Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
526/A Concorso Scuola dell’Infanzia e Primaria - Manuale completo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 III, pag. 800 € 44,00</span> PK35 Maturità Scienze Umane<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2015 , pag. 224 € 9,00</span> W23 Storia del Cinema<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2009 , pag. 128 € 8,00</span> W53 Sociologia dell'organizzazione<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2010 , pag. 128 € 8,00</span> W42 Psicologia Clinica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 128 € 9,00</span> W43 Psicologia Sociale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 128 € 9,00</span>
Abbandono
Abbandono
Aberrazione
Abilità
Abituazione
Abitudine
Abnegazione
Abrahm, Karl
Abreazione
Abulia
Accelerazione ideica
Accesso
Accomodamento
Accomodazione
Acculturazione
Acetilcolina
Acquisito
Acting-out
Adattamento
Adattamento
Addestramento
ADHD
Adler, Alfred
Adolescenza
Adrenalina
Adultismo
Adultità
Adulto
Adultomorfismo
Afanisi
Afasia
Affettività
Affettivo
Affetto
Affezione
Affidamento
Affiliazione
Afflizione
Afonia
Afrodisiaco
Agente
Aggiustamento
Aggressione
Aggressività
Agire
Agitazione
Agnosia
Agorafobia
Agrafia
Agrammatismo
Alcolismo
Alessia
Alexitimia
Alfabetizzazione
Alienazione parentale
Alloerotismo
Alloplastico
Allport, Gordon W.
Allucinazione
Allucinogeni
Allucinosi
Alternanza psicosomatica
Alzheimer
Ambieguale
Ambiguità
Ambivalenza
Ambiversione
Ambizione
Amicizia
Amigdala
Amimia
Ammiccamento
Amnesia
Anaclitica
Anaclitica
Anale
Anale
Analisi
Analisi del discorso
Analizzante
Analizzato
Anamnesi
Anancasmo
Androginia
Andropausa
Anedonia
Anencefalia
Anestesia
Anginofobia
Angoscia
Anima
Animazione
Animismo
Animus
Annullamento
Anomia
Anoressia
Anorgasmia
Anormalità
Ansia
Ansia
Ansia di separazione
Ansiolitici
Antagonista
Anticipazione
Antidepressivi
Antipsichiatria
Antipsicotici
Antisociale
Apatia
Appagamento
Apparato psichico
Appercezione
Appiattimento affettivo
Apprendimento
Apprendimento
Apprensione
Approccio
Approvazione
Aprassia
Archetipo
Artificialismo
Arto fantasma
Ascesi
Asimbolia
Aspettativa
Aspirazione
Assenza
Assertività
Assessment/Valutazione
Assimilazione
Assistente sociale
Associazione
Associazionismo
Assone
Astenia
Astinenza
Astinenza
Astrazione
Astuzia
Atarassia
Atassia
Atavismo
Atrofia cerebrale
Attaccamento
Attaccamento
Atteggiamento
Attendibilità
Attenzione
Attitudine
Attività/Passività
Atto educativo
Attrazione/Repulsione
Aura
Autismo
Autismo infantile
Autoaccusa
Autoaffermazione
Autoanalisi
Autocontrollo
Autocoscienza
Autocritica
Autoeducazione
Autoerotismo
Autolesionismo
Automatismo
Automatizzazione
Autonomia funzionale
Autonomia/Eteronomia
Autopunizione
Autorealizzazione
Autorecettori
Autoscopia
Autostima
Autosuggestione
Autosvalutazione
Autovalutazione
Auxologia
Avarizia
Avversivo
Azione



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario di Scienze Psicologiche
Analisi del discorso
Filone di ricerca qualitativa che risente dell'influenza teorica di discipline non soltanto psicologiche. Tra le principali fonti di influenza esterne alla psicologia una delle più rilevanti è rappresentata dal contributo di Bachtin, la cui opera rivela magistralmente la centralità del dialogo nella conoscenza e nella vita umana; segue quella di Wittgenstein, che considera il linguaggio come una forma di vita, ossia non semplicemente come un sistema logico di simboli utile a rappresentare la realtà esterna, ma piuttosto come un sistema convenzionale utilizzato nel contesto sociale in relazione a specifici obiettivi (di qui la nozione di gioco linguistico); ancora quella di Austin e Searle, che con la teoria degli atti linguistici dimostrano il carattere pragmatico della comunicazione; quella di Goffman, il quale studia la gestione strategica della comunicazione interpersonale e pubblica come evento drammaturgico; ed infine quella di Foucault, che considera le pratiche discorsive come strumentali all'esercizio del potere sociale e interpersonale. Tra le fonti di influenza interne alla psicologia punti di riferimento centrali sono i contributi di Mead e Vygotskij, che mostrano la relazione pregnante tra attività cognitiva e contesto sociale, il costruzionismo sociale