Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
IP5 Ipercompendio Diritto Civile<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 320 € 16,00</span> IP3 Ipercompendio Diritto Penale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 352 € 17,00</span> 5/3 Compendio di Istituzioni di Diritto Privato (Diritto Civile)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXIII, pag. 672 € 21,00</span> 5 Manuale di Istituzioni di Diritto Privato (Diritto Civile)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXVI, pag. 896 € 30,00</span> E3 Codice Penale Esplicato spiegato Articolo per Articolo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXIV, pag. 1568 € 43,00</span> E1   Codice Civile Esplicato spiegato Articolo per Articolo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXIV, pag. 2336 € 48,00</span> 503/3 Codice Penale e di Procedura Penale Minor<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXXIV, pag. 1792 € 25,00</span> 504/4 Codice Civile e di Procedura Civile e leggi complementari (Editio minor)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXXII, pag. 1632 € 25,00</span>
Ebbrezza
Eccessiva onerosità
Eccesso di potere
Eccezione
Economicità
Editio actionis
Edizione
Effetti del negozio
Effetti penali della condanna
Effetto cambiario
Efficacia
Eguaglianza
Electio amici
Elettorato
Elettrodotto
Elezione di domicilio
Elezioni
Elisione dell’imposta
Elusione fiscale
Emancipazione
Embargo
Emblema
Emendamento
Emendatio libelli
Emigrazione
Emptio non tollit locatum
Emptio rei speratae
Emptio spei
Emulazione
Energia
Enfiteusi
Engineering
Ente di fatto
Ente morale
Ente non profit
Ente pubblico
Entrata in vigore della legge
Equa riparazione
Equità
Equo canone
Erede
Eredità
Erga omnes
Ergastolo
Errore
Errore giudiziario
Errores in iudicando e in procedendo
Esame contabile
Esame delle parti
Esame di Stato
Escussione
Esdebitazione
Esecutivo
Esecutore testamentario
Esecutorietà
Esecuzione
Esecuzione forzata
Esecuzione penale
Esenzione fiscale
Esercizio sociale
Esimenti
Esperimenti giudiziali
Esposto
Espromissione
Espropriazione forzata
Espropriazione per pubblica utilità
Espulsione dello straniero
Esternazione
Estimatoria
Estimatorio
Estorsione
Estradizione
Estromissione dal processo
Eutanasia
Evasione fiscale
Evidenza pubblica
Evizione
Ex nunc, ex tunc
Exceptio doli
Exequatur
Exit poll
Extracomunitari
Extrapetizione
Extraterritorialità


Tutte le voci sono tratte dal Nuovo Dizionario Giuridico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Giuridico
Errore (d. civ.; d. pen.)
In ambito giuridico si intende quale imperfetta conoscenza o falsa rappresentazione della realtà.
() nel diritto penale
Consiste in una falsa rappresentazione della realtà, cui è equiparata l'ignoranza che più propriamente è mancanza di conoscenza.
Esso si distingue in (—) motivo ed (—) inabilità. Il primo incide sul processo di formazione della volontà, che nasce quindi viziata. L'(—) inabilità, invece, interessa la fase esecutiva del reato e si realizza nel reato aberrante [Aberratio].
Nell'ambito del problema della rilevanza dell'(—) motivo, problema che è tra i più irti di difficoltà e controversie, si distingue l'(—) sul divieto e l'(—) sul fatto.
L'(—) sul divieto (o sul precetto) si determina quando l'agente si rappresenta, vuole e realizza un fatto materiale perfettamente identico a quello vietato dalla norma penale ma che, per errore su questa, ritiene non essere reato. Tale (—) può derivare:
— dall'ignoranza o erronea interpretazione della legge penale (es.: Tizio uccide un moribondo, convinto per (—) che la sua condotta non integra la fattispecie delittuosa di cui all'art. 575 c.p. in quanto ritiene che nella nozione ivi delineata di uomo non rientri il moribondo);
— dall'ignoranza o dall'erronea interpretazione della legge extrapenale, richiamata dalla norma penale, ove tale (—) non si traduca in un (—) sul fatto (es.: il debitore che compia le azioni previste dall'art. 251 L. fall., ignorando, a cagione di errore sulla legge civile, di essere imprenditore).
A seguito della sentenza n. 364/1988 della Corte Costituzionale, l'(—) è scusabile se deriva da ignoranza inevitabile della legge penale.
L'(—) sul fatto si ha quando il soggetto crede di realizzare un fatto diverso da quello penalmente sanzionato, e scusa salvo che derivi da colpa dell'agente, nel qual caso la punibilità non è esclusa ove il fatto sia preveduto dalla legge come delitto colposo. Esso può derivare:
— da un (—) di fatto, ossia dalla mancata o inesatta percezione o valutazione di un dato afferente alla realtà naturalistica (es.: Tizio va a caccia e, ritenendo che il movimento di un cespuglio sia stato causato dalla presenza di una lepre, spara e ferisce un uomo). Tale (—) è disciplinato dall'art. 471 c.p.: L'(—) sul fatto che costituisce il reato esclude la punibilità dell'agente. Nondimeno, se si tratta di (—) determinato da colpa, la punibilità non è esclusa, quando il fatto è preveduto dalla legge come delitto colposo;
— da un (—) sulla legge extrapenale richiamata dalla norma penale, nel caso in cui, in ragione di esso, l'agente voglia un fatto concreto diverso da quello penalmente sanzionato (es.: chi, per (—) sulla legge civile, crede che la legna del bosco sia res nullius e, di conseguenza, non vuole rubare alcuna cosa mobile altrui). L'(—) su legge extrapenale è regolato dall'art. 473 c.p.: L'(—) su una legge diversa dalla legge penale esclude la punibilità quando ha cagionato un (—) sul fatto che costituisce reato;
— da un (—) sulla legge penale o su norma extragiuridica (sociale, culturale), richiamata. Mentre parte della dottrina esclude la rilevanza penale di tale (—), poggiando su un'interpretazione letterale dell'art. 473 c.p., altra parte si esprime in favore della valenza scusante dello stesso, ritenendo possibile accedere ad un'applicazione estensiva o analogica della succitata disposizione.
