Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
526/A Concorso Scuola dell’Infanzia e Primaria - Manuale completo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 III, pag. 800 € 44,00</span> PK35 Maturità Scienze Umane<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2015 , pag. 224 € 9,00</span> W23 Storia del Cinema<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2009 , pag. 128 € 8,00</span> W53 Sociologia dell'organizzazione<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2010 , pag. 128 € 8,00</span> W42 Psicologia Clinica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 128 € 9,00</span> W43 Psicologia Sociale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 128 € 9,00</span>
Rank, Otto
Rappresentazione
Raptus
Raven
Razionalismo
Reale
Realismo
Realismo cognitivo
Realismo pedagogico
Realtà
Reattiva, formazione
Reazione
Recettori
Reflessologia (o riflessologia)
Refrattario
Regressione
Reich, Wilhelm
Reiezione parentale
Reificazione
Relativismo
Relazione
Relazione educativa
Reminiscenza
Remissione
Repressione
Resistenza
Retifismo
Retroazione
Retrogenesi
Retrogressione
Retrospezione
Rêverie
Reversibile
Reversibilità
Riabilitazione
Riafferenza
Riapprendimento
Riattivazione
Ribellione
Richiamo
Ricompensa
Riconoscimento
Ricordo
Riduzionismo
Rievocazione
Riferimento
Rifiuto
Riflessi
Rigidità
Rilassamento
Rimozione
Rinforzo
Rinforzo
Ripetizione
Risonanza magnetica
Ritardo mentale
Ritenzione
Rito
Rogers, Carl
Role-playing
Rorschach
Rosenzweig Picture Frustration Study
Rubin
Ruolo



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario di Scienze Psicologiche
Rank, Otto
Psicoanalista austriaco (Vienna 1884 New York 1939). Allievo di Freud, assieme a Ferenczi e Reich formò il gruppo dei cosiddetti dissidenti della seconda generazione (quella successiva a Jung e Adler). Fondatore della rivista Imago, si impegnò in un vasto tentativo di estensione della prospettiva psicoanalitica ai problemi dell'arte, della letteratura, della mitologia, delle saghe popolari e dei riti magici. Si tratta di un ampliamento che, assieme ad altre innovazioni teoriche, lo costrinse alle dimissioni (1926) dalla Società psicoanalitica, nonostante l'ottimo rapporto personale anche successivamente mantenuto con Freud. Già opere come Il mito della nascita dell'eroe (1909), o il Motivo dell'incesto nella poesia e nella saga (1912), o l'analisi della figura di Don Giovanni (1922) avevano allontanato la ricerca di R. dalla psicoanalisi ortodossa. In esse si cercava di mostrare come alcuni simboli, strutture e situazioni fondamentali dell'universo letterario potessero essere spiegate alla luce della dottrina psicoanalitica: i miti intesi come espressione profonda di desideri e di fantasie inconsce infantili: le strutture narrative e gli intrecci drammaturgici leggibili come complessi travestimenti letterari di motivi edipici; il dongiovannismo come metafora dell'amore materno, e così via. Solo però con l'opera più famosa, Il trauma della nascita (1924), R. consuma la rottura con la Società psicoanalitica. In quest'opera, recuperando certi assunti di Freud e negandone altri, teorizza la genesi dei comportamenti nevrotici e dei disturbi psichici nel trauma del parto, cioè nella genesi della vita dalla separazione tra madre e neonato. Il trauma della nascita secondo R. possiede un valore originario e paradigmatico per le future esperienze d'angoscia del soggetto. L'attività psichica generale dell'adulto, come anche ad un livello più alto le espressioni della cultura nel suo complesso (miti, religioni, esperienze estetiche), sono dunque interpretabili come tentativi di recuperare l'unità prenatale. Duramente criticata dai più stretti collaboratori e in parte anche da Freud stesso per l'omissione della tematica edipica, l'opera di R., che non ebbe particolari risonanze in ambito clinico, influenzò tuttavia profondamente il versante degli studi antropologici della psicoanalisi, oltre allo stesso Totem e tabù di Freud.