di Gergen (che sottolinea il carattere relazionale dell'esperienza umana; e l'approccio retorico alla psicologia sociale di Billig, che evidenzia la natura dilemmatica e negoziale delle pratiche di comunicazione. Partendo da tali premesse teoriche ed epistemologiche, l'a. del d. si afferma a partire dagli anni Settanta come tecnica di ricerca per l'interpretazione soggettiva, procedurale e qualitativa della struttura profonda della comunicazione. Si differenzia dall'analisi del contenuto che invece mira a descrivere in maniera oggettiva, sistematica e quantitativa il contenuto manifesto della comunicazione. L'a. del d. non si limita a registrare l'andamento delle interazioni comunicative dal loro esterno, ma adotta il punto di vista locale e situato di chi è coinvolto nell'interazione, producendo proposte soggettive di interpretazione. Tale approccio metodologico, nonché l'interesse per il parlare inteso come attività sociale situata nei contesti di vita quotidiana, avvicina l'a. del d. ad un'altra tecnica di indagine qualitativa: l'analisi della conversazione. Entrambe si propongono di descrivere la produzione e l'organizzazione delle sequenze discorsive sottolineando l'assoluta centralità del contesto (text and talk in interaction). Tuttavia, mentre l'analisi della conversazione è interessata a rintracciare i dispositivi interni del parlato che consentono il fluire, la coordinazione e la comprensione intersoggettiva (ad es.: presa di turno, pause, sovrapposizioni etc.), l'interesse dell'a. del d. si focalizza maggiormente sull'organizzazione dei significati, sul ricorso a specifici repertori linguistici, sulle strategie retoriche e argomentative. In quest'ottica, l'a. del d. non considera il linguaggio come uno specchio fedele di strutture cognitive preesistenti, ma piuttosto come un potente strumento retorico, utilizzato strategicamente per indebolire o per rafforzare una posizione. Tra le varie modalità di a. del d. negli ultimi anni si è affermata una prospettiva di indagine critica che tenta di rivelare le relazioni tra linguaggio e potere. L'obiettivo specifico è dunque quello di comprendere le motivazioni e gli obiettivi che gli attori si propongono e manifestano attraverso le proprie azioni discorsive, cercando di spiegare come l'organizzazione del discorso e l'ordine sociale di fatto si influenzino a vicenda. Tre sono gli indirizzi che caratterizzano il dibattito sull'analisi critica del discorso: l'approccio socio-culturale (Scuola di Londra), l'approccio cognitivo (Scuola di Amsterdam) e l'approccio socio-storico (Scuola di Vienna). L'approccio socio-culturale, inaugurato da Fairclough, si focalizza sull'intricata relazione tra usi del linguaggio e strutture sociali. In sostanza, secondo l'autore, l'appartenenza a strati sociali specifici influenza fortemente il modo in cui le persone utilizzano i sistemi di significazione e di conseguenza l'assetto socio-culturale delle relazioni, delle identità e delle credenze è continuamente modellato da tali pratiche comunicative. In quest'ottica, la specificità dell'analisi critica del discorso consiste nell'evidenziare le relazioni tra eventi comunicativi e strutture socio culturali (articolazione in classi, ruoli, istituzioni). L'approccio cognitivo, il cui rappresentante più illustre è Van Dijk, mostra particolare attenzione verso i processi cognitivi attivati nella costruzione e nell'elaborazione di un evento discorsivo. Di conseguenza, l'autore sottolinea il legame tra processi cognitivi attivati dalla memoria a lungo termine (ad es.: schemi, copioni, frames) e strategie retoriche utilizzate nella produzione di testi/discorsi evidenziando come tale relazione sia di fatto funzionale alla riproduzione della società in termini di stereotipi, pregiudizi, orientamenti ideologici etc. Infine, l'approccio socio-storico, che coincide con il lavoro del gruppo di ricerca coordinato da Wodak, analizza gli eventi discorsivi prestando attenzione non soltanto alle variabili psicologiche che collegano la progettazione cognitiva alla resa discorsiva (ad es.: profili di identità, livelli di coinvolgimento emotivo etc.), piuttosto alle dinamiche costitutive dei contesti (coordinate spazio-temporali, rapporti di ruolo, macroscenari, orizzonti interpretativi).