Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
506/3 Codice del processo amministrativo (Editio minor)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 XII, pag. 832 € 19,00</span> C101 Codice Civile esteso (CM1) + Codice Penale esteso (CM3)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 VII, pag. 2288 + 1712 € 170,00</span> CM1 Codice Civile esteso<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 VII, pag. 2288 € 88,00</span> 54/20 Ultimissimi Pareri di Diritto Civile - Ultimissimi Pareri di Diritto Penale - Ultimissimi Atti Giudiziari di Diritto Civile, Penale e Amministrativo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 XIV, pag. 384 + 384 + 384 € 25,00</span> L39 La Nuova Responsabilità  Medica e il Risarcimento del Danno<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 VII, pag. 464 € 49,00</span>
F.A.O.
F.M.I.
F.P.L.D.
Facta concludentia
Factoring
Fallimento
Falsa testimonianza
Falsità materiale e falsità ideologica
Falso
Falsus procurator
Famiglia
Fasce deboli
Fascismo
Fatti notori
Fattispecie
Fatto giuridico
Fatto illecito
Fattura
Favor
Favoreggiamento
Fecondazione artificiale
Fede
Fedecommesso
Fedeltà
Federalismo
Ferie
Fermo
Festività
Festivo
Fictio iuris
Fideiussione
Fido bancario
Fiducia
Figlio
Filiazione
Financial futures
Finanziamento dei partiti
Finestra
Firma
Fiscal drag
Fiscalizzazione degli oneri sociali
Fisco
Fitto
Flagranza
Flessibilità nell’impiego di forza lavoro
Flottante
Foglio di via
Fomazione del passivo
Fondazione
Fondo comune di investimento
Fondo di garanzia per il trattamento di fine rapporto
Fondo Monetario Internazionale
Fondo nazionale per le politiche sociali
Fondo patrimoniale
Fondo pensione
Fondo pensioni lavoratori dipendenti
Fondo perequativo
Fondo sostitutivo
Fonti del diritto
Food and Agricultural Organization
Forma del negozio giuridico
Forma di governo
Forma di Stato
Formazione continua
Formazione professionale
Formazioni sociali
Formula esecutiva
Formulari
Foro
Forum
Forza maggiore
Forze armate
Forze di pace dell’O.N.U.
Franchi tiratori
Franchigia
Franchising
Frazionamento
Free-lance
Frode
Frutti
Fumo passivo


Tutte le voci sono tratte dal Nuovo Dizionario Giuridico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Giuridico
Fumo passivo [tutela dal] (d. civ.; d. amm.)
Il (—) è un fattore di rischio per la salute delle persone che, pur non essendo fumatori attivi, sono esposte ugualmente ai danni cagionati dal fumo per il fatto di condividere con fumatori ambienti comuni.
In linea con le indicazioni dell'O.m.s., gli interventi di carattere legislativo rappresentano uno degli strumenti di salute pubblica più efficaci nella lotta al tabagismo. In particolare, le misure che tutelano i non fumatori dal fumo passivo, ovvero i divieti di fumo, hanno effetti positivi sia sui non fumatori che sui fumatori.
La prima normativa a tutela dei non fumatori risale al 1975. La L. 584/1995 (Divieto di fumare in determinati locali e sui mezzi di trasporto pubblico) stabiliva il divieto di fumare in alcuni luoghi (art. 1), tra cui le corsie degli ospedali, le aule scolastiche, le sale d'attesa delle stazioni, i locali chiusi adibiti a pubblica riunione, i cinema, le sale da ballo.
La direttiva del Presidente del Consiglio dei ministri del 14-12-1995 ha poi esteso il divieto di fumo ai locali destinati al ricevimento del pubblico per l'erogazione di servizi pubblici e utilizzati dalla pubblica amministrazione, dalle aziende pubbliche e dai privati esercenti servizi pubblici.
Queste norme avevano tuttavia una portata limitata, in quanto escludevano il fumo solo da certi locali e non avevano un impatto notevole sui comportamenti dei fumatori, interferendo poco con le loro abitudini.
I limiti di queste normative sono stati superati con la L. 3/2003 (Tutela della salute dei non fumatori), che ha esteso il divieto di fumo a tutti i locali chiusi (compresi i luoghi di lavoro privati o non aperti al pubblico, gli esercizi commerciali e di ristorazione, i luoghi di svago, palestre, centri sportivi), con le sole eccezioni dei locali riservati ai fumatori e degli ambiti strettamente privati (abitazioni civili).
La legge non prevede un obbligo, ma concede la possibilità di creare locali per fumatori, le cui caratteristiche strutturali e i parametri di ventilazione sono stati definiti con il D.P.C.M. del 23-12-2003, che prevede anche le misure di vigilanza e sanzionamento delle infrazioni.
Tra le altre misure volte alla riduzione della domanda di prodotti del tabacco ci sono le norme relative alla regolamentazione della composizione dei prodotti e all'etichettatura. In particolare, il D.Lgs. 184/2004 stabilisce il tenore massimo di catrame, nicotina e monossido di carbonio delle sigarette, pari rispettivamente a 10 mg/sigaretta, 1 mg/sigaretta e 10mg/sigaretta, con i relativi metodi di misurazione.
Un altro aspetto molto importante è quello dedicato alle nuove norme per l'etichettatura dei prodotti del tabacco, riguardo sia al testo delle avvertenze generali e supplementari stampate sulle confezioni, sia alle caratteristiche grafiche (posizione, dimensioni, carattere e corpo del testo). Per garantire ai consumatori un'informazione più corretta è stato vietato l'uso sulle confezioni di prodotti del tabacco di tutte le diciture, le immagini o gli elementi figurativi ingannevoli, in grado cioè di dare l'impressione che alcuni prodotti siano meno nocivi di altri.
La regolamentazione della pubblicità è un altro strumento efficace nell'azione di contrasto al fumo.~
La normativa vigente in materia è costituita dalla L. 52/1983.
Con il D.M. 425/1991 è stata inoltre vietata la pubblicità televisiva delle sigarette e di ogni altro prodotto del tabacco, anche se effettuata in forma indiretta, mediante utilizzazione di nomi, marchi, simboli o altri elementi caratteristici di prodotti del tabacco o di aziende la cui attività principale consiste nella produzione e vendita di tali prodotti.
Con il D.Lgs. 300/2004~è stata regolamentata la pubblicità e la sponsorizzazione a favore dei prodotti del tabacco aventi carattere transfrontaliero, nonché la distribuzione gratuita dei prodotti del tabacco a scopo promozionale. È stato così possibile completare il quadro normativo nazionale relativo alla pubblicità, che ha consentito, a partire dal 2005, di impedire l'uso del marchio di prodotti del tabacco durante i Gran Premi di Formula 1 d'Italia e di San Marino e i Moto GP.
La normativa italiana sul tabagismo regolamenta anche altri aspetti, con l'obiettivo di tutelare la salute dei cittadini, e in particolare dei giovani. Fin dal 1934, il R.D. 2316 stabilisce, all'art. 25, il divieto di vendita e somministrazione di tabacco ai minori di 16 anni, a cui è vietato anche fumare nei luoghi pubblici.
Le leggi volte alla repressione del contrabbando del tabacchi lavorati hanno anche finalità di salute pubblica. La disponibilità di prodotti a basso costo favorisce i consumi ed è riconosciuto anche dall'O.m.s. che l'eliminazione di tutte le forme di commercio illecito di prodotti del tabacco, attraverso l'attuazione di norme a livello internazionale e nazionale, costituisce un aspetto essenziale della lotta al tabagismo.