Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
17/4 Compendio di Storia del Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 V, pag. 288 € 15,00</span> 21/2 Compendio di Isitituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VI, pag. 256 € 18,00</span> 21/3 Schemi & Schede di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 III, pag. 160 € 10,00</span> 583 Dizionario Giuridico Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 VI, pag. 560 € 15,00</span> 21 Il nuovo Manuale di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 VII, pag. 528 € 22,00</span> 17 Il nuovo Manuale di Storia del Diritto Romano (Diritto pubblico romano)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 V, pag. 272 € 20,00</span> IP9 Ipercompendio Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 240 € 10,00</span> W18 Storia del Diritto Medioevale e Moderno<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 160 € 10,00</span>
Gabbie salariali
Gabella
Gabellotto
Gaggio
Gaio
Gairethinx
Gallia
Gallicanesimo
Gambiglioni Angelo d’Arezzo
Gasindi (o Antrustioni)
Gastaldi
Gaudenziana
Gelasio I
Genovesi Antonio
Gens
Genserico
Genti
Gentili Alberico
Germani
Gesetzgebungsstaat
Gesuiti
Gewere
Giannone Pietro
Giason del Maino
Gilda
Giovanni da Imola
Giovanni da Parigi
Giovanni d’Andrea
Gisel
Giudizio di Dio
Giuliana
Giuramento
Giuria
Giurisdizionalismo
Giurisdizione
Giurisprudenza
Giuseppismo
Giusnaturalismo
Giuspositivismo
Giustiniano I
Giustino I
Giustizia
Glanvill Ranulf
Glossa
Glossa Accursiana
Glossa di Casamari
Glossa di Koln
Glossa di Pistoia
Glossa di Torino
Glossae malbergicae
Glossatori
Godefroy Denis
Godomaro (o Gondemaro)
Goffredo da Trani
Gombetta
Goti
Gran ammiraglio
Gran cancelliere
Gran Consiglio del Fascismo
Graziano
Gregoriana
Gregorio (o Gregoriano)
Gregorio (vescovo di Tours)
Gregorio I Magno
Gregorio IX
Gregorio VII
Gride
Grimoaldo
Grozio Ugo
Grundgesetz
Grundnorm
Gualdarii
Guarentigie
Guarentigie costituzionali
Guariganghe
Guerra gotica
Guerre di religione
Guglielmo di Occam (o Ockam)
Guglielmo Durante
Guidrigildo
Gundebaldo (o Gondebaldo o Gundobado)
Gundicaro



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo
Giudizio di Dio

Detto anche ordalia, era presso i Germani [vedi] un istituto processuale attraverso il quale si rimetteva alla decisione di un ente soprannaturale l’esito di una controversia giuridica. Ad esso si faceva ricorso in tutti i casi di contestazione di un giuramento [vedi] o di incertezza del tribunale. Consisteva in una sfida, alla quale era sottoposto il convenuto, a compiere qualcosa di pericoloso, come passare attraverso le fiamme o mettere la mano nell’acqua bollente, in modo tale che colui che avesse passato illeso la prova, dimostrava per ciò solo la propria innocenza.
Erano previsti tre tipi di (—): quello in cui il convenuto si trovava da solo ad affrontare la prova (ad es. gli si infiggeva una scottatura: se questa si infettava, egli era colpevole; in caso contrario era innocente); quello in cui attore e convenuto erano in concorrenza (ad es. entrambi si ponevano in piedi, uno di fronte all’altro e con le braccia sollevate: il primo che non resisteva alla stanchezza ed abbassava le membra era dichiarato colpevole) ed il duello [vedi]. Quest’ultimo espediente fu creato nel VI secolo e veniva applicato soprattutto nei casi di dichiarazione di falso di uno scritto o di un giuramento. Il vincitore del duello era considerato il designato da Dio e, quindi, era innocente.
Tutte queste prove si fondavano, dunque, sulla persuasione che Dio interveniva concretamente nelle vicende degli uomini e che, attraverso pratiche magiche, questi ultimi erano in grado di convogliare la volontà divina secondo i loro desideri.
La prova veniva fissata dal giudice caso per caso e, una volta reso il (—), egli si limitava a dichiarare la volontà divina, mentre l’esecuzione della sentenza restava affidata ai consueti mezzi della faida [vedi] o del guidrigildo [vedi]. Se il condannato non accettava la pena, doveva recarsi dinanzi al tribunale del re, per affermare che il tribunale del popolo [vedi mallum] aveva giudicato ingiustamente. Qualora, tuttavia, fosse stato in cattiva fede, sarebbe incorso in una grave pena.