Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
46/1 Compendio di Organizzazione Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2012 V Ed., pag. 336 € 20,00</span> 46/8 Compendio di Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VII, pag. 320 € 19,00</span> 45/1 Compendio di Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXI, pag. 288 € 20,00</span> 11/3 Manuale di Diritto Pubblico Comparato<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VIII, pag. 352 € 20,00</span> 54A/13 I Quaderni delpraticante Avvocato - Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 192 € 16,00</span> 47/6 Le Politiche dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XII, pag. 272 € 19,00</span> 47/4 Compendio di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XX, pag. 368 € 22,00</span> 516/1 Codice breve dell'Unione Europea (Editio minor)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 2208 € 26,00</span> 516 Codice del Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 992 € 34,00</span>
Danimarca
Daphne
DAU
Davignon
Davignon Etienne
Dazi ad valorem
Dazi all’esportazione
Dazi all’importazione
Dazi antidumping
Dazi convenzionali
Dazi di transito
Dazi differenziali
Dazi doganali
Dazi fiscali
Dazi generali
Dazi preferenziali
Dazi protettivi
Dazi specifici
De Gasperi Alcide
De Gaulle Charles
Decisione
Decisione generale della CECA
Decisione individuale della CECA
Decisione [Titolo vi tue]
Decisione-quadro
Decisioni di associazioni di imprese
Decisioni sui generis
Deficit democratico
Deficit sostenibile
Delors
Delors Jacques
Demanio comunitario
Dematerializzazione dei titoli di credito
Denominazione d’Origine Protetta
Deregulation
Deroga
Dialogo sociale
Dichiarazione a verbale
Dichiarazione comune e accordo interistituzionale
Dichiarazione di Barcellona
Dichiarazione di Kirchberg
Dichiarazione di Petersberg
Dichiarazione di Rodi
Dichiarazione di Roma
Dichiarazione di Stoccarda
Dichiarazione Schuman
Dichiarazione transatlantica
Difensore civico europeo
Difesa comune
Diretta applicabilità del diritto comunitario
Direttiva
Direttiva dettagliata
Direzioni generali
Diritti speciali di prelievo
Diritti umani
Diritto comunitario
Diritto comunitario derivato
Diritto comunitario originario
Diritto di accesso
Diritto di inchiesta
Diritto di iniziativa
Diritto di inseguimento
Diritto di osservazione
Diritto di petizione
Diritto di proprietà
Diritto di soggiorno
Diritto di stabilimento
Diritto di voto
Diritto europeo delle società
Disavanzi eccessivi
Discarico delle spese
Discriminazione in base alla nazionalità
Disegni e modelli
Divieto di discriminazione in base ai prodotti
Divieto di discriminazione in base alla nazionalità
Documento Amministrativo Unico
Documento unico di programmazione
DOCUP
Dodicesimi provvisori
Dogana 2002
Dogane
Dooge
DOP
Doppia indicazione dei prezzi
Doppia investitura della Commissione
Doppio mandato
Drugs
DSP
Dual use
Dualità materiale
Dualità scritturale
Duisenberg Wim
Dumping
Dumping sociale
Duplice maggioranza
Duty-free




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
LX47 Lexicon di Diritto dell'Unione Europea

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario dell\'Unione Europea
Approfondimento

Termine con il quale si intende il consolidamento dell’integrazione comunitaria, attraverso l’estensione della sfera delle attività della Comunità ed il rafforzamento delle istituzioni.
La necessità di procedere ad un consolidamento dell’integrazione cominciò ad avvertirsi in modo pressante nei primi anni ’90, quando si prospettò un considerevole ampliamento (v.) della Comunità a seguito delle domande di adesione (v.) di Austria, Finlandia e Svezia e di quelle dei paesi dell’Europa centro orientale (v. PECO).
I problemi connessi con un siffatto ampliamento sono di natura istituzionale, politica ed economica.
Sul terreno istituzionale il compito di procedere alle riforme atte a consentire il funzionamento di una Comunità a più di venti membri fu affidato alla Conferenza intergovernativa (v. CIG) convocata nel 1996. Tuttavia il Trattato di Amsterdam ha deluso le aspettative concernenti un funzionale riassetto delle istituzioni.
Innanzitutto non si è centrato l’obiettivo della generalizzazione del voto a maggioranza qualificata (v.) in Consiglio: alcune decisioni importanti continuano ad essere prese all’unanimità (v.), con il rischio che un solo Stato possa bloccare decisioni accettate da tutti gli altri Stati membri.
Non si è inoltre proceduto ad una nuova e razionale ponderazione di voti (v.) in sede di Consiglio, tale da evitare che aumentando il numero di Stati membri diminuisca il peso decisionale dei grandi paesi.
Andrebbe poi rivisto il sistema di rotazione della Presidenza (v. Presidenza semestrale) in modo da non imporre sforzi intollerabili ai piccoli Stati ed evitare che gli Stati maggiori, non avendo esercitato la presidenza per oltre 10 anni, non possano avvalersi di funzionari con una precedente esperienza presidenziale.
Più difficile appare la soluzione delle questioni economiche relative all’ampliamento.
L’estensione della PAC (v.) e degli strumenti di politica regionale (v.) ai nuovi paesi avrebbe infatti conseguenze disastrose per il bilancio comunitario (v.), comportando un incremento vertiginoso della spesa della Comunità in tale settore.
Le imprese agricole dei paesi PECO sono difatti caratterizzate da un modesto livello di produttività, mentre nella maggior parte di questi paesi il reddito pro capite è molto inferiore a quello degli Stati membri cui sono dirette le politiche strutturali. Con la presentazione dell’Agenda 2000 (v.) la Commissione ha cercato di ovviare a questa gravosa situazione, proponendo una revisione della politica agricola e una riforma dei fondi strutturali (v.).
Allo scopo di evitare di applicare gli onerosi sistemi della PAC ai nuovi membri, si è optato per un graduale passaggio da un regime di sostegno dei prezzi al sostegno diretto, ma decrescente, dei redditi degli agricoltori.
Ciò prevedendo al contempo il ricorso a periodi transitori, per cui i nuovi paesi non dovrebbero inizialmente beneficiare in toto della politica agricola.
Quanto alla riforma dei fondi strutturali, si è puntato sulla concentrazione geografica e tematica degli interventi diretti alle regioni meno favorite degli Stati membri, in modo da liberare risorse in favore dei nuovi Stati.