Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
11/3 Manuale di Diritto Pubblico Comparato<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VIII, pag. 352 € 20,00</span> 54A/13 I Quaderni delpraticante Avvocato - Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 192 € 16,00</span> 47/6 Le Politiche dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XII, pag. 272 € 19,00</span> 47/4 Compendio di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XX, pag. 368 € 22,00</span> 45/1 Compendio di Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXI, pag. 288 € 20,00</span> 516/1 Codice breve dell'Unione Europea (Editio minor)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 2208 € 26,00</span> 46/8 Compendio di Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VII, pag. 320 € 19,00</span> 516 Codice del Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 992 € 34,00</span>
EBIC
EBN
EBR
Eccesso di potere
Eccezione di invalidità
ECE
ECHO
ECIP
ECLAS
Eco-auditing
Eco-Management Audit Scheme
ECOFIN
Ecolabel
Economic Commission for Europe
Ecos-Ouverture
ECU
ECU verde
EDD
EDU
EFEX
Effetto diretto
Effetto orizzontale della direttiva
Effetto utile
Effetto verticale della direttiva
EFTA
Eguali opportunità
EIC
EICC
ELDR
Elezione del Parlamento europeo
Elezione diretta del Parlamento europeo
EMAS
EMEA
Energia, ambiente e sviluppo sostenibile
Engrenage
EONIA
Equal
Equilibrio istituzionale
Erasmus
ESA
Estonia
Estradizione
Etap
ETUC
Eudor
EUR
Eur-lex
EUR-OP
EURATOM
Eureka
Eures
Euribor
Euro
Euro Info Centres
Euro Info Correspondence Centres
Euro Overnight Index Average
Eurobarometro
Eurobbligazioni
Eurochambres
Eurocheque
Euroclear
Eurocontrol
Eurocoop
Eurocorpo
Eurocrati
Eurofor
Eurojust
Eurolabel
Euromarfor
Europa 2000
Europa a geometria variabile
Europa à la carte
Europa a più velocità
Europa dei liberali, democratici e rifomatori
Europa delle Democrazie e delle Diversità
Europa delle patrie
Europa verde
Europartenariato
Europass
European Action Scheme for the Mobility of University Students
European Agency for the Evaluation of Medicinal Products
European BIC Network
European Business Information Centre
European Business Register
European Commission Library Automated System
European Community Humanitarian Office
European Community Investment Partners
European Currency Unit
European Financial Experts
European Free Trade Association
European Interbank Offered Rate
European Liberal Democrat and Reform Party
European Research Cooperation Agency
European Space Agency
Europol
Europol Drug Unit
Euros
Euroscudi
Eurosportelli
Eurosportelli per i consumatori
EUROSTAT
Eurotower
Eurydice




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
LX47 Lexicon di Diritto dell'Unione Europea

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario dell\'Unione Europea
Immigrazione art. 63 Trattato CE

