Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
GDC10 Custodia e Amministrazione giudiziaria di beni e aziende sotto sequestro<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2010 , pag. 192 € 25,00</span> 529/B Concorso 2425 Dirigenti Scolastici - Compendio<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 , pag. 576 € 35,00</span> 325 Vice Ispettori Polizia di Stato - Manuale completo per la preparazione<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 III, pag. 928 € 48,00</span> 35 Compendio di Diritto Bancario<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 XV, pag. 368 € 23,00</span> 217maior Elementi Maior di Diritto Amministrativo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 XXVII, pag. 336 € 16,00</span> 9/1 Compendio di Diritto Fallimentare<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 XII, pag. 272 € 19,00</span>
A non domino
A quo
A.R.A.N.
Abbandono del minore
Abbandono della cosa
Abbandono di domicilio
Aberratio
Abigeato
Abilitazione
Abitabilità
Abitazione
Abituale
Abitualità criminosa
Abolitio criminis
Aborto
Abrogazione della legge
Abusi familiari
Abusivismo
Abuso
Accertamenti tecnici non ripetibili
Accertamento
Accessione
Accesso
Accessoria
Accessorium sequitur principale
Accettazione
Accollo
Accomandita
Accordi di ristrutturazione dei debiti
Accordo contrattuale
Accrescimento
Acquiescenza
Acquisto
Acquisto a non domino
Actio interrogatoria
Actiones liberae in causa
Ad nutum
Ad quem
Addizioni
Adempimento
Adminicula servitutis
Adozione
Adulterino
Affidamento
Affiliazione commerciale
Affinità
Affitto
Affrancazione del fondo
Agente
Agenzia
Aggiotaggio
Aggravanti
Albergo
Alberi
Albo professionale
Alea
Aleatorio
Alibi
Alienante
Alimenti
Alluvione
Alto tradimento
Alveo abbandonato
Ambasciata
Ambasciatore
Ambiente
Ammenda
Amministratore
Amministrazione
Ammortizzatori sociali
Amnistia
An debeatur
Anagrafe tributaria
Analogia
Anatocismo
Anno giudiziario
Annullamento
Anticipazione bancaria
Antigiuridicità
Antinomia
Antitrust
Apertura della successione
Apertura di credito
Apolidia
Appalto
Apparenza
Appello
Apposizione dei termini
Appropriazione indebita
Aquiliana
Arbitraggio
Arbitrato
Arbitratore
Archiviazione
Arresti domiciliari
Arresto
Arricchimento ingiustificato
Ascendenti
Asilo politico
Aspettativa
Asse ereditario
Assegno
Assemblea costituente
Assemblea dei soci
Assenza
Assicurazione
Assistenza sociale
Associazione
Associazione in partecipazione
Asta pubblica
Attentato alla Costituzione
Attenuanti
Atti osceni
Atti parlamentari
Atto
Attore
Aumento del capitale
Autarchia
Autenticazione
Authority
Autocertificazione
Autodichia
Autodifesa
Autonomia
Autonomie locali
Autore
Autorità amministrative indipendenti
Autorizzazione
Avallo
Avente causa
Avulsione
Avviamento
Avviso di accertamento
Avviso di liquidazione
Avvocato
Avvocatura dello Stato
Azienda
Aziende autonome
Azionariato
Azione


Tutte le voci sono tratte dal Nuovo Dizionario Giuridico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Giuridico
Amministratore
() di condominio
È l'organo esecutivo del condominio, cui compete:
— l'esecuzione delle deliberazioni dell'assemblea, la cura dell'osservanza del regolamento di condominio, la disciplina dell'uso delle cose comuni e della prestazione dei servizi nell'interesse comune, la riscossione dei contributi e l'erogazione delle spese occorrenti per la manutenzione ordinaria delle parti comuni dell'edificio e per l'esercizio dei servizi comuni, nonché il compimento degli atti conservativi dei diritti sulle parti comuni dell'edificio (art. 1130 c.c.);
— la rappresentanza (anche processuale) dei partecipanti al condominio, per cui può agire in giudizio nei limiti delle attribuzioni sopra elencate o dei maggiori poteri conferitigli dal regolamento di condominio o dall'assemblea, ed essere convenuto per qualunque azione concernente le parti comuni dell'edificio (art. 1131 c.c.).
Alla fine di ciascun anno, l'(—) deve rendere il conto della sua gestione.
