Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
526/A Concorso Scuola dell’Infanzia e Primaria - Manuale completo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 III, pag. 800 € 44,00</span> PK35 Maturità Scienze Umane<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2015 , pag. 224 € 9,00</span> W23 Storia del Cinema<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2009 , pag. 128 € 8,00</span> W53 Sociologia dell'organizzazione<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2010 , pag. 128 € 8,00</span> W42 Psicologia Clinica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 128 € 9,00</span> W43 Psicologia Sociale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 128 € 9,00</span>
Campo
Capacità sinaptica
Carattere
Carenza
Carica psichica
Caso
Castrazione
CAT
Catalessia
Catarsi
Catatonia
Cattell, James Mckeen
Cattell-test 16 PF
Cenestesico
Censura
Centrale, sistema nervoso
Cerebrale
Cerebrale, emisfero
Cervelletto
Cervello
Charcot, Jean-Martin
Chomsky, Noam
Cibernetica
Ciclotimia
Claustrofobia
Cleptomania
Clima organizzativo
Coaching
Coazione
Cognitiva
Cognitive
Cognitivismo
Cognitivista
Cognitivo
Collettivo
Colloquio
Compensazione
Complesso
Comportamentismo
Comprensione
Compromesso
Compulsione
Compulsiva
Comunicazione
Comunità
Comunità terapeutica
Condensazione
Condizionamento
Condotta
Confabulazione
Conflitto psichico
Confronto sociale
Congruenza
Conscio
Consulenza
Contenimento
Contenuto latente/Contenuto manifesto
Controllo degli impulsi
Controtransfert
Conversione
Conversione
Convulsione febbrile
Convulsiva
Coordinazione
Coping
Coprofagia
Coprofilia
Coprofobia
Coprolagnia
Coprolalia
Coraggio
Corpo
Coscienza
Coscienza
Coscienza dell’Io
Costanza
Counseling
Criminologia
Cubo
Cue



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario di Scienze Psicologiche
Recettori
Elementi cellulari specializzati con i quali un composto chimico (legante) interagisce per dar luogo ai suoi caratteristici effetti biologici; sono, pertanto, decodificatori iniziali di messaggi extracellulari. Strutturalmente, sono macromolecole di 100-300 kDa, quali proteine con o senza carattere enzimatico, glico- o lipo-proteine presenti sulla superficie cellulare e, per gli ormoni steroidei e tiroidei, interagenti a livello di strutture endonucleari. Molti r. di membrana sono strettamente collegati ad altre proteine ivi localizzate funzionanti come canali ionici, vettori o enzimi, spesso costituiti da diverse subunità. Un r. per un neurotrasmettitore può essere definito come una struttura proteica complessa localizzata sulla membrana di cellule nervose che riconosce una specifica molecola con funzioni di trasmettitore e traduce il messaggio in modifiche di potenziale di azione e/o sintesi di molecole messaggere intracellulari. In rapporto al tipo di traduzione, i r. vengono definiti ionotropi o metabotropi (qualora nella traduzione intervenga un secondo messaggero, anche se in realtà la distinzione non è così netta. La capacità di un composto di legarsi a uno o più tipi di molecole è definita affinità, mentre è definita attività intrinseca o efficacia l'entità della risposta cellulare conseguente al legame. Un legante che possegga ambedue le proprietà viene definito agonista vero o puro. Antagonista competitivo è invece l'altro legante che, pur possedendo elevata affinità, non è in grado di attivare il recettore, ma nel contempo impedisce il legame da parte dell'agonista vero e la conseguente attivazione, in questo caso potendolo persino spiazzare dai suoi siti di legame (si veda l'esempio del naloxone nei riguardi della morfina). Una grande varietà di neurotrasmettitori, ormoni, farmaci e condizioni fisiologiche può modificare il numero dei r. e così la sensibilità a leganti specifici. Un aumento della quantità di neurotrasmettitori di regola riduce il numero dei propri r. (down regulation), mentre una riduzione causa un aumento dei siti recettoriali (up regulation). La down regulation è la base molecolare per fenomeni di tachifilassi, refrattarietà, tolleranza (o abitudine), mentre l'up regulation rende conto dei fenomeni di ipersensibilità o supersensitività recettoriale.