Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
17/4 Compendio di Storia del Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 V, pag. 288 € 15,00</span> 21/2 Compendio di Isitituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VI, pag. 256 € 18,00</span> 21/3 Schemi & Schede di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 III, pag. 160 € 10,00</span> 583 Dizionario Giuridico Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 VI, pag. 560 € 15,00</span> 21 Il nuovo Manuale di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 VII, pag. 528 € 22,00</span> 17 Il nuovo Manuale di Storia del Diritto Romano (Diritto pubblico romano)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 V, pag. 272 € 20,00</span> IP9 Ipercompendio Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 240 € 10,00</span> W18 Storia del Diritto Medioevale e Moderno<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 160 € 10,00</span>
Cabinet
Cadi
Calvinismo
Camera apostolica
Camera dei Comuni
Camera dei fasci e delle corporazioni
Camera dei Lords
Camerario (o Camerlengo)
Campo di maggio (o di marzo
Campoformio
Cancellarius
Cancelleria
Cancelleria apostolica
Cancelleria di Stato
Cancelleria [Corte della]
Cancelliere
Cancelliere dello Scacchiere
Cancelliere federale
Canone
Capetingi
Capitanata
Capitaneus
Capitaneus feudale
Capitano del popolo
Capitolare
Capitolazione
Capitudini
Capitula et ordinationes curiae maritimae nobilis civitatis amalphae
Capitula legibus addenda
Capitula per se scribenda
Capitulare Italicum
Cardinale Deusdedit
Caristicario
Carlo Alberto
Carlo di Tocco
Carlo Emanuele III
Carlo Felice
Carlo I d’Angiò
Carlo II d’Angiò
Carlo II il Calvo
Carlo III di Borbone
Carlo Magno (o Carlo I Magno)
Carlo V d’Asburgo
Carolina
Carolingi
Carroccio
Carta de logu
Carta del lavoro
Cartesianesimo (o Cartesianismo)
Cartesio
Cartulario tou sakellíou
Cartularium
Case law
Casellario giudiziale
Casus
Casus foederis
Catapano (o catepano)
Catasto
Cateau-Cambrésis
Catepanato d’Italia
Cattaneus
Cattolicità
Causidico
Cautelae
Cavalleria
Cawarfidae
Cento anni
Certiorari
Cervidio Scevola
Cesarismo
Cesaropapismo
Chancery
Charta
Chartularium langobardicum
Chindasvindo
Cino Sighibuldi da Pistoia
Cipolla
Cisalpina
Cispadana
Citazioni
Citramontani
Cittadinanza
Civil Law
Clan
Clementinae
Clodoveo
Code d’instruction criminelle
Code Napoléon
Code pénal del 1810
Codex
Codex Gai veronensis
Codex iuris canonici
Codice
Codice albertino
Codice civile del 1865
Codice civile del 1942
Codice di commercio del 1882
Codice di diritto canonico
Codice di procedura civile del 1865
Codice di procedura penale del 1865
Codice di procedura penale del 1913
Codice di procedura penale del 1930
Codice Ermogeniano (o Epitome Iuris)
Codice Estense
Codice Euriciano
Codice Gregoriano
Codice penale del 1889
Codice penale del 1930
Codice Rocco
Codice Teodosiano
Codice Zanardelli
Codici penali sardi
Codificazione
Collaterale
Collectio canonum
Collectio canonum Anselmo dedicata
Collectio canonum del Cardinale Deusdedit
Collectio Gaudenziana
Collectio Hispana
Collectio notabilium
Collegantia
Collezione Dionisiana
Collezione greca delle Novelle
Collezione Isidoriana
Collezione Ispanica
Colonato
Coloni
Comes
Comes Palatii
Comitato
Commemoriali
Commenda
Commendatio
Commendato
Commentatori
Common Law
Communis opinio
Compagnia di Gesù
Compilationes antiquae
Compositio
Comunalia
Comune medievale
Comunità delle genti cristiane
Comunità di mestieri
Concerto europeo
Concettualismo
Concilio di Basilea
Concilio di Nicea
Concilio di Trento
Concilio ecumenico
Concilio fiorentino
Concordato di Worms
Concordato ecclesiastico
Concordia discordantium canonum
Conestabile (o Connestabile)
Confino di polizia
Confugio
Congregatio populi
Congresso di Vienna
Consiglio collaterale
Consiglio dei Dieci
Consiglio del Fascismo
Consiglio maggiore
Consiglio minore
Consiglio nazionale delle Corporazioni
Consilia
Console
Consolidazione
Constitutio
Constitutio criminalis Carolina
Constitutio de feudis
Constitutio puritatem di Federico II
