Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
17/4 Compendio di Storia del Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 V, pag. 288 € 15,00</span> 21/2 Compendio di Isitituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VI, pag. 256 € 18,00</span> 21/3 Schemi & Schede di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 III, pag. 160 € 10,00</span> 583 Dizionario Giuridico Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 VI, pag. 560 € 15,00</span> 21 Il nuovo Manuale di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 VII, pag. 528 € 22,00</span> 17 Il nuovo Manuale di Storia del Diritto Romano (Diritto pubblico romano)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 V, pag. 272 € 20,00</span> IP9 Ipercompendio Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 240 € 10,00</span> W18 Storia del Diritto Medioevale e Moderno<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 160 € 10,00</span>
Jacques de Révigny
Jean de Paris
Jhering Rudolf von
Jihâd
Judgement
Judicature Acts
Jury



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo
Jean de Paris (Parigi 1260 ca - Bordeaux 1306)

Giurista e filosofo francese appartenente all’ordine dei domenicani, conosciuto anche come Jean Quidort.
All’interno della pubblicistica francese che, all’inizio del XIV secolo, negava ogni sottomissione del sovrano all’imperatore e al potere temporale del papa, costituì il pensatore più acuto. Insegnante di teologia, fu sospeso dall’insegnamento dopo una condanna papale.
La sua opera più importante è il De potestate regia et papali (1302-1303).
In essa (—) osservava come il valore della naturalità attribuito da Aristotele alla polis appartenesse ad ogni città o regione, e non all’impero. In base al diritto naturale non era necessario che vi fosse un unico monarca nella sfera temporale, ma solo in quella spirituale. Mentre l’unicità appariva propria dell’elemento “celeste”, non altrettanto poteva dirsi della realtà terrena, la quale conosceva una diversità di leggi, spesso brutali. All’interno di questa realtà temporale si avvertiva l’esigenza di unità rappresentata dal sovrano. Secondo (—) la legittimità del regno di Francia aveva un’origine interna, fondata sul consenso della società. In base al principio di effettività egli negava qualsiasi potere temporale del pontefice (tranne che sulla città di Roma): disconosceva, in tal modo, il valore della Donazione di Costantino [vedi].
L’unicità della sfera religiosa riconosciuta da (—), gli permetteva di prefigurare il conferimento al sovrano di poteri anche in materia religiosa.