() nel diritto civile
È un vizio della volontà, che incide sul processo formativo della stessa, fuorviandola.
Si sostanzia in una falsa rappresentazione della realtà: ad esso è equiparata l'ignoranza, ossia la mancanza di qualsiasi conoscenza.
L'(—) può cadere su una circostanza di fatto, dando luogo all'(—) di fatto, ovvero su una circostanza di diritto, determinando un (—) di diritto.
L'(—) determina l'annullabilità [Annullamento] del contratto, nel termine di prescrizione di 5 anni, purché esso sia rilevante, cioè sia essenziale e riconoscibile.
L'(—) è essenziale allorché è stato tale da aver determinato la parte a concludere il contratto. Tuttavia, non ogni (—) determinante deve definirsi essenziale, in quanto il legislatore ammette questa figura unicamente nelle ipotesi contemplate negli artt. 1429 e 1430 c.c. Non riveste carattere di essenzialità l'(—) sui motivi [Motivo], salve le eccezioni previste in materia di testamento (art. 624 c.c.) e di donazione (art. 787 c.c.).
Ai sensi dell'art. 1431 c.c., l'(—) si considera riconoscibile quando, in relazione al contenuto, alle circostanze del contratto ovvero alla qualità dei contraenti, una persona di normale diligenza avrebbe potuto rilevarlo. La ratio della riconoscibilità va ravvisata nella tutela dell'affidamento della controparte [Affidamento (tutela dell')]. Presupposto di tale requisito è pertanto la unilateralità dell'(—) e cioè la contrapposizione tra una volontà inficiata nella sua formazione ed un'altra immune da qualsiasi vizio. Di conseguenza, quando l'(—) è comune, non rilevando il principio dell'affidamento, la riconoscibilità non ha più alcun valore, perché nessuno dei contraenti ha interesse alla conservazione del negozio.
() ostativo (d.civ.)
Tale (—) non è un vizio della volontà, in quanto non incide sul processo formativo della stessa, ma determina una divergenza tra la volontà, che si è esattamente formata, e la dichiarazione a causa di una svista materiale o di un (—) nel linguaggio giuridico (art. 1433 c.c.).
Esso determina l'annullabilità del contratto.
() di diritto (d.civ.)
È quello che cade su norme giuridiche, ad esempio è (—) di diritto quello in cui incorre l'acquirente di una merce con la finalità di esportarla, ignorando che la legge proibisce quella esportazione.
Esso è causa di annullamento quando abbia costituito la ragione unica e principale del consenso.
() di calcolo (d. civ.)
L'art. 1430 c.c. prevede l'(—) di calcolo che non dà luogo all'annullamento, ma alla rettifica del contratto [Rettifica], salvo che, concretandosi in (—) sulla quantità, abbia assunto una importanza determinante.
In particolare, esso sussiste quando si incorra in una svista materiale nelle operazioni aritmetiche, rilevabile prima facie, in base ai dati da computare ed al criterio matematico, ed emendabile con la semplice ripetizione del calcolo.
() di fatto quale motivo di revocazione della sentenza (d. proc. civ.)
Consiste in un'inesatta percezione o valutazione della realtà che consente la revocazione della sentenza (art. 395, n. 4 c.p.c.). L'(—) presenta particolari affinità con gli errori materiali o di calcolo (artt. 287 ss. c.p.c.), ma se ne distingue in quanto, mentre l'errore materiale o di calcolo ha fondamento testuale, emerge cioè dal testo della sentenza, l'(—) in esame ha fondamento extratestuale, in quanto emerge non dal testo della sentenza, bensì dagli atti o documenti della causa.
() materiale o di calcolo nella sentenza (d. proc. civ.)
L'errore materiale è dovuto a disattenzione; è estraneo ad ogni elemento valutativo ed emerge dal confronto tra la motivazione ed il dispositivo (ad es. nel caso di erronea indicazione delle parti in causa o di indicazione della contumacia della parte, invece, costituita).
L'errore di calcolo consiste, invece, nell'erronea utilizzazione delle regole aritmetiche o comunque matematiche. Il legislatore ha apprestato la procedura di correzione delle sentenze di cui all'art. 287 c.p.c. quale rimedio volto ad eliminare errori ed inesattezze delle sentenze contro le quali non sia stato proposto appello e delle ordinanze non revocabili (artt. 287 e 826 c.p.c.).
() scusabile (d. proc. civ.)
[Rimessione (in termini)].