Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
526/A Concorso Scuola dell’Infanzia e Primaria - Manuale completo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 III, pag. 800 € 44,00</span> PK35 Maturità Scienze Umane<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2015 , pag. 224 € 9,00</span> W23 Storia del Cinema<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2009 , pag. 128 € 8,00</span> W53 Sociologia dell'organizzazione<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2010 , pag. 128 € 8,00</span> W42 Psicologia Clinica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 128 € 9,00</span> W43 Psicologia Sociale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 128 € 9,00</span>
Obesità
Oceanico
Odio
Oggettiva
Oggetto
Olismo
Ombra
Omosessualità
Onirico
Onirismo
Onnipotenza del sé
Onomatomania
Operazionismo
Opinione
Opposti
Orale
Orale
Orale
Orale
Orale
Orale
Orale
Organicismo
Organizzazione
Orgasmo
Orgone
Orientamento
Ospedalismo
Ossessione e disturbo ossessivo-compulsivo



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario di Scienze Psicologiche
Opinione
Da un punto di vista soggettivo è lo stato mentale che consiste nel proporre o accettare una tesi, non escludendo la possibilità che la tesi opposta sia vera; da un punto di vista oggettivo è la stessa tesi opinata. Un'o. profondamente radicata, tanto da far ritenere a chi la professa quasi impossibile l'errore, si dice convinzione. Si parla invece di certezza quando si esclude totalmente ogni dubbio sulla tesi di cui si è certi. L'o. presuppone la problematicità della tesi che ne forma oggetto, e ha per caratteristiche la soggettività in contrapposizione all'obiettività, la contingenza in contrapposizione alla necessità, la labilità di fronte alla stabilità della certezza. Un capitolo importante della psicologia sociale è lo studio dell'opinione pubblica per stabilire se sia spontanea o provocata, emergente nei gruppi primari o secondari, discendente da strutture personali profonde, dall'affettività, dalla specificità dell'universo vissuto, da processi di razionalizzazione o altro. Le scale di Thurstone, di Lickert, di Bogardus e altri tentano di misurare e di determinare quella predisposizione all'o. che si collocherebbe tra l'innato e l'acquisito, tra il cosciente e l'incosciente, tra l'individuo e la società; parametri a partire dai quali è possibile definire il contenuto dell'o., il grado di adesione che essa suscita e le risposte che è capace di stimolare e di provocare. Per lo studio delle o. i principali strumenti utilizzati sono le inchieste e i sondaggi. È definita inchiesta l'insieme delle tecniche che permettono di interrogare con colloqui diretti o con questionari standardizzati una o più persone sull'argomento oggetto dell'inchiesta; quando gli interrogatori vengono effettuati secondo un piano preciso, ordinato nella forma del questionario, si parla di sondaggio. I sondaggi psicosociologici hanno, in genere, un carattere empirico e sono sprovvisti di veste teorica. Anche se il criterio della rappresentazione esige che si possano verificare le informazioni ottenute, nei sondaggi sociali questa verifica, che è possibile quando il campione è retto dalla teoria aleatoria, nei fatti è impraticabile, perché non si è in grado di sostituire un elemento nella struttura di un campione, così come è difficile procedere a permutazioni o a interscambi senza modificare i rapporti tra le parti e l'insieme. Il limite di tutti i sondaggi d'o. consiste nel fatto che si opera una reificazione dell'intervistato estratto dal suo vissuto esperenziale. Al fine di ridurre l'arbitrarietà dei sondaggi, si introducono i seguenti correttivi analitici: l'analisi fattoriale che raggruppa le domande per trovare una rappresentazione d'insieme di risposte assai disperse e il grado di fedeltà della rappresentazione ottenuta; l'analisi discriminante che divide la popolazione in gruppi per trovare le variabili che meglio li caratterizzano; l'analisi canonica che collega due insiemi di variabili misurate sulla stessa popolazione; l'analisi di segmentazione che spiega una variabile con l'altra stabilendo un ordine gerarchico decrescente tra le dimensioni e le loro associazioni successive, a seconda della grandezza delle differenze che comportano per la frequenza di una caratteristica.