() di società
È un organo della società che svolge attività di gestione e di direzione dell'attività imprenditoriale, dando così esecuzione al contratto sociale.
Il potere di amministrare è normalmente, ma non necessariamente, connesso con il potere rappresentativo, per cui può accadere che uno o più amministratori siano privi della rappresentanza della società.
Nelle società di persone
Il potere di amministrazione, per principio generale, spetta a ciascun socio con responsabilità illimitata, disgiuntamente dagli altri soci (artt. 2257, 2293 c.c.) salvo diversa pattuizione. È prevista, comunque, la possibilità di amministrazione congiuntiva: in tal caso è necessario il consenso di tutti i soci amministratori per il compimento delle operazioni sociali, salvo casi di urgente necessità al fine di evitare un danno alla società.
Gli (—) sono solidalmente responsabili verso la società per l'adempimento degli obblighi ad essi imposti dalla legge o dal contratto sociale.
Nella società in accomandita semplice
Possono essere nominati (—) soltanto i soci accomandatari ai quali, in mancanza di diverse previsioni nell'atto costitutivo, l'amministrazione spetta disgiuntamente. Per la nomina (se non è contenuta nel contratto sociale) e per la revoca degli (—) è necessario, salvo patto contrario, il consenso di tutti gli accomandatari e di tanti accomandanti che rappresentino la maggioranza del capitale da essi sottoscritto (artt. 2318 ss. c.c.).
Nella società per azioni e a responsabilità limitata
È prevista la nomina di un (—) unico, ovvero di più (—), che costituiscono il consiglio di amministrazione.
Il consiglio agisce collegialmente e delibera a maggioranza assoluta dei presenti, con divieto del voto per rappresentanza (art. 2388 c.c.). Con riguardo particolare alle S.r.l., l'art. 2475 prevede, nell'ipotesi in cui si formi un consiglio di amministrazione, il rinvio alle disposizioni ex artt. 2257 e 2258 in materia di società di persone.
Il consiglio di amministrazione può delegare alcune proprie attribuzioni ad un comitato esecutivo, composto di alcuni dei suoi membri, ovvero ad uno o più amministratori delegati, determinando i limiti della delega; non sono, però, delegabili le attribuzioni riguardanti la emissione di obbligazioni convertibili, la redazione del bilancio, l'aumento e la riduzione del capitale sociale, la redazione del progetto di fusione e di scissione.
La competenza degli ammnistratori ha carattere generale e si estende a tutte quelle operazioni necessarie per l'attuazione dell'oggetto sociale.
Gli amministratori sono civilmente responsabili:
— verso la società, per l'inadempimento degli obblighi imposti dalla legge o dal contratto sociale (artt. 2392, 2393, 2393bisc.c.);
— verso i creditori sociali, per l'inosservanza degli obblighi inerenti alla conservazione ed all'integrità del patrimonio sociale (art. 2394, 2394bisc.c.);
— verso i singoli soci ed i terzi non creditori, per i danni ad essi arrecati, con colpa o dolo, nell'esercizio delle loro funzioni (art. 2395 c.c.).
È possibile, infine, aversi un amministratore di fatto, soggetto privo di investitura formale per mancanza di nomina assembleare, che s'ingerisce, di fatto, nella direzione dell'impresa sociale, condizionandone le scelte operative. In concreto, tale ruolo viene spesso assunto dal cd. azionista di comando, cioè dal socio che, in forza della titolarità di un rilevante pacchetto azionario, può influenzare le decisioni dell'ente.
Nella società in accomandita per azioni
Vi è un nesso indissolubile tra la qualità di socio accomandatario e la titolarità della carica di amministratore (al contrario di quanto è previsto per la società in accomandita semplice, ove gli accomandatari possono, ma non devono, esercitare le funzioni di amministrazione): l'accomandatario che cessa dall'ufficio di amministratore, pertanto, diviene automaticamente un accomandante (art. 2461 c.c.).
Nella società cooperativa
La maggioranza degli (—) deve essere scelta tra i soci cooperatori ovvero tra le persone indicate dai soci cooperatori persone giuridiche (art. 2535 c.c.)
() unico
È l'organo unipersonale al quale l'atto costitutivo o l'assemblea dei soci affida i poteri di amministrazione nelle società per azioni nel caso in cui tali poteri non siano attribuiti al consiglio d'amministrazione (organo collegiale).