Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
11/3 Manuale di Diritto Pubblico Comparato<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VIII, pag. 352 € 20,00</span> 54A/13 I Quaderni delpraticante Avvocato - Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 192 € 16,00</span> 47/6 Le Politiche dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XII, pag. 272 € 19,00</span> 47/4 Compendio di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XX, pag. 368 € 22,00</span> 45/1 Compendio di Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXI, pag. 288 € 20,00</span> 516/1 Codice breve dell'Unione Europea (Editio minor)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 2208 € 26,00</span> 46/8 Compendio di Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VII, pag. 320 € 19,00</span> 516 Codice del Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 992 € 34,00</span>
Pabli
PAC
Pacchetto Delors I
Pacchetto Delors II
Padoa-Schioppa
Paesi Bassi
Paesi dell’Europa Centrale e Orientale
Paesi e Territori d’Oltremare
Paesi in
Paesi in Via di Sviluppo
Paesi out
Paesi PECO
Paesi pre-in
Pagamenti
Pagatori netti
Pagine Blu Informatizzate
PAN
Parere
Parere comune
Parere conforme
Parere motivato
Parere semplice
Parità centrale
Parità di trattamento tra uomini e donne
Parlamenti nazionali
Parlamento europeo
Part time
Partenariato
Partenariato per la pace
Partenariato per l’adesione
Parti sociali
Partiti politici europei
Partito del Socialismo Europeo
Partito Popolare Europeo
Partner associati dell’Unione dell’Europa occidentale (UEO)
Partnership
Partnership economica transatlantica
PASA
PASS
Passaporto europeo
Passerella comunitaria
Patente di guida europea
Patti territoriali per l’occupazione
Patto Andino
Patto di fiducia
Patto di preadesione sulla criminalità organizzata
Patto di stabilità e crescita
Patto europeo per l’occupazione
Patto sulla stabilità in Europa
Peace
PECO
Perfezionamento attivo
Perfezionamento passivo
Periodo transitorio
Permesso di soggiorno
Personalità giuridica della Comunità
Personalità giuridica dell’Unione
PESC
Pesca
Petersberg
Petizione
PHARE
Philoxenia
Piani d’Azione Nazionali per l’occupazione
Piani Fouchet
Piano Cockfield
Piano Colombo-Genscher
Piano Davignon
Piano d’azione per il mercato unico
Piano Mansholt
Piano Marshall
Piano Pleven
Piano Schuman
Piano Waigel
Piano Werner
Piccola e Media Impresa
Piccola impresa
Pilastri dell’Unione europea
PIM
Pleven
PMI
PO
Politica Agricola Comune
Politica commerciale comune
Politica culturale
Politica dei trasporti
Politica della concorrenza
Politica della formazione professionale
Politica della pesca
Politica dell’ambiente
Politica dell’istruzione
Politica di coesione economica e sociale
Politica di cooperazione allo sviluppo
Politica di difesa comune
Politica di ricerca e sviluppo tecnologico
Politica economica
Politica energetica
Politica Estera e di Sicurezza Comune
Politica industriale
Politica monetaria
Politica regionale
Politica sociale
Politiche comunitarie
Polonia
Ponderazione dei voti
Portogallo
POSEICAN
POSEIMA
Posizione comune
Posizione dominante
Poteri impliciti
PPE
Pratiche concordate
Preferenza comunitaria
Prelievi agricoli
Premio all’esportazione
Presidente del Parlamento europeo
Presidente della Commissione
Presidenza del Consiglio
Presidenza di turno
Presidenza semestrale
Prestito comunitario
Previdenza sociale
Prezzo d’entrata
Prezzo d’intervento
Prezzo indicativo
Prezzo limite
Prima fase
Primato del diritto comunitario
Primo pilastro
Principi dei fondi strutturali
Principi e orientamenti generali
Principi generali di diritto comunitario
Principio del mutuo riconoscimento
Principio del primato del diritto comunitario
Principio del riconoscimento reciproco
Principio della certezza del diritto
