Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
17/4 Compendio di Storia del Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 V, pag. 288 € 15,00</span> 21/2 Compendio di Isitituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VI, pag. 256 € 18,00</span> 21/3 Schemi & Schede di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 III, pag. 160 € 10,00</span> 583 Dizionario Giuridico Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 VI, pag. 560 € 15,00</span> 21 Il nuovo Manuale di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 VII, pag. 528 € 22,00</span> 17 Il nuovo Manuale di Storia del Diritto Romano (Diritto pubblico romano)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 V, pag. 272 € 20,00</span> IP9 Ipercompendio Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 240 € 10,00</span> W18 Storia del Diritto Medioevale e Moderno<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 160 € 10,00</span>
Accolti
Accursio (o Accursi o Accurso) Francesco
Act
Act of Parliament
Act of Settlement
Act of Supremacy
Adfiliatio
Adfratatio
Adozione
Affatomia
Affidavit
Affiliazione
Affrancato
Affrancazione
Affratellamento
Africano (Sesto Cecilio)
Agilulfo
Agostino Aurelio (Santo)
Agreement
Alani
Alarico I
Alarico II
Alberico da Rosate
Alberto da Gandino
Albinaggio
Alciato Andrea
Aldio
Alemanni
Alessandro III
Alessandro Tartagni
Allgemeines Bürgerliches Gesetzbuch
Allgemeines Landrecht
Allodio
Alta e bassa giustizia
Amicus curiae
Ammiragli
Ammiragliato
Amparo
Ancien Régime
Andi-gawere
Andrea Barbazza
Andrea d’Isernia
Angli
Anticurialismo
Antistoricismo
Antitribonianus
Antonio da Budrio
Antrustione
Aquisgrana
Aragonesi
Arbitrato
Arenga
Arengo
Ari-gawere
Arianesimo
Arimanno
Aristocrazia
Arouet François-Marie
Asilo
Assegnati
Assemblea Costituente
Assemblea Nazionale Costituente
Assolutismo
Assolutismo illuminato
Assumpsit
Astolfo
Ataulfo
Attorney General
Auctoritas
Austin John
Autari
Authenticum
Autolimitazione
Autopragia
Aventino
Avvogadori (o Avogadori)
Azzo (o Azzone) Porzio



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo
Assemblea Nazionale Costituente

La crisi finanziaria che colpì la Francia negli ultimi decenni del ’700 indusse il re Luigi XVI (1754-93) alla convocazione a Versailles degli Stati generali [vedi] il 5 maggio 1789. Il problema delle procedure nelle votazioni (per ordine o per testa) spinse il Terzo Stato [vedi] a proclamarsi Assemblea Nazionale (17 giugno).
Dopo il giuramento della Pallacorda (20 giugno) e l’ingiunzione del re ai membri del clero e della Nobiltà di unirsi al Terzo Stato (7 luglio), l’Assemblea Nazionale si proclamò Assemblea Nazionale Costituente (9 luglio 1789). Essa divenne organo del potere legislativo e del potere costituente, limitando i poteri del sovrano.
L’appoggio popolare del 14 luglio rafforzò l’operato dell’(—), che il 4-5 agosto abolì i privilegi e i diritti feudali. Il 28 agosto approvò la Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino [vedi], che costituì il Preambolo della Costituzione. Tali decisioni ottennero la ratifica del re solo nell’ottobre del 1789, dopo la marcia del popolo su Versailles.
Dopo il trasferimento a Parigi, l’(—) continuò i suoi lavori all’Arcivescovado e poi nella Sala del Maneggio presso le Tuileries.
L’(—) si divideva tra destra (aristocratici) e sinistra (patrioti), così distinti dalla posizione a sedere nell’Aula. All’interno dei patrioti vi erano i moderati monarchici, favorevoli al modello costituzionale inglese e gli avanzati o costituzionali, favorevoli al monocameralismo.
Tra i principali oratori, Cazalès e l’abate Maury (destra), Malouet e Mounier (centro-destra), Lafayette, Mirabeau, il triumvirato Barnave, Duport, Lapeth (centro-sinistra). All’estrema sinistra erano Buzot, Pétion, Robespierre. Tra le decisioni approvate: l’istituzione di una Camera unica (10 settembre 1789), la concessione al re del veto sospensivo (11 settembre), la incompatibilità tra membri del Legislativo e dell’Esecutivo (7 novembre).
La crisi finanziaria indusse l’(—) alla confisca dei beni della Chiesa cattolica e alla loro conversione in beni nazionali (novembre 1789) [vedi Assegnati].
Nel luglio 1790 venne votata la Costituzione civile del Clero [vedi ]. Successivamente con la legge Le Chapelier vennero aboliti gli Ordini e le Corporazioni (14 giugno 1791).
Il 3 settembre 1791 fu approvata la Costituzione. Essa prevedeva una monarchia parlamentare con esecutivo debole, monocameralismo, sistema elettorale censitario (votavano i soli cittadini “attivi”, cioè proprietari di un patrimonio proprio). Le cariche amministrative e giudiziarie divennero elettive ed i processi pubblici. Lo Stato fu diviso in 83 Dipartimenti [vedi].
I deputati si separarono il 30 settembre 1791, dopo aver deciso la non eleggibilità all’Assemblea Legislativa dei membri della Costituente.