Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
17/4 Compendio di Storia del Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 V, pag. 288 € 15,00</span> 21/2 Compendio di Isitituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VI, pag. 256 € 18,00</span> 21/3 Schemi & Schede di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 III, pag. 160 € 10,00</span> 583 Dizionario Giuridico Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 VI, pag. 560 € 15,00</span> 21 Il nuovo Manuale di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 VII, pag. 528 € 22,00</span> 17 Il nuovo Manuale di Storia del Diritto Romano (Diritto pubblico romano)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 V, pag. 272 € 20,00</span> IP9 Ipercompendio Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 240 € 10,00</span> W18 Storia del Diritto Medioevale e Moderno<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 160 € 10,00</span>
Gabbie salariali
Gabella
Gabellotto
Gaggio
Gaio
Gairethinx
Gallia
Gallicanesimo
Gambiglioni Angelo d’Arezzo
Gasindi (o Antrustioni)
Gastaldi
Gaudenziana
Gelasio I
Genovesi Antonio
Gens
Genserico
Genti
Gentili Alberico
Germani
Gesetzgebungsstaat
Gesuiti
Gewere
Giannone Pietro
Giason del Maino
Gilda
Giovanni da Imola
Giovanni da Parigi
Giovanni d’Andrea
Gisel
Giudizio di Dio
Giuliana
Giuramento
Giuria
Giurisdizionalismo
Giurisdizione
Giurisprudenza
Giuseppismo
Giusnaturalismo
Giuspositivismo
Giustiniano I
Giustino I
Giustizia
Glanvill Ranulf
Glossa
Glossa Accursiana
Glossa di Casamari
Glossa di Koln
Glossa di Pistoia
Glossa di Torino
Glossae malbergicae
Glossatori
Godefroy Denis
Godomaro (o Gondemaro)
Goffredo da Trani
Gombetta
Goti
Gran ammiraglio
Gran cancelliere
Gran Consiglio del Fascismo
Graziano
Gregoriana
Gregorio (o Gregoriano)
Gregorio (vescovo di Tours)
Gregorio I Magno
Gregorio IX
Gregorio VII
Gride
Grimoaldo
Grozio Ugo
Grundgesetz
Grundnorm
Gualdarii
Guarentigie
Guarentigie costituzionali
Guariganghe
Guerra gotica
Guerre di religione
Guglielmo di Occam (o Ockam)
Guglielmo Durante
Guidrigildo
Gundebaldo (o Gondebaldo o Gundobado)
Gundicaro



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo
Leviatano

Titolo di un’opera di Thomas Hobbes [vedi Hobbes Thomas] pubblicata nel 1651, il cui titolo originale è Leviathan on The Matter, Form and Power of a Common-Wealth Ecclesiastical and Civil. L’espressione (—) riprende il mostro marino descritto nel Libro di Giobbe (40, 25-32). Hobbes se ne serve per indicare lo Stato (Common-Wealth).
L’opera è divisa in quattro parti, dedicate all’uomo, allo Stato, allo Stato cristiano e al regno delle tenebre. Per Hobbes l’uomo è un corpo naturale che produce corpi artificiali. Tra questi vi è lo Stato.
Nello stato di natura vige la guerra di tutti contri tutti (bellum omnium contra omnes) in cui l’uomo è lupo per l’altro uomo (homo homini lupus). Pertanto si rende necessaria la stipulazione di un patto sociale, da cui nasce lo Stato. Il sovrano (monarca o assemblea) dispone di tutti i poteri. La disubbidienza dei sudditi è giustificata solo nel caso in cui il sovrano venga meno ai suoi compiti (garantire la pace interna e l’integrità dei singoli).
Hobbes parla quindi di un “potere che non ha rivali sulla terra” utilizzando la metafora del mostro biblico. Sul frontespizio della prima edizione è riprodotto un gigantesco profilo umano, formato da una serie di teste, che con una mano impugna una spada e con l’altra un bastone vescovile. Nella parte inferiore del frontespizio una sequenza di piccoli riquadri va degradando versi i luoghi del conflitto, che si aprono come voragini al di sotto della città sovrastata dal (—): vi vengono raffigurati una battaglia e un concilio.
In un’opera successiva, Behemot (comparsa postuma nel 1682) Hobbes utilizza invece la figura dell’omonimo mostro terrestre per indicare quelli che gli appaiono come i nemici del (—): il fanatismo e l’anarchia.