Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
526/A Concorso Scuola dell’Infanzia e Primaria - Manuale completo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 III, pag. 800 € 44,00</span> PK35 Maturità Scienze Umane<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2015 , pag. 224 € 9,00</span> W23 Storia del Cinema<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2009 , pag. 128 € 8,00</span> W53 Sociologia dell'organizzazione<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2010 , pag. 128 € 8,00</span> W42 Psicologia Clinica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 128 € 9,00</span> W43 Psicologia Sociale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 128 € 9,00</span>
Padre
Panico
Panico
Panpsichismo
Pansessualismo
Papez
Parafilie
Parafrenia
Paralisi
Paranoia
Patografia
Paura
Pavlov, Ivan Petrovic?
Pedagogia
Pedofilia
Pene
Pensiero
Percezione
Percezione
Persecuzione
Persona
Personalità
Personalità
Personificazione
Perversione
Piacere
Piaget
Piaget, Jean
Poetzl
Preconscio
Preedipico
Pregenitale
Pregiudizio
Pregnanza
Pregrafismo
Prelogico
Prensione
Primitivo
Privazione
Processi
Profilo
Profondo
Proiezione
Prossemica
Protesta virile
Pseudoallucinazione
Psiche
Psichiatria
Psichiatria d’urgenza
Psicoanalisi
Psicochirurgia
Psicodinamica
Psicodramma
Psicofarmacologia
Psicofisica
Psicofisico
Psicogenesi
Psicogeno
Psicologia
Psicologia analitica
Psicologia animale
Psicologia applicata
Psicologia clinica
Psicologia commerciale
Psicologia comparata
Psicologia comprensiva
Psicologia culturale
Psicologia del lavoro
Psicologia del profondo
Psicologia del Sé
Psicologia della forma
Psicologia della massa
Psicologia della musica
Psicologia della percezione
Psicologia della personalità
Psicologia della religione
Psicologia delle organizzazioni
Psicologia delle risorse umane
Psicologia dello sport
Psicologia dello sviluppo
Psicologia dell’apprendimento
Psicologia dell’arte
Psicologia dell’età evolutiva
Psicologia dell’Io
Psicologia descrittiva
Psicologia differenziale
Psicologia dinamica
Psicologia fenomenologica
Psicologia filosofica
Psicologia forense
Psicologia generale
Psicologia individuale
Psicologia industriale
Psicologia medica
Psicologia militare
Psicologia nell’arte
Psicologia oggettiva
Psicologia politica
Psicologia rogersiana
Psicologia scolastica
Psicologia sessuale
Psicologia sistemica
Psicologia sociale
Psicologia sperimentale
Psicologia storica
Psicologia transculturale
Psicologia transpersonale
Psicologia umanistica
Psicologismo
Psicometria
Psicomotricità
Psicopatia
Psicopatologia
Psicosi
Psicosi indotte
Psicosocioanalisi
Psicosociologia
Psicosomatica
Psicoterapeuta
Psicoterapia
Pubertà
Puer aeternus
Pulsione
Pulsione
Punizione



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario di Scienze Psicologiche
Piaget [teoria dello sviluppo cognitivo di]
Ogni attività mentale, secondo Piaget, presuppone una maturazione biologica che ne orienta lo sviluppo: questo non è dunque riducibile all'influenza di fattori esterni (ambiente sociale e culturale) sul bambino, come sostenevano i comportamentisti, ma deve tener conto anche e soprattutto che esiste un livello genetico alla base delle formazioni cognitive. L'ipotesi fondamentale di P. è infatti che ci sia un parallelismo tra i progressi compiuti, l'organizzazione razionale e logica della conoscenza, e i corrispettivi processi psicologici formativi. Il bambino, ad esempio, cresce e potenzia le proprie capacità mentali rispettando una sequenza determinata di variazioni e di mutamenti connessi a certi stadi della sua vita. Ogni stadio che nello sviluppo cognitivo si differenzia da un altro presuppone necessariamente lo stadio precedente. In senso stretto, nulla è innato, poiché ogni fase riflette e ha bisogno delle acquisizioni pregresse. Lo sviluppo nasce, così, dall'interazione tra individuo e ambiente: la mente è come un organismo vivente che in rapporto col proprio ambiente si accresce. Sintetizzando, i fattori generali dello sviluppo sono: la maturazione del sistema nervoso; l'apprendimento attraverso l'esperienza diretta; l'interazione sociale; l'integrazione adattiva attraverso cui il bambino autoregola il proprio sviluppo.Il pensiero del bambino si accresce da sé grazie ad alcuni meccanismi fondamentali, che P. definisce invarianti funzionali, cioè dei principi costantemente attivi e operanti a qualsiasi età; questi sono l'organizzazione, l'adattamento, l'equilibrazione. All'interno della mente vige il principio di organizzazione, che è l'accordo del pensiero con se stesso. Il pensiero, infatti, tende a strutturarsi come un insieme coerente di concetti, schemi di comportamento e strategie di risoluzione dei problemi. All'esterno la mente segue il principio di adattamento, che è l'accordo del pensiero con le cose. Il processo di adattamento del pensiero alla realtà avviene attraverso l'assimilazione, che consiste nell'integrare i dati nuovi alle conoscenze già possedute, e l'accomodamento, in cui invece vengono modificati gli schemi preesistenti in funzione delle nuove esperienze. L'ultima invariante funzionale è il principio di equilibrazione, secondo cui l'adattamento continuo tra assimilazione e accomodamento genera sempre nuovi equilibri. Le fasi di questo equilibrio sono identificabili in stadi, ognuno dei quali ha una struttura che permette un'interazione diversa fra individuo e ambiente. Ogni stadio deriva dal precedente che incorpora e trasforma, quando si acquisisce un nuovo stadio il pensiero del precedente scompare. La teoria piagetiana distingue quattro stadi principali, che vanno dalla nascita all'adolescenza.