Si tratta della politica relativa all’ammissione di cittadini extracomunitari sul territorio comunitario, generalmente per motivi di lavoro.
La necessità di dotarsi di regole comuni in materia di immigrazione fu avvertita dagli Stati membri in seguito alla realizzazione del mercato unico (v.), per far sì che alla liberalizzazione del passaggio transfrontaliero e alla conseguente soppressione dei controlli esercitati nell’attraversamento da uno Stato all’altro si accompagnassero misure atte a disciplinare i controlli delle persone all’attraversamento delle frontiere esterne comuni. Ciò soprattutto in seguito all’enorme afflusso di profughi provenienti dai paesi ex comunisti dell’est europeo.
Al momento della stipula del Trattato di Maastricht, l’opposizione del governo britannico impedì tuttavia che la politica dell’immigrazione fosse ricondotta nell’ambito delle competenze comunitarie. Questa rientrò pertanto nelle questioni di interesse comune agli Stati membri, oggetto della cooperazione intergovernativa (v.) attuata nell’ambito della CGAI (v.), secondo quanto disposto dall’art. K1 (ora 29) del Trattato.
In base alle disposizioni dell’art. K3 (ora 31), per la realizzazione degli obiettivi posti in essere dal Trattato il Consiglio poteva adottare azioni comuni (v.) su iniziativa di qualsiasi Stato membro, nonché elaborare convenzioni di cui raccomandare l’adozione da parte degli Stati membri; si è in tal modo fornita la base giuridica per una serie di interventi in materia.
Il 10 dicembre 1993 è stata trasmessa al Consiglio la Convenzione sull’attraversamento delle frontiere esterne (v.), la quale si propone di definire norme comuni sul trattamento dei cittadini degli Stati terzi che vogliono soggiornare nel territorio comunitario (v.).
Con la decisione del Consiglio del 26 maggio 1997, n. 340/97/GAI si è provveduto all’armonizzazione delle politiche degli Stati membri e al coordinamento degli aiuti concessi ai cittadini dei paesi terzi per il ritorno volontario nel paese d’origine.
A questo scopo è previsto lo scambio di informazioni fra gli Stati membri in merito ai programmi nazionali di aiuti volti alla facilitazione del ritorno volontario. Le informazioni sui programmi vengono inviate al Segretario generale del Consiglio (v.), il quale provvede ad elaborare un progetto di relazione sulla base delle informazioni ricevute, sulla cui scorta gli Stati interessati potranno scambiarsi i rispettivi punti di vista e studiare una possibile armonizzazione.
Fra le azioni comuni elaborate sulla base dell’art. K3 è da ricordare anche quella relativa all’armonizzazione del modello dei permessi di soggiorno (v.) rilasciati dagli Stati membri ai cittadini dei paesi terzi. Adottata dal Consiglio il 16 dicembre 1996, stabilisce l’obbligo da parte di ciascuno Stato di inserire le informazioni indicate nell’apposito spazio dell’allegato, pur potendo fornire informazioni supplementari concernenti il cittadino in questione o la natura del permesso di soggiorno. Al fine di impedire la contraffazione delle autorizzazioni ciascuno Stato è inoltre tenuto a nominare un unico organismo incaricato della stampa dei propri permessi di soggiorno e a riferire tale nominativo alla Commissione e al Consiglio. L’azione non si applica ai cittadini degli Stati membri appartenenti al SEE (v), come pure ai familiari dei cittadini dell’Unione europea che godono del diritto alla libera circolazione (v. Libera circolazione delle persone).
Con il Trattato di Amsterdam (v.) si è provveduto a compiere un’operazione di comunitarizzazione (v.) delle disposizioni in materia di visto (v.), asilo (v.), immigrazione e politiche collegate, attraverso l’introduzione del titolo IV nelle disposizioni del Trattato CE.
L’inserimento del nuovo titolo è strettamente connesso alla comunitarizzazione della Convenzione di Schengen (v.); l’aver creato uno spazio entro il quale le persone possono liberamente muoversi, implica necessariamente l’adozione di politiche comuni nei confronti dei paesi terzi. Con la scomparsa delle frontiere interne fra gli Stati membri la frontiera comunitaria resta difatti delimitata soltanto dalle zone di confine tra paesi membri e Stati terzi; sarebbe assurdo che lungo questa unica frontiera si applicassero procedure diverse a seconda del territorio dello Stato membro a cui si accede.
Secondo le disposizioni del nuovo titolo IV lo sforzo comune in materia di immigrazione deve tendere ad armonizzare le procedure interne dei vari Stati nella concessione dei visti a lungo termine e permessi di soggiorno, nonché coordinare l’azione volta a contrastare l’immigrazione clandestina.
Tuttavia il Trattato di Amsterdam non sviluppa obiettivi comuni in materia di politica sull’immigrazione, poiché l’adozione di misure appropriate in questo settore resta ancora indirizzata verso il vecchio obiettivo della libera circolazione delle persone. L’art. 63 non fornisce, pertanto, una base giuridica tale da garantire interventi più generali in questo campo.
All’adozione delle misure in materia di immigrazione non partecipano, secondo quanto stabilito dai protocolli allegati al Trattato di Amsterdam, il Regno Unito, l’Irlanda e la Danimarca.