Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
3 Manuale di Diritto Penale (Parte generale)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XXIX, pag. 512 € 30,00</span> 63/1 Scuole di Specializzazione per le Professioni Legali - Manuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XVI, pag. 960 € 40,00</span> 503 Codice Penale e di Procedura Penale e Leggi Complementari<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XIV, pag. 2336 € 38,00</span> OP3 Codice Penale Operativo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XV, pag. 2400 € 87,00</span> 3/4 Schemi & Schede di Diritto Penale (generale e speciale)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XVI, pag. 336 € 16,00</span> 3/2 Compendio di Diritto Penale - Parte generale e speciale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XXIII, pag. 640 € 24,00</span> 62 Manuale del Consulente del Lavoro <br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XIV, pag. 1536 € 60,00</span> 503/3 Codice Penale e di Procedura Penale e leggi complementari (Editio minor)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XXXIII, pag. 1760 € 24,00</span>
D.I.A. [Dichiarazione di inizio attività]
D.I.A. [Direzione investigativa antimafia]
D.N.A.
D.O.C.
D.O.P.
Danneggiamento
Danneggiato dal reato
Danno
Danno temuto
Dante causa
Datio in solutum
Dato personale
Datore di lavoro
Dazi doganali
Dazione in pagamento
De cuius
Debito
Debitore
Decadenza
Decartolizzazione
Decentramento amministrativo
Decisione
Decreto
Deduzioni
Deferimento del giuramento
Delazione
Delegazione
Delegificazione
Delibere assembleari
Delinquente abituale
Delinquente per tendenza
Delinquente professionale
Delitto
Demanio
Demansionamento
Democrazia
Denominazione
Denuncia
Depenalizzazione
Deposito
Deputati
Deregulation
Derelizione
Destinazione del padre di famiglia
Desuetudine
Detenuto
Detenzione
Detrazione d’imposta
Devastazione, saccheggio o strage
Devolution
Devoluzione
Diaria
Dibattimento
Dicastero
Dichiarazione
Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo
Dies a quo
Dies ad quem
Difensore
Difesa
Difetto di giurisdizione
Diffamazione
Diffida ad adempiere
Dilazione del pagamento
Diligenza
Dimissioni
Dimora
Dipartimenti
Dipendente
Dipendenti pubblici
Dipendenza
Diplomazia
Direttiva
Direttore generale (o city manager)
Direttori generali
Direzione
Direzioni regionali e provinciali del lavoro
Dirigenti
Diritti
Diritto
Discendente
Disconoscimento della paternità
Disconoscimento di scrittura privata
Discovery
Discrezionalità
Discussione
Disdetta
Disegno di legge
Disegno ornamentale
Diseredazione
Disoccupazione
Dispacci
Dispensa dalla collazione
Dispensa dall’imputazione
Disponibile
Dispositivo
Disposizioni
Dissenso politico
Dissociato
Distanze
Distretto giudiziario
Distribuzione
Distruzione e deturpamento di bellezze naturali
Ditta
Diuturnitas
Dividendo
Divieto di espatrio
Divieto di nozze
Divieto di soggiorno
Divieto e obbligo di dimora
Divisione
Divorzio
Documento
Dogana
Dolo
Domanda accessoria
Domanda giudiziale
Domanda riconvenzionale
Domande suggestive
Domicilio
Donazione
Donna
Dont
Doppia imposizione
Doppio binario
Doppio grado di giurisdizione
Dotazione organica
Dottrina
Dovere
Dow Jones
Drenaggio fiscale
Duty free shop


Tutte le voci sono tratte dal Nuovo Dizionario Giuridico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Giuridico
Favoreggiamento (d. pen.)
Il (—) è un reato contro l'amministrazione della giustizia, intesa come attività tipica del potere giudiziario.
Nel codice penale Zanardelli il favoreggiamento era previsto come un unico reato, che comprendeva sia il (—) reale sia il (—) personale. L'attuale codice penale, invece, ha distinto le due figure, perché gli interessi tutelati sono diversi: il (—) personale tutela il corretto funzionamento dell'amministrazione della giustizia, mentre il (—) reale intende impedire che possano diventare definitivi i vantaggi economici ottenuti con azioni criminose.
Risponde di (—) personale (art. 378 c.p.) chiunque, dopo che fu commesso un reato, e fuori dei casi di concorso nel medesimo, aiuta taluno ad eludere le investigazioni dell'Autorità, o a sottrarsi alle ricerche di questa.
Tale disposizione, per espressa menzione dell'ultimo comma dell'art. 378 c.p., si applica anche quando la persona aiutata non è imputabile o risulta che non ha commesso il delitto.
La condotta consiste nell'aiuto inteso come qualunque atteggiamento, positivo o negativo, che miri a intralciare o rendere vana l'opera di investigazione dell'Autorità. Si tratta, infatti, di un reato di pericolo, dunque realizzabile con qualunque comportamento astrattamente idoneo ad intralciare il corso della giustizia.
Costituisce causa di non punibilità l'aver commesso il fatto per esservi stato costretto dalla necessità di salvare sé od un prossimo congiunto da un grave e inevitabile nocumento nella libertà o nell'onore.
Il dolo consiste nella coscienza e volontà di prestare aiuto con la consapevolezza che il soggetto aiutato è o può essere sospettato di aver commesso il reato e che l'aiuto può sviare le indagini dell'autorità.
Il reato è aggravato quando il delitto commesso dall'aiutato è quello di associazioni di tipo mafioso ovvero quando il fatto è commesso da persona sottoposta, con provvedimento definitivo, ad una misura di prevenzione durante l'applicazione, e fino a tre anni dal momento in cui ne è cessata l'esecuzione.
Il reato è, invece, attenuato quando il reato commesso dall'aiutato sia una contravvenzione o un delitto per il quale la legge stabilisce una pena diversa.
Risponde di (—) reale (art. 379 c.p.) chiunque, fuori dei casi di concorso di reato e fuori del caso della ricettazione, aiuta taluno ad assicurare il prodotto o il profitto o il prezzo di un reato.
I presupposti del delitto sono la previa commissione del reato e il fatto che l'agente non vi abbia partecipato.
La condotta consiste nell'aiutare taluno ad assicurare il prodotto, il prezzo o il profitto del reato.
Per la consumazione basta l'aiuto. Non occorre anche che il soggetto favorito si sia assicurato il prodotto, il profitto o il prezzo del reato.
Il dolo richiede la coscienza e volontà del fatto costitutivo di reato.
A differenza del favoreggiamento personale, in tale fattispecie non trova applicazione la causa di non punibilità di cui all'art. 384 c.p.
A norma dell'art. 1. L. 82/91, in materia di sequestri di persona a scopo di estorsione, le disposizioni dell'art. 379 c.p. si applicano nei confronti di chi, in mancanza di autorizzazione del giudice e senza concorrere nel reato, si adopera con qualsiasi mezzo al fine di far conseguire agli autori del delitto di sequestro di persona a scopo di estorsione il prezzo della liberazione della vittima.