Constitutio romana
Constitutiones Augustales
Constitutiones Marchiae Anconitanae
Constitutiones melphitanae
Constitutiònes prìncipum
Constitutiones Regni Siciliae
Constitutum Costantini
Constitutum Pisanum
Consuetudine
Consuetudines neapolitanae
Consul
Consultatio veteris cuiusdam iurisconsulti
Consultori
Contea
Contratto sociale
Contrattualismo
Controriforma
Coroner
Corporativismo
Corporazioni
Corpus iuris canonici
Corpus iuris civilis
Corrado II il Salico
Correctores statutorum
Corte
Corte dei Pari
Cortes
Corvée
Costantino
Costantino [donazione di]
Costanza
Costanzo
Costituente
Costituzionalismo
Costituzione civile del clero
Costituzione per la pace pubblica
Costituzioni egidiane
Costituzioni modenesi del 1771
Costituzioni piemontesi
Court
Court of Chancery
Court of Common Pleas
Court of Exchequer
Court of King’s Bench
Coutume
Criticismo
Croce Benedetto
Crociate
Cubicularii
Cuiacio Jacopo
Culti
Cum pro munere
Cuoco Vincenzo
Curia
Curia regis
Curia romana (o pontificia)
Curtis



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo
Liber Augustalis

Compilazione legislativa emanata nel 1231 a Melfi per il Regno di Sicilia da Federico II di Svevia [vedi], conosciuta anche come Constitutiones Regni Siciliae o come Constitutiones melphitanae o Augustales. Si tratta di una raccolta di norme di diversa provenienza.
Ne furono autori Pier delle Vigne e Iacopo, arcivescovo di Capua. Il (—) rappresentava il diritto generale del Regnum Siciliae; gli altri diritti, comuni e particolari, sarebbero restati in vigore, solo se non lo avessero contraddetto.
Si divide in tre libri, suddivisi in titoli, ciascuno dei quali ha la sua rubrica. Il primo libro è dedicato all’ordinamento del regno, in particolare magistrature e finanze; il secondo si occupa del processo; il terzo comprende norme diverse di diritto privato, penale e feudale.
Per compattezza e struttura logica il (—) rappresenta un’opera legislativa unica per l’epoca. Nell’aspetto esteriore si riallaccia alla legislazione degli imperatori romani (da cui il nome). Come personificazione del diritto al pari di quelli, Federico II promulgò il (—) da solo dopo averla sottoposto all’esame di un’assemblea imperiale a Melfi.
Per quanto concerne le fonti, vi si ritrovano essenzialmente la legislazione normanna, il diritto romano ma anche alcune decretali pontificie e taluni statuti municipali delle città settentrionali.
La parte più importante concerne la riforma delle cariche pubbliche. Per la prima volta nel Medioevo uno Stato si fondava su una magistratura interamente laica. L’appalto delle cariche fu abolito e furono stabiliti compensi fissi per i funzionari. Una riforma completa subì la giustizia, che venne tolta ai feudatari, ed affidata ai giustizieri dello Stato. A capo della giustizia e dell’amministrazione vi era il magister justiciarus.
Nel diritto penale fu attuato il criterio dell’inchiesta d’ufficio sia per l’accusa, sia per la prova. Il processo civile si ispirava al diritto romano, senza riguardo alle nazionalità delle parti in causa.
Il feudalesimo non fu abolito, ma sottomesso a una tendenza centripeta fondata sulla fedeltà individuale al re. L’amministrazione finanziaria fu accentrata.
Ai tribunali ecclesiastici il (—) sottrasse la giurisdizione sui laici e persino sugli eretici. Anche gli ecclesiastici, in taluni casi, dovevano essere giudicati da tribunali regi. Agli ecclesiastici fu inibito l’esercizio di pubbliche funzioni e venne notevolmente limitato il diritto di possedere terreni: in caso di devoluzione ereditaria, le terre dovevano entro un anno essere alienate, a pena di confisca.
Il (—) vietò, inoltre, ai comuni [vedi comune medievale] l’esistenza autonoma, con propri magistrati e comminò, in caso di contravvenzione a tale divieto, il saccheggio della città e la pena di morte ai magistrati comunali.
Molte delle istituzioni create da Federico II gli sopravvissero. Il (—) rimase formalmente in vigore fino al 1809 per quanto riguarda il Regno di Napoli; in Sicilia fu abrogato nel 1819.