Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
526/A Concorso Scuola dell’Infanzia e Primaria - Manuale completo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 III, pag. 800 € 44,00</span> PK35 Maturità Scienze Umane<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2015 , pag. 224 € 9,00</span> W23 Storia del Cinema<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2009 , pag. 128 € 8,00</span> W53 Sociologia dell'organizzazione<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2010 , pag. 128 € 8,00</span> W42 Psicologia Clinica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 128 € 9,00</span> W43 Psicologia Sociale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 128 € 9,00</span>
Padre
Panico
Panico
Panpsichismo
Pansessualismo
Papez
Parafilie
Parafrenia
Paralisi
Paranoia
Patografia
Paura
Pavlov, Ivan Petrovic?
Pedagogia
Pedofilia
Pene
Pensiero
Percezione
Percezione
Persecuzione
Persona
Personalità
Personalità
Personificazione
Perversione
Piacere
Piaget
Piaget, Jean
Poetzl
Preconscio
Preedipico
Pregenitale
Pregiudizio
Pregnanza
Pregrafismo
Prelogico
Prensione
Primitivo
Privazione
Processi
Profilo
Profondo
Proiezione
Prossemica
Protesta virile
Pseudoallucinazione
Psiche
Psichiatria
Psichiatria d’urgenza
Psicoanalisi
Psicochirurgia
Psicodinamica
Psicodramma
Psicofarmacologia
Psicofisica
Psicofisico
Psicogenesi
Psicogeno
Psicologia
Psicologia analitica
Psicologia animale
Psicologia applicata
Psicologia clinica
Psicologia commerciale
Psicologia comparata
Psicologia comprensiva
Psicologia culturale
Psicologia del lavoro
Psicologia del profondo
Psicologia del Sé
Psicologia della forma
Psicologia della massa
Psicologia della musica
Psicologia della percezione
Psicologia della personalità
Psicologia della religione
Psicologia delle organizzazioni
Psicologia delle risorse umane
Psicologia dello sport
Psicologia dello sviluppo
Psicologia dell’apprendimento
Psicologia dell’arte
Psicologia dell’età evolutiva
Psicologia dell’Io
Psicologia descrittiva
Psicologia differenziale
Psicologia dinamica
Psicologia fenomenologica
Psicologia filosofica
Psicologia forense
Psicologia generale
Psicologia individuale
Psicologia industriale
Psicologia medica
Psicologia militare
Psicologia nell’arte
Psicologia oggettiva
Psicologia politica
Psicologia rogersiana
Psicologia scolastica
Psicologia sessuale
Psicologia sistemica
Psicologia sociale
Psicologia sperimentale
Psicologia storica
Psicologia transculturale
Psicologia transpersonale
Psicologia umanistica
Psicologismo
Psicometria
Psicomotricità
Psicopatia
Psicopatologia
Psicosi
Psicosi indotte
Psicosocioanalisi
Psicosociologia
Psicosomatica
Psicoterapeuta
Psicoterapia
Pubertà
Puer aeternus
Pulsione
Pulsione
Punizione



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario di Scienze Psicologiche
Psicologia industriale
La dicitura psicologia industriale è generalmente associata nella letteratura anglofona, specie di matrice statunitense, all'espressione psicologia delle organizzazioni, andando a creare un'unica disciplina, etichettata come Industrial and Organizational Psychology, che si occupa di diversi aspetti dell'agire organizzativo, dalla gestione della comunicazione organizzativa fino all'ottimizzazione dei processi produttivi, avendo come base scientifica e punto di riferimento i costrutti di natura psico-sociale e come focus di intervento privilegiato il supporto delle relazioni all'interno dei contesti organizzativi. L'Industrial and Organizational Psychology si è sviluppata come disciplina autonoma con il successo industriale europeo ed americano a cavallo tra Ottocento e Novecento, un successo che portava con sé anche nuove problematiche cui gli scienziati sociali erano chiamati a dar risposta, dall'inserimento lavorativo allo sviluppo delle performance di gruppo nei contesti occupazionali. La dicitura Industrial Psychology in senso stretto ha una storia piuttosto curiosa, essendo apparsa per la prima volta in un articolo di Bryan del 1904 come errore tipografico, al posto di Individual Psychology; l'errore si trasformò in un lemma accettato dalla comunità scientifica che, come già detto, si lasciò affascinare dal nascente contesto industriale come ambito applicativo dei diversi modelli economico-sociali. Nella prima parte del Novecento, fino agli anni Cinquanta, le diciture psicologia industriale, psicologia occupazionale e psicologia delle organizzazioni sembrano tra loro interscambiali ed è solo a partire dalla seconda metà del secolo che si fanno più sentite le distinzioni. In modo particolare, per quanto concerne il contesto italiano, Marzi, nel 1951 propone di sostituire l'espressione psicologia industriale con psicologia del lavoro, temendo che l'etichetta industriale possa restringere il contesto applicativo della nascente figura dello psicologo del lavoro e della ricerca di natura organizzativa, interessati a qualsiasi ambito sociale-lavorativo, non solo a quello industriale in senso stretto. Si noti che non viene suggerito semplicemente di sopprimere la dicitura industriale all'interno dell'espressione psicologia industriale ed organizzativa, quanto piuttosto di sottolineare che la psicologia del lavoro è distinta dalla psicologia delle organizzazioni. Con la proposta di Marzi si fa strada una distinzione che caratterizzerà le discipline lavoriste di taglio psicologico dell'Europa meridionale, distinguendole dal mondo anglosassone. Nello specifico, in Italia e Francia psicologia del lavoro e psicologia delle organizzazioni fanno riferimento a due rami distinti del sapere psicologico applicato, dove il primo ha un'anima clinico-medico-ergonomica, tradizionalmente interessato alle tematiche dello stress e del benessere occupazionali, e il secondo un'anima aziendalistico-organizzativa, con un interesse nello studio dei rapporti tra l'individuo e l'incarico assegnatogli, l'individuo e gli altri attori organizzativi, l'individuo e l'organizzazione stessa. Nei Paesi di lingua anglossassone, dove lo sviluppo degli approcci clinico-medico-ergonomici è stato meno marcato, non esiste questa distinzione e si preferisce indistintamente parlare di Industrial and Organizational Psychology (non a caso prende questo nome la divisione 14 dell'APA, l'American Psychological Association) o di Work and Organizational Psychology.