Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
L40 Separazione e Divorzio<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 X, pag. 608 € 46,00</span> 221maior Elementi Maior di Diritto Civile<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2015 XVII, pag. 400 € 14,00</span> L21 Il Diritto dei Minori<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2015 , pag. 688 € 65,00</span> L20 Figli Genitori Famiglia Aspetti Giuridici, Personali e Patrimoniali dopo la Riforma della Filiazione<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2014 , pag. 672 € 74,00</span> FM203 Formulario Commentato del Diritto di Famiglia <br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II Ed., pag. 608 € 58,00</span> 504/4 Codice Civile e di Procedura Civile Minor<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXXIII, pag. 1664 € 25,00</span> 511/1 Quattro Codici Minor<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XVIII, pag. 1824 € 26,00</span> 240 Informatica per i Concorsi<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VI, pag. 352 € 20,00</span> 502/1 Codice Penale Minor<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XLII, pag. 1056 € 14,00</span> C100 Codice Civile (C1) + Codice Penale (C3) - Annotati con la Giurisprudenza<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 , pag. 3520 + 1984 € 126,00</span> C2 Codice di Procedura Civile - Annotato con la Giurisprudenza + Appendice di aggiornamento novembre 2020<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXV, pag. 2336 € 65,00</span> C1 Codice Civile Commentato - Annotato con la Giurisprudenza + Appendice di aggiornamento novembre 2020<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXII, pag. 3456 € 72,00</span>
C.A.F.
C.A.R.D.
C.C.I.A.A.
C.E.
C.E.C.A.
C.E.E.
C.G.I.L.
C.I.C.R.
C.I.D.
C.I.P.E.
C.I.S.A.L.
C.I.S.L.
C.I.S.NA.L.
C.N.E.L.
C.N.R.
C.O.N.I.
C.T.U.
Call center
Calunnia
Cambiale
Camera dei deputati
Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura
Camera di consiglio
Camera penale
Camere del lavoro
Camere in seduta comune
Campagna elettorale
Cancelleria
Cancelliere
Canone
Capacità
Caparra
Capitale sociale
Capitolati
Capo dello Stato
Capo di imputazione
Capostipite
Carabinieri
Carcerazione preventiva
Carenza di potere
Cariche elettive
Carichi pendenti
Carico fiscale
Carta
Carte dei servizi pubblici
Cartella di pagamento
Cartello
Casa di cura e di custodia
Casa familiare
Caschi blu
Casellario giudiziale
Caso fortuito
Cassa integrazione guadagni
Cassazione
Cassazione [ricorso per]
Cassetta di sicurezza
Catasto
Categorie protette
Catering
Causa
Causa legittima di prelazione
Causa petendi
Causalità
Cause di giustificazione
Cauzione
Censura
Centri di assistenza fiscale
Centri di servizio sociale
Centri per la formazione professionale
Centri per l’impiego
Certezza del diritto (teoria gen.)
Certificati
Certificato penale
Certificazione
Cessazione della materia del contendere
Cessio bonorum
Cessio pro soluto
Cessio pro solvendo
Cessione
Chiamata in causa
Chiamato all’eredità
Chirografari
Circolare
Circolazione
Circondario
Circonvenzione di persone incapaci
Circoscrizione
Circostanze
Citazione
Città metropolitana
Cittadinanza
Civilmente obbligato per la pena pecuniaria
Class action
Clausola
Clausola di sbarramento
Clemenza
Coalizione di Governo
Codice
Codice fiscale
Cognizione
Cognome
Coimputato
Cointeressenza
Collaboratore U.N.E.P.
