Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
511/1 Quattro Codici Minor<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XVIII, pag. 1824 € 26,00</span> 502/1 Codice Penale Minor<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XLII, pag. 1056 € 14,00</span> C100 Codice Civile (C1) + Codice Penale (C3) - Annotati con la Giurisprudenza<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 , pag. 3520 + 1984 € 126,00</span> E3/A Codice Penale Esplicato minor<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXIII Settembre, pag. 1280 € 20,00</span> C3 Codice Penale commentato - Annotato con la Giurisprudenza + Appendice di aggiornamento novembre 2020<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXVI, pag. 2048 € 68,00</span> 54/4 Costruire un Atto Giudiziario Civile - Penale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 X, pag. 368 € 30,00</span> 63 Scuole di Specializzazione per le professioni legali - Quiz<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XVII, pag. 560 € 35,00</span>
R.S.A.
R.S.U.
Raccolta del risparmio
Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica Italiana
Raccomandazioni
Radiazione dall’albo
Radiotelevisione
Raggruppamento temporaneo d’imprese
Ragguaglio delle pene
Ragione sociale
Ragionevole durata del processo
Ragionevolezza delle leggi
Raid
Rapimento
Rapina
Rapporto
Rappresaglia
Rappresentante
Rappresentanza
Rappresentazione
Ratifica
Ratio legis
Ravvedimento
Reati
Reati-contratto e reati in contratto
Reato
Recesso
Recidiva
Reciprocità
Reclamo
Reclusione
Reclutamento
Reddito
Redditometro
Redibitoria
Reductio ad aequitatem
Referendum
Referto
Reformatio in peius
Regime patrimoniale della famiglia
Regione
Registro
Regolamenti
Regolamento
Regresso
Reintegrazione
Relata di notifica
Relatività del contratto
Religione
Remissione
Rendiconto
Rendita
Reo
Reperto
Repubblica
Requisitoria
Requisizione
Res
Rescissione
Residenza
Resistenza
Responsabile
Responsabilità
Restitutio in integrum
Restituzione
Reticenza
Retratto successorio
Retribuzione
Retroattività
Retrocessione
Rettifica
Reversibilità
Revisione
Revisori contabili
Revoca
Revocatoria
Revocazione
Riabilitazione
Rialzo e ribasso fraudolento di prezzi sul pubblico mercato o nelle borse di commercio
Riassunzione
Ricavi
Ricettazione
Ricevuta fiscale
Richiesta
Riciclaggio
Ricognizione
Riconoscimento
Riconvenzionale
Ricorrente
Ricorso
Ricusazione
Riduzione
Riesame
Riformatorio giudiziario
Riforme istituzionali
Rifugiato
Rimessione
Rimozione
Rimpasto governativo
Rinnovazione
Rinuncia
Rinvio
Ripartizione dell’attivo
Riparto di giurisdizione
Riporto
Risarcimento del danno
Rischio
Riserva
Riservatezza
Risoluzione del contratto
Risparmio
Rissa
Ritardo
Ritenzione
Rito
Ritorsione
Ritrattazione
Riunione
Rivendicazione
Rogatoria
Rogito
Rovina di edifici
Royalty
Ruolo


Tutte le voci sono tratte dal Nuovo Dizionario Giuridico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Giuridico
Favoreggiamento (d. pen.)
Il (—) è un reato contro l'amministrazione della giustizia, intesa come attività tipica del potere giudiziario.
Nel codice penale Zanardelli il favoreggiamento era previsto come un unico reato, che comprendeva sia il (—) reale sia il (—) personale. L'attuale codice penale, invece, ha distinto le due figure, perché gli interessi tutelati sono diversi: il (—) personale tutela il corretto funzionamento dell'amministrazione della giustizia, mentre il (—) reale intende impedire che possano diventare definitivi i vantaggi economici ottenuti con azioni criminose.
Risponde di (—) personale (art. 378 c.p.) chiunque, dopo che fu commesso un reato, e fuori dei casi di concorso nel medesimo, aiuta taluno ad eludere le investigazioni dell'Autorità, o a sottrarsi alle ricerche di questa.
Tale disposizione, per espressa menzione dell'ultimo comma dell'art. 378 c.p., si applica anche quando la persona aiutata non è imputabile o risulta che non ha commesso il delitto.
La condotta consiste nell'aiuto inteso come qualunque atteggiamento, positivo o negativo, che miri a intralciare o rendere vana l'opera di investigazione dell'Autorità. Si tratta, infatti, di un reato di pericolo, dunque realizzabile con qualunque comportamento astrattamente idoneo ad intralciare il corso della giustizia.
Costituisce causa di non punibilità l'aver commesso il fatto per esservi stato costretto dalla necessità di salvare sé od un prossimo congiunto da un grave e inevitabile nocumento nella libertà o nell'onore.
Il dolo consiste nella coscienza e volontà di prestare aiuto con la consapevolezza che il soggetto aiutato è o può essere sospettato di aver commesso il reato e che l'aiuto può sviare le indagini dell'autorità.
Il reato è aggravato quando il delitto commesso dall'aiutato è quello di associazioni di tipo mafioso ovvero quando il fatto è commesso da persona sottoposta, con provvedimento definitivo, ad una misura di prevenzione durante l'applicazione, e fino a tre anni dal momento in cui ne è cessata l'esecuzione.
Il reato è, invece, attenuato quando il reato commesso dall'aiutato sia una contravvenzione o un delitto per il quale la legge stabilisce una pena diversa.
Risponde di (—) reale (art. 379 c.p.) chiunque, fuori dei casi di concorso di reato e fuori del caso della ricettazione, aiuta taluno ad assicurare il prodotto o il profitto o il prezzo di un reato.
I presupposti del delitto sono la previa commissione del reato e il fatto che l'agente non vi abbia partecipato.
La condotta consiste nell'aiutare taluno ad assicurare il prodotto, il prezzo o il profitto del reato.
Per la consumazione basta l'aiuto. Non occorre anche che il soggetto favorito si sia assicurato il prodotto, il profitto o il prezzo del reato.
Il dolo richiede la coscienza e volontà del fatto costitutivo di reato.
A differenza del favoreggiamento personale, in tale fattispecie non trova applicazione la causa di non punibilità di cui all'art. 384 c.p.
A norma dell'art. 1. L. 82/91, in materia di sequestri di persona a scopo di estorsione, le disposizioni dell'art. 379 c.p. si applicano nei confronti di chi, in mancanza di autorizzazione del giudice e senza concorrere nel reato, si adopera con qualsiasi mezzo al fine di far conseguire agli autori del delitto di sequestro di persona a scopo di estorsione il prezzo della liberazione della vittima.