Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
46/8 Compendio di Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VII, pag. 320 € 19,00</span> 516 Codice del Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 992 € 34,00</span> 339 Concorso 200 Laureati Carriera Prefettizia - Manuale per la prova preselettiva e scritta<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 928 € 40,00</span> 207/1 Elementi di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 X, pag. 208 € 12,00</span> 54A/13 I Quaderni del praticante Avvocato - Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 X, pag. 192 € 16,00</span> 47/6 Le Politiche dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XI, pag. 272 € 18,00</span> 47 Manuale di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XXVI, pag. 512 € 30,00</span>
LEADER
Leale cooperazione
Legge comunitaria
Legge La Pergola
Leggibilità dei trattati
Legittimità democratica
Legittimo affidamento
Leonardo
Lettera di archiviazione
Lettonia
Libera circolazione dei capitali
Libera circolazione dei lavoratori
Libera circolazione delle merci
Libera circolazione delle persone
Libera circolazione delle prestazioni sociali
Libera pratica
Libera prestazione di servizi
Libertà di stabilimento
LIBOR
Libro bianco
Libro bianco su crescita, competitività e occupazione
Libro bianco sul completamento del mercato interno
Libro verde
Liechtenstein
LIFE
Lingua
Lingue ufficiali
Lituania
Lobbies
Lomé
London Interbank Offered Rate
Lotta contro il razzismo e la xenofobia
Lotta contro il riciclaggio di denaro
Lotta contro il terrorismo
Lotta contro la corruzione
Lotta contro la criminalità organizzata
Lotta contro la droga
Lotta contro le frodi
Lussemburgo
Lussemburgo [Compromesso di]




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
LX47 Lexicon di Diritto dell'Unione Europea

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario dell\'Unione Europea
Legittimità democratica

Principio teso a garantire la ripartizione equilibrata dei poteri affidati alle istituzioni europee e il coinvolgimento diretto dei cittadini europei e dei Parlamenti nazionali al processo decisionale comunitario.
Il problema di assicurare un’effettiva applicazione del principio della legittimità democratica cominciò a porsi ai tempi della Conferenza intergovernativa del 1985 che portò all’adozione dell’Atto Unico europeo (v. AUE), soprattutto in riferimento alla necessità di procedere al rafforzamento dei poteri del Parlamento.
Le modifiche apportate in questa direzione dall’Atto Unico si sostanziarono nell’introduzione della procedura di cooperazione (v.), la quale prevede una sorta di consultazione fra Commissione, Consiglio e Parlamento, nonché nell’istituzione della procedura del parere conforme (v.), che preclude al Consiglio di deliberare qualora non si adegui al parere del Parlamento. Si trattava di un primo tentativo di inserire il Parlamento nel procedimento legislativo, anche se la sua partecipazione rimaneva comunque circoscritta rispetto a quella delle altre istituzioni comunitarie.
Già dalle prime applicazioni dell’Atto Unico ci si rese conto che l’innovazione appariva piuttosto marginale, poiché non era sufficiente a colmare il deficit democratico (v.) presente nella Comunità. Gli ipotetici vantaggi che potevano derivare dalla introduzione delle procedure di cooperazione e del parere conforme furono difatti annullati dalla tendenza da parte del Consiglio a non tener conto dei pareri del Parlamento nell’approvazione finale del testo normativo.
A ciò si aggiunga la insufficiente partecipazione dei Parlamenti nazionali alle fasi di formazione ed applicazione delle procedure legislative comunitarie.
La prima significativa opportunità per il Parlamento di inserirsi a pieno titolo nel procedimento di formazione degli atti comunitari è stata riconosciuta dal Trattato di Maastricht (v.), soprattutto attraverso l’introduzione della procedura di codecisione (v.) che ha posto sullo stesso piano Consiglio, Commissione e Parlamento e l’attribuzione di una sorta di pre-potere di iniziativa al Parlamento (v. Iniziativa dell’iniziativa). Il rafforzamento dei poteri del Parlamento è avvenuto inoltre in tema di nomina e controllo della Commissione, riconoscendo all’assemblea la facoltà di partecipare alla nomina del suo presidente e quella di nominare il mediatore europeo (v.), abilitato a ricevere le denunce riguardanti i casi di cattiva amministrazione da parte degli organi comunitari.
Tuttavia questi sviluppi non sono bastati ad assicurare una effettiva legittimità democratica all’interno della Comunità, poiché, nonostante gli sforzi compiuti, non si garantiva la simmetria fra i poteri legislativi del Consiglio e del Parlamento, né si realizzava il rafforzamento del ruolo dei Parlamenti nazionali nel processo decisionale comunitario.
Al fine di procedere ad una ripartizione più democratica dei poteri il Trattato di Amsterdam (v.) ha provveduto a sancire la quasi totale generalizzazione del campo di applicazione della procedura di codecisione, precedentemente richiesta solo per un numero limitato di casi, accrescendo notevolmente il ruolo parlamentare nell’Unione.
Le disposizioni concernenti un’informazione più tempestiva fra governi nazionali e rispettivi Parlamenti in merito alle proposte legislative della Commissione, insieme a quelle volte ad intensificare gli scambi fra Parlamento europeo e Parlamenti nazionali (v. COSAC), dovrebbero inoltre favorire una maggiore influenza dei Parlamenti degli Stati membri nella Comunità e contribuire così al processo di democratizzazione dell’Unione.