Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
526/A Concorso Scuola dell’Infanzia e Primaria - Manuale completo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 III, pag. 800 € 44,00</span> PK35 Maturità Scienze Umane<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2015 , pag. 224 € 9,00</span> W23 Storia del Cinema<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2009 , pag. 128 € 8,00</span> W53 Sociologia dell'organizzazione<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2010 , pag. 128 € 8,00</span> W42 Psicologia Clinica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 128 € 9,00</span> W43 Psicologia Sociale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 128 € 9,00</span>
Obesità
Oceanico
Odio
Oggettiva
Oggetto
Olismo
Ombra
Omosessualità
Onirico
Onirismo
Onnipotenza del sé
Onomatomania
Operazionismo
Opinione
Opposti
Orale
Orale
Orale
Orale
Orale
Orale
Orale
Organicismo
Organizzazione
Orgasmo
Orgone
Orientamento
Ospedalismo
Ossessione e disturbo ossessivo-compulsivo



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario di Scienze Psicologiche
Ombra
Concetto junghiano che indica il lato oscuro più riposto e primitivo della personalità. È la personificazione dei contenuti rimossi, non autorizzati della psiche e in tal senso si contrappone al concetto di persona, come polo inconscio dell'immagine esteriore del soggetto. L'o. è l'insieme di quelle caratteristiche personali che l'individuo vuol celare a sé oltre che agli altri e che, generalmente, proietta su questi ultimi: il soggetto scorge i propri atteggiamenti oscuri, riflessi in colui che sceglie come capro espiatorio. Jung ritiene che l'o. sia caratterizzata da tratti e comportamenti non soltanto negativi e individua nell'Io come nella coscienza collettiva i responsabili dei tentativi di rimuoverla o ignorarla. È sempre l'o., nella sua accezione positiva, a permetterci di mantenere i piedi per terra, a ricordarci la nostra incompletezza e a garantire la presenza dei tratti complementari della nostra personalità. È importante non confondere il concetto junghiano di o. con quello freudiano di rimosso, in quanto sono rispettivamente correlati al fenomeno di non-consapevolezza e di non-coscienza. Ciò vuol dire che l'o. rende l'uomo inconsapevole di taluni aspetti di sé e del mondo circostante, che possono però emergere se considerati con un po' di onestà: l'o., come anche la Persona, è costitutiva degli aspetti più esteriori dell'individuo e quindi quelli più facilmente accessibili alla coscienza, a differenza delle altre subpersonalità, connesse con la realtà psichica dell'inconscio collettivo. L'incontro con l'o. spesso coincide con la presa di coscienza del tipo di atteggiamento e di funzione cui si appartiene. Jung attribuisce un'enorme rilevanza al fatto di rendere cosciente l'o., perché ciò induce una trasformazione psichica tale da determinare nel soggetto una maggiore consapevolezza, un incremento dell'energia a disposizione dell'Io, oltre a costituire un passo essenziale nel processo di individuazione. L'integrazione dell'o., tuttavia, non può mai avvenire totalmente, tanto che gli analisti junghiani parlano in tal senso di venire a patti con essa.