Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
17/4 Compendio di Storia del Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 V, pag. 288 € 15,00</span> 21/2 Compendio di Isitituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VI, pag. 256 € 18,00</span> 21/3 Schemi & Schede di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 III, pag. 160 € 10,00</span> 583 Dizionario Giuridico Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 VI, pag. 560 € 15,00</span> 21 Il nuovo Manuale di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 VII, pag. 528 € 22,00</span> 17 Il nuovo Manuale di Storia del Diritto Romano (Diritto pubblico romano)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 V, pag. 272 € 20,00</span> IP9 Ipercompendio Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 240 € 10,00</span> 17/2 Prepararsi per l'esame di Storia del Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2009 , pag. 160 € 8,00</span>
Ubi èadem lègis ratio, ibi eadem legis disposìtio
Ubi lex vòluit dìxit, ubi nòluit tàcuit
Ubi tu Caius et ego Caia
Ulpiano
Ùltra dimìdium
Ultra quàrtum
Ultra vìres hereditàtis
Una res est in obligatiòne, duæ autem in facultàte solutiònis
Una tàntum
Unciæ
Univèrsitas bonòrum
Universitas fàcti
Universitas iùris
Universitas rèrum
Universitàtes personàrum
Unni
Unus testis, nullus testis
Ùsque ad sìdera, usque ad ìnferos
Usucàpio
Usucàpio libertàtis
Usucapio lucrativa
Usucàpio pro herède
Usurecèptio
Usurpàtio
Usurpatio trinòctii
Usùræ
Usuræ moratòriæ
Usuræ usuràrum
Usus
Usus maritàlis
Usus sine fructu
Ususfrùctus
Ususfrùctus repetìtus
Utendum datum
Utèrque òrdo
Uti lingua nuncupàssit, ita iùs esto
Uti, frui habere, possidere
Utile per inutile non vitiàtur
Utìliter cœptum
Utilizzazione (Principio di)
Uxor in manu



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Storico-Giuridico Romano
Cognìtio extra òrdinem

Era uno dei tre modelli processuali del diritto romano. Nata e sviluppatasi a partire dalla fine del periodo repubblicano, essa in epoca classica sostanzialmente affiancò la procedura per formulas [vedi processo per fòrmulas] fino a sostituirla del tutto, in periodo postclassico.
Originariamente tale procedimento veniva adottato per dirimere controversie di diritto pubblico; a partire da Augusto esso venne esteso anche a rapporti di natura privata.
La (—) si caratterizzava per i seguenti caratteri:
unità del procedimento: tutta l’attività processuale si svolgeva davanti allo stesso funzionario statale;
ampia discrezionalità del giudicante: il funzionario-giudice aveva ampi poteri per accertare il fatto;
procedibilità contumaciale: era necessario e sufficiente solo che il convenuto fosse stato avvertito dell’inizio del procedimento;
impugnabilità della sentenza;
specificità della condanna: la condanna non consisteva più nel pagamento di una somma di denaro, ma poteva imporre anche un comportamento specifico, come la restituzione della cosa, un pati, un non fàcere, etc.;
esecutività manu militari: l’esecuzione delle sentenze veniva demandata ad appositi organi statali, gli apparitòres [vedi].
La chiamata in giudizio del convenuto avveniva con una citazione [vedi evocàtio]. Il processo del tardo Impero conobbe, invece, la figura della lìtis denuntiàtio: l’attore redigeva un documento di citazione, lo presentava al giudice e, una volta approvato, lo notificava alla controparte. Nel diritto giustinianeo prevalse la diversa forma della citazione per libèllum: l’attore presentava al giudice lo scritto (libellus conventiònis) e chiedeva che il convenuto fosse chiamato in giudizio; il giudice, esaminata la richiesta e ritenutala non infondata, si pronunciava per l’accoglimento. Il convenuto, per costituirsi in giudizio, doveva redigere e notificare il suo libellus contradictiònis.
Le parti erano obbligate a presentarsi in giudizio, in quanto obbedivano all’ordine del giudice. L’istruzione probatoria era di competenza del giudice stesso, in base al principio inquisitorio, egli, però, nella valutazione delle prove doveva attenersi a un rigido schema prefissato.
Formatosi il convincimento, veniva emessa sentenza in giudizio.
L’“appellatio” [vedi] avveniva col deposito di un atto di appello presso il giudice che aveva emesso la sentenza. Il giudice superiore, ricevuti gli atti e una relazione sommaria dal collega di primo grado, invitava le parti a formulare le richieste (che potevano anche mutare) e a presentare le prove. La seconda sententia era normalmente inappellabile, salvo un ricorso speciale (“supplicatio”) all’imperatore.
Diritto penale
Il nuovo sistema processuale trovò applicazione anche in campo penale, dove soppiantò, formalmente, dal II sec. d.C., il sistema delle quæstiònes perpetuæ [vedi] (cui, peraltro, già da tempo si era sostanzialmente sostituito).
I suoi caratteri salienti furono i seguenti:
— l’attività di cognizione diretta dell’accusa e del giudizio era compiuta dallo stesso prìnceps, o (in sua vece) da altro magistrato o funzionario imperiale, con l’assistenza di un consìlium (dapprima nominato caso per caso, poi reso stabile da Adriano [vedi]);
— il giudizio finale non spettava, pertanto, al popolo riunito in comizi, né tantomeno a giurie (comunque composte).
Per effetto della diffusione della (—), il princeps (od i magistrati, in sua vece), potevano giudicare e punire ogni delitto, con pene di ogni genere.
Il processo nasceva a seguito di una denunzia di un cittadino, ma l’accusa era sostenuta in giudizio da un pubblico accusatore: la (—) aveva, pertanto, natura di processo inquisitorio, mentre le quæstiones avevano natura accusatoria.
Il magistrato giudicante ebbe, in origine, la possibilità di adeguare la pena da irrogare alla gravità del fatto.
Quanto ai delitti oggetto delle quæstiones, essi si arricchirono di nuove fattispecie, particolarmente nella fase del Dominato, in cui, peraltro, si attuò anche un notevole inasprimento delle pene. Vi fu anche una progressiva limitazione degli spazi di discrezionalità lasciati al magistrato giudicante in virtù di una tendenza (evidenziata dalle constitutiònes prìncipum [vedi] del tempo) a precisare minuziosamente sia gli estremi dei singoli reati, sia le relative pene.