Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilitŕ e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
17/4 Compendio di Storia del Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 V, pag. 288 € 15,00</span> 21/2 Compendio di Isitituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VI, pag. 256 € 18,00</span> 21/3 Schemi & Schede di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 III, pag. 160 € 10,00</span> 583 Dizionario Giuridico Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 VI, pag. 560 € 15,00</span> 21 Il nuovo Manuale di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 VII, pag. 528 € 22,00</span> 17 Il nuovo Manuale di Storia del Diritto Romano (Diritto pubblico romano)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 V, pag. 272 € 20,00</span> IP9 Ipercompendio Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 240 € 10,00</span> W18 Storia del Diritto Medioevale e Moderno<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 160 € 10,00</span>
Faderfio
Faida
Falcidia
Fallacia naturalistica
Famiglia
Famiglia [patto di]
Famulato
Fara
Fas
Fascio littorio
Fascismo
Fascismo [apologia di]
Fasti
Febronianismo
Fedecommesso
Federalismo
Federalismo fiscale
Federico I di Hohenstaufen
Federico II di Svevia
Felino Sandeo
Felloněa
Ferdinando I di Borbone
Ferdinando II d’Aragona
Ferdinando IV re di Napoli
Ferrara
Festuca
Feudalesimo
Feudatario
Feudo
Feudo oblato
Feudorum libri
Fictio iuris
Fida
Fideismo
Fideiussione
Fidelitas
Fideproměssio (o fideipromissio)
Fides
Fiducia
Fieschi Sinibaldo de’
Filangieri Gaetano
Finaide
Fiqt
Fisco
Fiscus Caesaris
Fisiocratici
Flŕmine
Floro di Lione
Fodro
Foederati
Foederis casus
Foedus
Fondazione
Fonti del diritto
Formalismo giuridico
Fňrmula
Formulae ad librum papiensem
Formulari notarili
Formularium florentinum
Fortescue John
Fraglie
Fragmenta Augustodunčnsia
Fragmenta Gaudenziana
Fragmenta Vaticŕna
Frammento parigino
Francesco Accolti
Francesco Zabarella
Franchi
Franconia
Fredus
Frodi pie
Frutti
Fueros



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo
Leviatano

Titolo di un’opera di Thomas Hobbes [vedi Hobbes Thomas] pubblicata nel 1651, il cui titolo originale č Leviathan on The Matter, Form and Power of a Common-Wealth Ecclesiastical and Civil. L’espressione (—) riprende il mostro marino descritto nel Libro di Giobbe (40, 25-32). Hobbes se ne serve per indicare lo Stato (Common-Wealth).
L’opera č divisa in quattro parti, dedicate all’uomo, allo Stato, allo Stato cristiano e al regno delle tenebre. Per Hobbes l’uomo č un corpo naturale che produce corpi artificiali. Tra questi vi č lo Stato.
Nello stato di natura vige la guerra di tutti contri tutti (bellum omnium contra omnes) in cui l’uomo č lupo per l’altro uomo (homo homini lupus). Pertanto si rende necessaria la stipulazione di un patto sociale, da cui nasce lo Stato. Il sovrano (monarca o assemblea) dispone di tutti i poteri. La disubbidienza dei sudditi č giustificata solo nel caso in cui il sovrano venga meno ai suoi compiti (garantire la pace interna e l’integritŕ dei singoli).
Hobbes parla quindi di un “potere che non ha rivali sulla terra” utilizzando la metafora del mostro biblico. Sul frontespizio della prima edizione č riprodotto un gigantesco profilo umano, formato da una serie di teste, che con una mano impugna una spada e con l’altra un bastone vescovile. Nella parte inferiore del frontespizio una sequenza di piccoli riquadri va degradando versi i luoghi del conflitto, che si aprono come voragini al di sotto della cittŕ sovrastata dal (—): vi vengono raffigurati una battaglia e un concilio.
In un’opera successiva, Behemot (comparsa postuma nel 1682) Hobbes utilizza invece la figura dell’omonimo mostro terrestre per indicare quelli che gli appaiono come i nemici del (—): il fanatismo e l’anarchia.