Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
IP3 Ipercompendio Diritto Penale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 352 € 17,00</span> E3 Codice Penale Esplicato spiegato Articolo per Articolo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXIV, pag. 1568 € 43,00</span> 503/3 Codice Penale e di Procedura Penale Minor<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXXIV, pag. 1792 € 25,00</span> 3/2 Compendio di Diritto Penale - Parte generale e speciale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXIV, pag. 640 € 25,00</span> 3  Manuale di Diritto Penale (Parte generale)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXX, pag. 512 € 30,00</span>
P.I.P.
P.M.
P.M.I.
P.Q.M.
Pacchetto
Pacta sunt servanda
Pactum de non petendo
Pactum de retrovendendo
Pactum fiduciae
Paesaggio
Paga base
Pagamento
Pagherò cambiario
PagoBancomat
Par condicio
Parafiscalità
Parastato
Parasubordinazione
Parcella
Parchi
Parentela
Parere
Pari causa turpitudinis
Pari opportunità tra uomo e donna
Parità retributiva
Parlamento
Parricidio
Part time
Parte
Partecipazione
Parti comuni di un edificio
Particella catastale
Partita I.V.A.
Partiti politici
Passaggio
Passaporto diplomatico
Passivo
Paternità
Patologia del negozio giuridico
Patria
Patrimonialità
Patrimonio
Patrocinio
Patronage
Patronato
Patteggiamento
Patti lateranensi
Patto
Pauliana
Peace keeping
Peculato
Pedofilia
Pegno
Pena
Pendenza
Pensiero
Pensione
Pentimento operoso
Percosse
Perdono giudiziale
Perenzione
Perequazione tributaria
Pericolo
Pericolosità sociale
Periodo di comporto
Periodo d’imposta
Perizia
Permanente
Permesso
Permuta
Perpetuatio
Perquisizione
Persona
Personalità
Pertinenza
Petitorie e possessorie
Petitum
Petizione
Pianificazione
Piano
Piattaforma continentale
Piazzista
Picchettaggio
Piccola società cooperativa
Piede libero
Pigione
Pignorabilità dei beni
Pignoramento
Plagio
Plenipotenziari
Pluralismo
Plurioffensivo (reato)
Plusvalenza
Polizia
Polizza
Popolo
Pornografia minorile
Portierato
Possesso
Possessorie
Possideo quia possideo
Postilla
Potere
Potestà
Poveri
Prassi
Praticantato
Preavviso
Precario
Precettazione
Precetto
Precisazione delle conclusioni
Preclusione
Prefetto
Prelazione
Prelegato
Preleggi
Preliminare
Premeditazione
Premio
Premorienza
Prepensionamento
Prescrizione
Presidente
Presidenzialismo
Prestatore di lavoro
Prestazione
Presunzione
Presupposizione
Preterintenzione
Preterizione
Previdenza
Prezzo
Prigionieri di guerra
Primarie
Principi
Prior in tempore potior in iure
Privacy
Privativa
Privatizzazione
Privilegio
Probatio diabolica
Probation processuale
Probiviri
Procacciatore d’affari
Procedimenti
Procedimento
Procedura
Procedure concorsuali
Processo
Proclami pubblici
Procura
Procura della Repubblica
Procuratore
Prodigalità
Prodotti finanziari
Produttore
Professionalità nel reato
Professione intellettuale
Profitto
Profughi
Progetto individuale di inserimento
Progressione criminosa
Progressività del sistema tributario
Progressivo
Promessa
Promotore finanziario
Promulgazione delle leggi
Proporzionale
Proposta contrattuale
Proposta di legge
Proprietà
Proprio
Prorogatio
Proscioglimento
Prostituzione
Protesto
Protutore
Prova
Provincia
Provocazione
Provvedimenti
Provvigione
Provvisionale
Provvisoria esecuzione
Pubblica amministrazione
Pubblicazione
Pubblicità
Pubblico
Puntuazione
Purgazione
Putativo


Tutte le voci sono tratte dal Nuovo Dizionario Giuridico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Giuridico
Aberratio (dir. pen.)
È la divergenza tra il fatto voluto dall'agente e quello effettivamente realizzato, per un errore nell'uso dei mezzi esecutivi del reato o per altri fattori.
L'(—) può riguardare il processo causale, la persona offesa e l'evento. Si distingue, quindi, tra:
() causae
Si verifica se l'agente ha realizzato il reato voluto ma il processo causale si è svolto in maniera diversa da quella voluta (es.: Tizio getta Caio nel fiume, con l'intenzione di annegarlo; Caio, invece, muore battendo il capo su una roccia). Generalmente, l'(—) causae non ha rilevanza nei reati a forma libera, nei quali le modalità di realizzazione del fatto non costituiscono elementi essenziali del reato (es., omicidio), ma rileva solo la realizzazione dell'evento.
Diversamente, l'(—) causae ha rilevanza nei reati a condotta vincolata (es., truffa), nei quali le modalità dell'azione costituiscano elementi essenziali del fatto, ove, in virtù di essa, il fatto non sussiste, perché atipico [Tipicità].
() delicti
Si verifica quando, per errore nell'uso dei mezzi di esecuzione o per altra causa, si cagiona un evento diverso da quello voluto, mutandosi, così, il titolo di reato (es.: Tizio vuole danneggiare una vetrina con un sasso, ma ferisce un passante).
In questo caso, il colpevole risponde a titolo di colpa dell'evento non voluto, quando il fatto è preveduto dalla legge come delitto colposo. Infine, nell'ipotesi in cui il colpevole abbia cagionato altresì l'evento voluto [(—) delicti plurioffensiva] si applicano le regole sul concorso formale di reati, per cui l'agente risponderà del reato voluto a titolo di dolo, in concorso con uno o più reati colposi.
Secondo alcuni, l'inciso a titolo di colpa va interpretato nel senso che l'attribuzione dell'evento diverso richiede la sussistenza di tale elemento soggettivo nell'agente (peraltro ravvisabile nella stessa commissione del reato doloso, costituente una violazione di legge). Altri, invece, ritengono che trattasi di una ipotesi di responsabilità oggettiva, che dunque prescinde dalla colpa dell'agente.
() delicti concorsuale
[Concorso (di persone nel reato)]
() ictus
Ricorre quando, per errore nei mezzi di esecuzione o per altra causa si cagiona un'offesa a persona diversa da quella che si voleva offendere. In tal caso, l'art. 82 c.p. distingue due ipotesi:
 (—) ictus monoffensiva: è offesa una persona diversa da quella alla quale l'offesa era diretta (es.: Tizio spara a Caio, ma uccide Sempronio, che si trova lì vicino). Vigendo nel nostro ordinamento il principio dell'indifferenza del soggetto passivo, cioè dei titolari specifici dei beni tutelati, l'agente risponde del fatto effettivamente commesso come se avesse commesso quello voluto. L'agente, infatti, ha voluto realizzare ed ha realizzato, un fatto identico a quello tipico [Tipicità];
— (—) ictus plurioffensiva: si realizza quando, oltre alla persona diversa, è offesa anche quella alla quale l'offesa era diretta (es.: Tizio spara a Caio, ma uccide, insieme con lui, anche Sempronio). In tale ipotesi il colpevole soggiace alla pena stabilita per il reato più grave, aumentata fino alla metà. Se oltre alla persona voluta si offende una pluralità di persone, la disciplina applicabile è quella relativa al concorso formale di reati, che sembra la più conforme al principio di legalità e al divieto di analogia in malam partem.