Principio della continuità dei contratti
Principio della cooperazione rafforzata
Principio della neutralità dei contratti
Principio dell’esaurimento del diritto
Principio di assimilazione
Principio di leale cooperazione
Principio di legittimo affidamento
Principio di non discriminazione
Principio di proporzionalità
Principio di sussidiarietà
Principio di uguaglianza
Principio nessun divieto, nessun obbligo
Privilegi e immunità delle Comunità europee
Procedimento d’infrazione
Procedura bilaterale
Procedura dei disavanzi eccessivi
Procedura dei punti A
Procedura dei punti B
Procedura del parere conforme
Procedura di codecisione
Procedura di conciliazione
Procedura di consultazione
Procedura di cooperazione
Procedura di parere semplice
Procedura elettorale uniforme
Procedura ristretta
Procedura tradizionale
Prodi Romano
Progetto di Trattato sull’Unione europea
Progetto Jean Monnet
Progetto pilota
Progetto Spinelli
Programma comunitario
Programma d’azione a favore della protezione civile
Programma d’azione in materia di monitoraggio sanitario
Programma d’azione in materia di prevenzione della tossicodipendenza
Programma d’azione per la prevenzione dell’AIDS
Programma d’azione per la promozione della salute, l’informazione, l’educazione e la formazione sanitaria
Programma d’azione sociale
Programma d’Azione Speciale Amsterdam
Programma d’azione sulla prevenzione delle lesioni personali
Programma d’azione sulle malattie connesse con l’inquinamento
Programma d’azione “L’Europa contro il cancro”
Programma integrato in favore delle piccole e medie imprese e dell’artigianato
Programma legislativo annuale
Programma Operativo
Programma quadro nel settore dell’energia
Programma quadro per la ricerca e lo sviluppo tecnologico
Programma quadro per l’ambiente
Programme d’Options Spécifiques à l’Eloignement et à l’Insularité de Madere et des Açores
Programme d’Options Spécifiques à l’Eloignement et à l’Insularité des iles Canaries
Programmi generali
Programmi Integrati Mediterranei
PROMISE
Promoting of Information Society in Europe
Promuovere l’innovazione e incoraggiare la partecipazione delle PMI
Proporzionalità
Proprietà industriale e commerciale
Prosoma
Protezione dei consumatori
Protocollo
Protocollo sulla politica sociale
Provvedimenti cautelari
PSE
PTOM
Pubblicazione degli atti
Pubbliche Amministrazione per lo Sviluppo del Sud
Pubblicità
Punti A
Punti B
PVS




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
LX47 Lexicon di Diritto dell'Unione Europea

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario dell\'Unione Europea
Immigrazione art. 63 Trattato CE

Si tratta della politica relativa all’ammissione di cittadini extracomunitari sul territorio comunitario, generalmente per motivi di lavoro.
La necessità di dotarsi di regole comuni in materia di immigrazione fu avvertita dagli Stati membri in seguito alla realizzazione del mercato unico (v.), per far sì che alla liberalizzazione del passaggio transfrontaliero e alla conseguente soppressione dei controlli esercitati nell’attraversamento da uno Stato all’altro si accompagnassero misure atte a disciplinare i controlli delle persone all’attraversamento delle frontiere esterne comuni. Ciò soprattutto in seguito all’enorme afflusso di profughi provenienti dai paesi ex comunisti dell’est europeo.
Al momento della stipula del Trattato di Maastricht, l’opposizione del governo britannico impedì tuttavia che la politica dell’immigrazione fosse ricondotta nell’ambito delle competenze comunitarie. Questa rientrò pertanto nelle questioni di interesse comune agli Stati membri, oggetto della cooperazione intergovernativa (v.) attuata nell’ambito della CGAI (v.), secondo quanto disposto dall’art. K1 (ora 29) del Trattato.