1) Stadio sensomotorio (da 0 a 2 anni). In questa fase il bambino non riesce a distinguere tra se stesso e l'ambiente, né tra gli oggetti e le azioni che esercita su di essi. Conosce il mondo attraverso l'intelligenza senso-motoria, che gli permette di intervenire sulle cose, percepire gli effetti dell'azione e tornare ad agire. Non appena il bambino verifica il successo di un'azione, tende a ripeterla. Il risultato ottenuto per caso la prima volta diventa uno schema d'azione, che viene riprodotto attivamente in seguito. P. chiama questo genere di comportamenti reazioni circolari. Dalla nascita ai due anni la conoscenza sensomotoria progredisce, attraverso un graduale affinamento e controllo delle reazioni circolari: comincia a differenziare sé dall'ambiente e impara a rispondere ai feed-back esterni (ad esempio, emette suoni e li ascolta), migliora le sue capacità di coordinare le azioni che a un certo punto da casuali diventano intenzionali. Soltanto verso la fine di questo periodo il bambino acquisisce completamente il concetto di permanenza dell'oggetto: un oggetto continua ad esistere anche quando non è percettivamente presente. Si tratta di una conquista che P. considera il fondamento della capacità di rappresentazione mentale. Il bambino non apprende più per tentativi ed errori, ma può rappresentarsi mentalmente le operazioni da compiere.
2) Stadio preoperatorio (da 2 a 7 anni). Mentre nel primo periodo l'intelligenza ha carattere sensoriale e motorio, ossia si manifesta con azioni ed è legata al dato percettivo del momento, in questo periodo lo sviluppo intellettivo trae impulso dalla capacità del soggetto di svincolarsi dall'apparenza dei fenomeni. Fino ad ora l'azione era puramente concreta e momentanea; in questo periodo viene interiorizzata: il bambino ne conserva una traccia nella mente. Il bambino acquisisce la capacità di rappresentazione, cioè di riprodurre mentalmente un oggetto o un avvenimento con le medesime caratteristiche spazio-temporali con cui è stato percepito la prima volta. Tuttavia, eccetto che per la conquista delle rappresentazioni, la descrizione che P. fa di questo stadio verte più sugli aspetti negativi del pensiero del bambino che su quelli positivi. Il pensiero preoperatorio è infatti: uniforme, riesce a elaborare solo una rappresentazione mentale per volta; rigido, non permette di immaginare trasformazioni e vedere le cose da punti di vista diversi; prelogico, è un pensiero ingenuo e poco astratto nei ragionamenti. Il pensiero del bambino in questo stadio non ha perciò raggiunto ancora il livello delle operazioni mentali, che implicano la reversibilità, ossia la capacità di tornare al punto di partenza: ad esempio se su uno dei piatti di una bilancia si pone un peso, l'equilibrio tra i due piatti si può ricomporre o togliendo il peso (inversione) o mettendo un peso uguale sull'altro piatto (reciprocità). Reversibilità significa flessibilità, e quindi nello stadio preoperativo il bambino mostra un'intelligenza rigida, incapace di tenere conto del punto di vista altrui (egocentrismo), di separare le cause dagli effetti (finalismo), di distinguere l'animato dall'inanimato (animismo).
3) Stadio delle operazioni concrete (da 7 a 12 anni). Questo periodo è segnato dalla comparsa delle operazioni, cioè dalla capacità di immaginare trasformazioni della realtà e, perciò, di compiere manipolazioni mentali delle cose in base a determinate regole. Comprende i meccanismi dell'addizione, della sottrazione, della moltiplicazione, della divisione, dell'ordinamento in serie, della reversibilità. In questo stadio il bambino acquisisce il concetto di conservazione, del numero (disponendo diversamente un insieme di oggetti la loro quantità non cambia), della quantità di liquido (che resta uguale anche travasandola in un recipiente stretto), della massa (la quantità di una pallina di plastilina schiacciata resta uguale), del volume. Matura anche la logica delle classificazione e in particolare l'acquisizione del principio d'inclusione, secondo cui esistono categorie più piccole comprese in altre più ampie. Il pensiero in questo stadio non è coerentemente strutturato: un bambino può avere acquisito la conoscenza in certi ambiti e non in altri (ad esempio, può essere in grado di pensare alla conservazione della massa, ma non ha ancora applicato lo stesso principio al volume). P. definisce questo sfasamento cronologico nell'acquisizione delle capacità décalage orizzontale (spostamento orizzontale).
4) Stadio delle operazioni formali (da 12 a 15 anni). In questa fase il pensiero del preadolescente è in grado di staccarsi dal dato concreto per operare su ricordi, immagini mentali, idee e concetti astratti: effettua dei confronti fra concetti, ragiona per ipotesi e ipotizza nuove situazioni per comprendere meglio gli eventi reali. Il ragionamento si fa progressivamente complesso e il pensiero diventa formale. Il ragazzo avverte ora il gusto della discussione animata su problemi astratti ed esercita le proprie capacità logiche e critiche, dimostrando un notevole grado di concentrazione su problemi astratti. Il ragionamento ora si avvale del procedimento deduttivo, che consiste nel partire da una relazione già nota fra due proposizioni per individuare la verità o falsità della prima di esse e affermare con certezza la verità o falsità della seconda. Il pensiero del preadolescente acquista sempre maggior rigore, per cui è in grado di ripetere alcune dimostrazioni scientifiche ed esperimenti, partendo dalle medesime premesse. In tal modo potrà confermarne o smentirne la validità. Il pensiero operatorio formale non considera più la realtà come fonte di conoscenza, ma come una delle manifestazioni del possibile.