Collaborazione coordinata e continuativa
Collaudo
Collazione
Collegio
Collettivizzazioni
Collocamento
Colonia agricola e casa di lavoro
Colpa
Colpevolezza
Colpo di Stato
Coltivatore diretto
Comando
Comitato
Comitato interministeriale
Comitato olimpico nazionale italiano
Comitato per il controllo sulla gestione
Comma
Commercio
Commessi
Commissari straordinari di Governo
Commissario di polizia
Commissione
Commissione europea
Commixtio sanguinis
Common law
Commorienza
Commutazione
Comodato
Comparizione in giudizio
Comparsa
Compensatio lucri cum damno
Compensazione
Competenza
Comportamento concludente
Comporto
Compossesso
Compravendita
Compromesso
Comproprietà
Computo dei termini
Comune
Comunicazione
Comunione
Comunità
Concentrazione di imprese
Concepito
Concepturus
Concertazione sociale
Concessionari della riscossione
Concessione
Conciliazione
Concordato
Concorrenza
Concorso
Concubinato
Concussione
Condanna
Condicio facti
Condicio juris
Condictio indebiti
Condizione
Condizioni generali di contratto
Condominio
Condono
Condotta
Conduttore
Conferenza
Conferimenti
Confessione
Confessoria
Confini tra Stati
Confisca
Conflitti
Confronto
Confusione
Congedo
Coniugio
Connessione
Consanguinei
Consenso informato
Conservatorie dei registri immobiliari
Consiglio
Consilium fraudis
CONSOB
Consorzio
Constatazione amichevole
Constitutum possessorium
Consuetudine
Consulenza tecnica
Consumatore
Contemplatio domini
Contenzioso tributario
Continenza di cause
Continuato
Conto corrente
Conto economico
Contrabbando
Contraddittorio
Contrattazione collettiva
Contratti bancari
Contratti della Pubblica Amministrazione
Contratto
Contravvenzione
Contribuente
Controesame
Controllo contabile
Controllo di legittimità costituzionale
Controllo giudiziario sulle società
Controllo nelle società di capitali
Controllo societario
Contumacia
Convalescenza dell’atto
Convalida
Convenuto
Convenzione
Conversione
Convivenza
Cooperativa
Copia autentica
Copyright
Corpo del reato
Corpo elettorale
Corporate governance
Corporativismo
Correzione delle sentenze
Corrispondenza
Corruzione propria
Corso concorso
Corte
Cosa
Cosa giudicata
Costituzione
Costituzione in mora
Costituzione [in giudizio]
Cottimo
Creazioni intellettuali
Credito
Credito privilegiato
Creditore
Criminalità organizzata
Crimini internazionali
Crisi di Governo
Cronaca
Cross-examination
Culpa in contrahendo
Culpa in eligendo
Culpa in vigilando
Cuneo fiscale
Curatela
Curatore
Custode
Custodia cautelare in carcere


Tutte le voci sono tratte dal Nuovo Dizionario Giuridico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Giuridico
Famiglia
() di fatto (d. civ.)
È costituita da persone di sesso diverso (secondo alcuni, anche dello stesso sesso) che convivono more uxorio ed, eventualmente, dai figli di esse.
La (—) di fatto non è, quindi, fondata sul matrimonio: essa, pur essendo priva d'una tutela specifica, assume rilievo a taluni effetti. In particolare, la giurisprudenza ha ritenuto applicabile ai conviventi more uxorio il dovere morale di assistenza; ha qualificato come obbligazioni naturali, dunque non ripetibili, le prestazioni alimentari tra i conviventi; ha ritenuto rilevante, ai fini della determinazione dell'assegno divorzile e di separazione o nella decisione per l'affidamento dei minori, l'esistenza di una (—) di fatto.
La Corte Costituzionale ha escluso, da parte sua, che il convivente more uxorio possa annoverarsi tra i successori legittimi, ma ha dichiarato l'illegittimità dell'art. 6 della legge sull'equo canone nella parte in cui non riconosce al convivente il diritto di succedere al conduttore defunto nel contratto di locazione e nella parte in cui non prevede tale diritto in seguito alla cessazione del ménage per abbandono del conduttore, a favore del già convivente quando vi sia prole naturale.
Riguardo ai c.d. abusi familiari (artt. 342bis, 330, 333 c.c.), la legge (L. 154/2001 e L. 149/2001) ha espressamente riconosciuto la responsabilità del convivente.
() nel diritto civile (d. civ.)