In base alle disposizioni dell’art. K3 (ora 31), per la realizzazione degli obiettivi posti in essere dal Trattato il Consiglio poteva adottare azioni comuni (v.) su iniziativa di qualsiasi Stato membro, nonché elaborare convenzioni di cui raccomandare l’adozione da parte degli Stati membri; si è in tal modo fornita la base giuridica per una serie di interventi in materia.
Il 10 dicembre 1993 è stata trasmessa al Consiglio la Convenzione sull’attraversamento delle frontiere esterne (v.), la quale si propone di definire norme comuni sul trattamento dei cittadini degli Stati terzi che vogliono soggiornare nel territorio comunitario (v.).
Con la decisione del Consiglio del 26 maggio 1997, n. 340/97/GAI si è provveduto all’armonizzazione delle politiche degli Stati membri e al coordinamento degli aiuti concessi ai cittadini dei paesi terzi per il ritorno volontario nel paese d’origine.
A questo scopo è previsto lo scambio di informazioni fra gli Stati membri in merito ai programmi nazionali di aiuti volti alla facilitazione del ritorno volontario. Le informazioni sui programmi vengono inviate al Segretario generale del Consiglio (v.), il quale provvede ad elaborare un progetto di relazione sulla base delle informazioni ricevute, sulla cui scorta gli Stati interessati potranno scambiarsi i rispettivi punti di vista e studiare una possibile armonizzazione.
Fra le azioni comuni elaborate sulla base dell’art. K3 è da ricordare anche quella relativa all’armonizzazione del modello dei permessi di soggiorno (v.) rilasciati dagli Stati membri ai cittadini dei paesi terzi. Adottata dal Consiglio il 16 dicembre 1996, stabilisce l’obbligo da parte di ciascuno Stato di inserire le informazioni indicate nell’apposito spazio dell’allegato, pur potendo fornire informazioni supplementari concernenti il cittadino in questione o la natura del permesso di soggiorno. Al fine di impedire la contraffazione delle autorizzazioni ciascuno Stato è inoltre tenuto a nominare un unico organismo incaricato della stampa dei propri permessi di soggiorno e a riferire tale nominativo alla Commissione e al Consiglio. L’azione non si applica ai cittadini degli Stati membri appartenenti al SEE (v), come pure ai familiari dei cittadini dell’Unione europea che godono del diritto alla libera circolazione (v. Libera circolazione delle persone).
Con il Trattato di Amsterdam (v.) si è provveduto a compiere un’operazione di comunitarizzazione (v.) delle disposizioni in materia di visto (v.), asilo (v.), immigrazione e politiche collegate, attraverso l’introduzione del titolo IV nelle disposizioni del Trattato CE.
L’inserimento del nuovo titolo è strettamente connesso alla comunitarizzazione della Convenzione di Schengen (v.); l’aver creato uno spazio entro il quale le persone possono liberamente muoversi, implica necessariamente l’adozione di politiche comuni nei confronti dei paesi terzi. Con la scomparsa delle frontiere interne fra gli Stati membri la frontiera comunitaria resta difatti delimitata soltanto dalle zone di confine tra paesi membri e Stati terzi; sarebbe assurdo che lungo questa unica frontiera si applicassero procedure diverse a seconda del territorio dello Stato membro a cui si accede.
Secondo le disposizioni del nuovo titolo IV lo sforzo comune in materia di immigrazione deve tendere ad armonizzare le procedure interne dei vari Stati nella concessione dei visti a lungo termine e permessi di soggiorno, nonché coordinare l’azione volta a contrastare l’immigrazione clandestina.
Tuttavia il Trattato di Amsterdam non sviluppa obiettivi comuni in materia di politica sull’immigrazione, poiché l’adozione di misure appropriate in questo settore resta ancora indirizzata verso il vecchio obiettivo della libera circolazione delle persone. L’art. 63 non fornisce, pertanto, una base giuridica tale da garantire interventi più generali in questo campo.
All’adozione delle misure in materia di immigrazione non partecipano, secondo quanto stabilito dai protocolli allegati al Trattato di Amsterdam, il Regno Unito, l’Irlanda e la Danimarca.