Autosvalutazione
Autovalutazione
Auxologia
Avarizia
Avversivo
Azione



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario di Scienze Psicologiche
Allucinazione
Dal latino allucinatio, indica la percezione di qualcosa che non esiste e che tuttavia viene ritenuto reale. Jaspers considerava le a. false percezioni con carattere di corporeità, che non sorgono dalla trasformazione di percezioni reali (a differenza delle illusioni), ma in modo nuovo, accanto e contemporaneamente a percezioni reali (a differenza dei sogni). La definizione suggerita dal DSM-IV-R non si discosta da quella classica, parlando di percezione sensoriale che ha il senso impellente di oggettiva percezione, ma che si verifica in assenza di stimolazione sensoriale del relativo organo di senso. La capacità critica è assente per la maggior parte degli autori, mentre per altri non è criterio essenziale per la definizione di a. e la persona può rendersi conto o meno che sta avendo un'a. (DSM-IV-R). Già Platone e Aristotele avevano parlato di a., rilevandone la stretta affinità con le immagini oniriche; gli Scolastici le avevano attribuite a uno stato crepuscolare in cui immagini di fantasia appaiono come reali. La prima citazione delle a. come sintomi psichiatrici si deve a J.E. Esquirol, che ne parla nei termini ancora oggi accettati nel suo trattato Des Maladies Mentales (1837). A seconda del livello di strutturazione della falsa percezione, le a. sono distinte in semplici, complesse (presenza di uno schema significativo, identificabile con l'oggetto percepito) e combinate (associazione di più strutture percettive). Fenomeni allucinatori considerati normali sono le a. ipnagogiche (che si manifestano nella fase di addormentamento) e ipnopompiche (nella fase di risveglio) e quelle che si presentano in condizioni di deprivazione prolungata di sonno e dopo stress intensi. Particolarmente diffuse ed egosintoniche sarebbero le a. da lutto, specialmente nelle persone anziane. Nella maggior parte dei casi, comunque, la presenza di a. caratterizza situazioni psicopatologiche in cui si verifica un'alterazione del giudizio di realtà e nel 90% dei casi si associa la presenza di deliri. Le a. non sono specifiche di un particolare disturbo, ma la valutazione delle caratteristiche intrinseche, come, ad esempio, l'interessamento elettivo di particolari aree sensoriali e la tematica principale, è di notevole ausilio diagnostico. Si presentano in patologie degli organi di senso (pazienti con deprivazione sensoriale, sordastri, operati di cataratta), disturbi psicorganici (delirium e alterazioni dello stato di coscienza, abuso di amfetaminici, cocaina, alcolismo cronico, epilessia temporale), psicosi funzionali (schizofrenia, depressione maggiore, episodi maniacali, disturbo post-traumatico da stress, disturbi dissociativi, disturbi di personalità). Possono interessare tutte le aree sensoriali, compresa la sensazione somatica diffusa detta cenestesi, e sono classificate quindi come segue.
1) Allucinazioni uditive. Riguardano la percezione del suono; possono essere elementari (rumori, fischi, ronzii), ma più spesso sono voci. Commentano il pensiero o il comportamento del paziente, possono avere contenuti allusivi e minacciosi, essere imperative, dialoganti tra loro, o ripetere ad alta voce il pensiero del paziente (eco del pensiero). Sono le a. più frequenti nelle psicosi funzionali (soprattutto nella schizofrenia), ma possono ritrovarsi anche in quadri organici o tossici.
2) Allucinazioni visive. Possono avere diversa strutturazione e presentarsi come immagini elementari (fosfeni, fotopsie), parzialmente organizzate (scritte, disegni), ma anche ben organizzate, con caratteristiche tridimensionali. Se l'oggetto dell'a. è proiettato fuori del campo visivo si parla di a. extracampiche, se il soggetto vede se stesso o una parte del suo corpo le a. sono dette autoscopiche. Sono tipiche dei disturbi su base organica e con compromissione dello stato di coscienza di origine dismetabolica, lesionale (epilessia temporale in fase sia critica sia intercritica) o tossica (assunzione di sostanze psichedeliche). A. sceniche complesse si verificano in particolari quadri organici, come l'allucinosi peduncolare, ma anche in alcuni disturbi dissociativi.
3) Allucinazioni gustative e olfattive. Il soggetto avverte odori e gusti inconsueti e, per lo più, spiacevoli (odore di zolfo, di marcio); sono tipiche, ma non esclusive dei quadri organici.
4) Allucinazioni somatiche. Possono essere suddivise in tattili e termiche; chinestesiche o motrici e cenestesiche (percezioni che riguardano il corpo in toto, come la sensazione di sentire gli organi rivoltati, di ferro, putrefatti etc.). Sono frequenti nella schizofrenia.
Si ricordano ancora le allucinazioni riflesse (quando uno stimolo in un organo di senso innesca allucinazioni in un altro organo di senso) e funzionali (scatenate da una particolare stimolazione dello stesso organo e tipiche della schizofrenia cronica). Nella seconda metà dell'Ottocento, Jackson ipotizzò che, come i sogni, le a. fossero una conseguenza del diminuito tono inibitorio corticale su strutture cerebrali inferiori (mesencefalo, nuclei della base). Altri hanno ipotizzato un'alterazione improvvisa dei meccanismi di controllo dell'afflusso dei messaggi interni, con sensorializzazione degli stessi. Attualmente, l'ipotesi biochimica chiama in causa, come per gli altri sintomi definiti produttivi (deliri, alterazioni formali del pensiero), un'alterazione del rapporto tra attività DA e 5-HT, dovuta a un aumento di attività DA o a una diminuzione di attività 5-HT. Tale dato è suffragato dalla regressione delle a. dopo trattamento neurolettico che si correla a un'azione di blocco recettoriale D2 di tali molecole e, per contro, all'azione allucinatoria di mescalina e LSD, che agiscono, almeno in parte, bloccando i recettori 5-HT e riducendo il turn-over centrale della 5-HT. I dati morfologici e funzionali hanno dimostrato una correlazione della sintomatologia allucinatoria uditiva in soggetti schizofrenici con riduzione di volume visualizzata alla RM, della circonvoluzione temporale superiore e dell'amigdala di sinistra, mentre alla SPECT è risultato un aumento dell'attività delle regioni ippocampali. In termini psicodinamici, le a. sono interpretate come meccanismi regressivi di appagamento di desideri consci e inconsci, fantasie su cui si proietta una forte dinamica affettiva.