Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
17/4 Compendio di Storia del Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 V, pag. 288 € 15,00</span> 21/2 Compendio di Isitituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VI, pag. 256 € 18,00</span> 21/3 Schemi & Schede di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 III, pag. 160 € 10,00</span> 583 Dizionario Giuridico Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 VI, pag. 560 € 15,00</span> 21 Il nuovo Manuale di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 VII, pag. 528 € 22,00</span> 17 Il nuovo Manuale di Storia del Diritto Romano (Diritto pubblico romano)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 V, pag. 272 € 20,00</span> IP9 Ipercompendio Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 240 € 10,00</span> W18 Storia del Diritto Medioevale e Moderno<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 160 € 10,00</span>
Gabbie salariali
Gabella
Gabellotto
Gaggio
Gaio
Gairethinx
Gallia
Gallicanesimo
Gambiglioni Angelo d’Arezzo
Gasindi (o Antrustioni)
Gastaldi
Gaudenziana
Gelasio I
Genovesi Antonio
Gens
Genserico
Genti
Gentili Alberico
Germani
Gesetzgebungsstaat
Gesuiti
Gewere
Giannone Pietro
Giason del Maino
Gilda
Giovanni da Imola
Giovanni da Parigi
Giovanni d’Andrea
Gisel
Giudizio di Dio
Giuliana
Giuramento
Giuria
Giurisdizionalismo
Giurisdizione
Giurisprudenza
Giuseppismo
Giusnaturalismo
Giuspositivismo
Giustiniano I
Giustino I
Giustizia
Glanvill Ranulf
Glossa
Glossa Accursiana
Glossa di Casamari
Glossa di Koln
Glossa di Pistoia
Glossa di Torino
Glossae malbergicae
Glossatori
Godefroy Denis
Godomaro (o Gondemaro)
Goffredo da Trani
Gombetta
Goti
Gran ammiraglio
Gran cancelliere
Gran Consiglio del Fascismo
Graziano
Gregoriana
Gregorio (o Gregoriano)
Gregorio (vescovo di Tours)
Gregorio I Magno
Gregorio IX
Gregorio VII
Gride
Grimoaldo
Grozio Ugo
Grundgesetz
Grundnorm
Gualdarii
Guarentigie
Guarentigie costituzionali
Guariganghe
Guerra gotica
Guerre di religione
Guglielmo di Occam (o Ockam)
Guglielmo Durante
Guidrigildo
Gundebaldo (o Gondebaldo o Gundobado)
Gundicaro



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo
Gran Consiglio del Fascismo

Originatosi dalla marcia su Roma del 1922, fu convocato per la prima volta il 13 gennaio 1923 e svolse funzioni di organo supremo del Partito Nazionale Fascista (P.N.F.). Esso coordinava ed integrava tutte le attività del regime [vedi Fascismo]. Con L. 9 dicembre 1928 (modificata dalla L. 14 dicembre 1929) venne stabilmente inserito nella compagine statale italiana.
Il (—) era composto dal Capo del governo (e Duce del Fascismo), che lo convocava e presiedeva, e da un numero non definito di membri, nominati con decreto reale su proposta del Capo del governo e scelti tra gli esponenti di diverse categorie: i Quadrumviri della Marcia su Roma (perduranti in carica a tempo illimitato); i benemeriti della Nazione e della Rivoluzione fascista (che duravano in carica un triennio ma erano revocabili o riconfermabili in ogni tempo); i Ministri e il Sottosegretario alla Presidenza, i Presidenti della Camera dei Deputati e del Senato, il Segretario e i due Vicesegretari del P.N.F., il Presidente del Tribunale speciale per la difesa dello Stato, i Presidenti delle grandi organizzazioni sindacali dell’industria e dell’agricoltura ed il Presidente della Reale Accademia d’Italia (che duravano in carica per la durata delle loro funzioni).
Il (—) svolgeva funzioni deliberative e consultive.
Le prime riguardavano l’elaborazione della lista dei deputati, da sottoporre all’approvazione del corpo elettorale; l’ elaborazione degli statuti, delle norme e delle direttive politiche da impartire al P.N.F; la nomina e la revoca degli incarichi di vertice del P.N.F.
Le seconde concernevano tutte le questioni di natura costituzionale come, ad esempio, le prerogative della Corona, la successione al trono, le potestà e le attribuzioni del Capo del governo, i rapporti tra Stato e S. Sede, l’ordinamento normativo dei sindacati e delle corporazioni [vedi].
I membri del (—) svolgevano le loro funzioni senza percepire alcun compenso ma godevano dell’immunità contro i procedimenti giudiziari e l’arresto.
Le sedute del (—) erano segrete.