Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
17/4 Compendio di Storia del Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 V, pag. 288 € 15,00</span> 21/2 Compendio di Isitituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VI, pag. 256 € 18,00</span> 21/3 Schemi & Schede di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 III, pag. 160 € 10,00</span> 583 Dizionario Giuridico Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 VI, pag. 560 € 15,00</span> 21 Il nuovo Manuale di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 VII, pag. 528 € 22,00</span> 17 Il nuovo Manuale di Storia del Diritto Romano (Diritto pubblico romano)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 V, pag. 272 € 20,00</span> IP9 Ipercompendio Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 240 € 10,00</span> W18 Storia del Diritto Medioevale e Moderno<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 160 € 10,00</span>
Gabbie salariali
Gabella
Gabellotto
Gaggio
Gaio
Gairethinx
Gallia
Gallicanesimo
Gambiglioni Angelo d’Arezzo
Gasindi (o Antrustioni)
Gastaldi
Gaudenziana
Gelasio I
Genovesi Antonio
Gens
Genserico
Genti
Gentili Alberico
Germani
Gesetzgebungsstaat
Gesuiti
Gewere
Giannone Pietro
Giason del Maino
Gilda
Giovanni da Imola
Giovanni da Parigi
Giovanni d’Andrea
Gisel
Giudizio di Dio
Giuliana
Giuramento
Giuria
Giurisdizionalismo
Giurisdizione
Giurisprudenza
Giuseppismo
Giusnaturalismo
Giuspositivismo
Giustiniano I
Giustino I
Giustizia
Glanvill Ranulf
Glossa
Glossa Accursiana
Glossa di Casamari
Glossa di Koln
Glossa di Pistoia
Glossa di Torino
Glossae malbergicae
Glossatori
Godefroy Denis
Godomaro (o Gondemaro)
Goffredo da Trani
Gombetta
Goti
Gran ammiraglio
Gran cancelliere
Gran Consiglio del Fascismo
Graziano
Gregoriana
Gregorio (o Gregoriano)
Gregorio (vescovo di Tours)
Gregorio I Magno
Gregorio IX
Gregorio VII
Gride
Grimoaldo
Grozio Ugo
Grundgesetz
Grundnorm
Gualdarii
Guarentigie
Guarentigie costituzionali
Guariganghe
Guerra gotica
Guerre di religione
Guglielmo di Occam (o Ockam)
Guglielmo Durante
Guidrigildo
Gundebaldo (o Gondebaldo o Gundobado)
Gundicaro



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo
Locke John (Somersetshure 1632 - Essex 1704)

Filosofo inglese. Pur ispirandosi alla concezione dei diritti naturali e dell’origine contrattualistica dello Stato, giunse ad un’interpretazione del tutto contraria a quella formulata da Hobbes [vedi Hobbes Thomas].
Secondo (—) la natura dell’uomo non è violenta ed aggressiva, anzi ciascun individuo nutre istintivamente nei confronti dei propri simili sentimenti di tolleranza e di simpatia. Nello stato di natura gli uomini hanno la possibilità di esercitare liberamente i diritti naturali di libertà, di proprietà, di autodifesa senza danneggiarsi reciprocamente. Per questo motivo la nascita dello Stato, che ha sempre origine da un patto spontaneo tra gli individui, non comporta che questi ultimi si spoglino di tutti i diritti fondamentali per assoggettarsi all’arbitrio del solo sovrano, bensì ha lo scopo di vedere meglio garantiti e tutelati i diritti naturali stessi. La difesa di un’offesa alla proprietà, ad esempio, viene meglio assicurata quando sussiste un potere superindividuale, di fronte al quale anche i più violenti sono costretti ad arrendersi. Il contratto fra sovrano e cittadini ha natura bilaterale, con la conseguenza che se lo Stato viola tali diritti, i sudditi hanno il diritto-dovere di resistere e ribellarsi.
Da tutto ciò appare evidente che la dottrina di (—), magistralmente esposta nell’opera I due trattati sul governo (1690), è una vera e propria teorizzazione dei diritti fondamentali dell’uomo e del governo costituzionale, in opposizione all’assolutismo di Hobbes. Il potere politico si giustifica e legittima solo se ed in quanto esso provveda a riconoscere e garantire il rispetto dei preesistenti diritti naturali dell’individuo. La legge non deve essere l’espressione del libero arbitrio di un sovrano ma ha come unica funzione quella di positivizzare, ossia di tradurre in precetti specifici ed inviolabili il diritto di natura.
L’interesse di (—) va verso la fondazione di un regime di convivenza quanto possibile liberale, e verso un concetto di Stato che non sia distante dalle condizioni naturali, e in cui i protagonisti siano i singoli individui e non un astratto potere.
“La libertà dell’uomo in società consiste nel non sottostare ad altro potere legislativo che a quello stabilito per consenso nello Stato, né al dominio di un’altra volontà e alla limitazione di altra legge che ciò che questo potere legislativo stabilirà conformemente alla fiducia riposta in lui […]. La libertà degli uomini sotto un governo consiste nell’avere una norma fissa secondo cui vivere, comune a ciascun membro di questa società, e fatta dal potere legislativo, in essa istituito” (Locke).
Particolarmente innovatrice è la tesi di (—) sul carattere naturale del diritto di proprietà, diritto proprio di tutti gli uomini indistintamente, in quanto è fondato sul lavoro personale e sul legittimo possesso dei suoi frutti.
Per quanto riguarda il problema della tolleranza religiosa, particolarmente sentito durante il XVI secolo in tutta Europa, (—) ebbe modo di soffermarsi in particolare sulla questione se il magistrato civile potesse o meno costringere l’individuo, con i mezzi coercitivi a disposizione dello Stato, ad abbandonare la propria fede e ad abbracciare quella dominante. La risposta data dal filosofo liberale inglese era negativa, ad eccezione che nei confronti dei cattolici e degli atei, nei cui riguardi nemmeno lui era disposto alla tolleranza.
Tuttavia, l’aspetto forse più significativo dell’opera del filosofo inglese va ricercato nell’analisi degli organi di Stato. Egli afferma, per esempio, il principio della separazione dei poteri (legislativo, esecutivo, federativo, vale a dire il “potere estero”), che il successivo liberalismo svilupperà in modo assai fecondo, e il primato del potere legislativo. Ma la comunità dei membri della società politica, delegando al potere legislativo l’autorità di prescrivere le leggi, non aliena da sé completamente il potere. Infatti, il potere legislativo è solo un potere fiduciario delegato in vista di determinati fini che, se non raggiunti o non tenuti nella dovuta considerazione, consentono alla comunità stessa di destituire questo potere legislativo.
In definitiva, il pensiero di (—) conduce alla piena teorizzazione della concezione liberale dello Stato, in virtù della quale a quest’ultimo è affidato il compito di approntare le condizioni necessarie al libero esplicarsi dell’azione umana nella società.