La (—) è la prima delle formazioni sociali dove l'uomo svolge la sua personalità (art. 2 Cost.). L'art. 29 della Costituzione proclama che la Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio [Matrimonio] il quale è ordinato sull'eguaglianza morale e giuridica dei coniugi, con i limiti stabiliti dalla legge a garanzia dell'unità familiare.
Da tale affermazione scaturiscono: il principio della monogamia e quello della eguaglianza dei coniugi.
L'art. 30 della Costituzione proclama che è dovere dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli anche se nati fuori del matrimonio e soprattutto a questi ultimi la legge assicura ogni tutela giuridica e sociale compatibile con i diritti dei membri della famiglia.
Da ciò deriva:
— il dovere di entrambi i genitori di educare, allevare e istruire i figli in conformità al loro stato economico;
— il principio dell'equiparazione, ai fini di ogni tutela giuridica e sociale, dei figli legittimi con i figli nati fuori dal matrimonio.
La Costituzione, infine, affida allo Stato il compito di agevolare la formazione della famiglia, proteggere la maternità, l'infanzia etc. (art. 31 Cost.).
In particolare, la (—) è costituita da persone legate da rapporti di coniugio (che lega marito e moglie), parentela (tra persone che discendono da un comune capostipite riconosciuto fino al sesto grado) e affinità (lega tra loro il coniuge e i parenti dell'altro coniuge).
La disciplina della (—) è stata riformata dalla L. 151/75, che ha ribadito tra l'altro il principio di eguaglianza giuridica tra i coniugi; la possibilità di riconoscere figli naturali [Filiazione (naturale)] con identici diritti successori rispetto a quelli legittimi; la esercitabilità della potestà sui figli da parte di entrambi i genitori, non sussistendo più l'istituto della patria potestà.
La legge di riforma ha, inoltre, individuato il regime di comunione dei beni tra i coniugi [Comunione (legale)] come regime patrimoniale legale della famiglia, salva diversa convenzione [Convenzioni (matrimoniali)].
I rapporti patrimoniali (come quelli personali) tra coniugi sono regolati dalla legge nazionale comune (artt. 29-30 L. 218/95). È, tuttavia, possibile che i coniugi stipulino un accordo scritto che attesti la volontà di sottoporre i reciproci rapporti patrimoniali alla legge dello Stato di cui almeno uno di essi è cittadino o nel quale almeno uno di essi risiede.
Dai rapporti familiari derivano, infine, in capo ai singoli componenti della famiglia, diritti soggettivi assoluti, indisponibili, imprescrittibili, personalissimi.
Una nuova normativa, la legge 4-4-2001, n. 154, ha introdotto istituti di tutela contro gli abusi familiari.
() nel diritto penale (d. pen.)
Alla (—), in diritto penale, sono dedicati gli artt. 307 e 540 c.p.
Agli effetti della legge penale, s'intendono per prossimi congiunti gli ascendenti, i discendenti, il coniuge, i fratelli, le sorelle, gli affini nello stesso grado, gli zii ed i nipoti: nondimeno, nella denominazione di prossimi congiunti, non si comprendono gli affini, allorché sia morto il coniuge e non vi sia prole (art. 307, co. 4 c.p.).
Al riguardo, va precisato che fra gli ascendenti di cui parla l'articolo in esame non sono compresi i genitori adottivi.
Detta, poi, l'art. 540 c.p.: Agli effetti della legge penale, quando il rapporto di parentela è considerato come elemento costitutivo o come circostanza aggravante o attenuante o come causa di non punibilità, la filiazione naturale è equiparata alla filiazione legittima.
Il rapporto di filiazione naturale è stabilito osservando i limiti di prova indicati dalla legge civile, anche se per effetti diversi dall'accertamento dello stato delle persone.
L'articolo ha riguardo solo al rapporto di filiazione, cioè a quello di discendenza diretta tra padre e figlio e non si estende ai rapporti tra avo e nipote.
I delitti contro la famiglia sono divisi dal codice penale in quattro classi, a ciascuna delle quali è dedicato un capo: 1) delitti contro l'assistenza familiare; 2) delitti contro la morale familiare; 3) delitti contro lo stato di famiglia; 4) delitti contro l'assistenza familiare.