Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
45/1 Compendio di Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XX, pag. 288 € 20,00</span> 47/4 Compendio di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XIX, pag. 368 € 22,00</span> 47/6 Le Politiche dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 X, pag. 272 € 18,00</span> 46/8 Compendio di Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 VI, pag. 304 € 19,00</span> 328/13 89 Funzionari Amministrativi ASPAL - Manuale completo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 , pag. 1104 € 38,00</span> 54A/13 I Quaderni del praticante Avvocato - Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 IX, pag. 192 € 15,00</span>
Abatement
ABE
Abuso di posizione dominante
Accesso ai documenti delle istituzioni
Accise
Accordi amministrativi
Accordi commerciali
Accordi con Stati terzi
Accordi di associazione
Accordi di Basilea
Accordi di cooperazione
Accordi di distribuzione
Accordi di partenariato
Accordi euromediterranei
Accordi europei
Accordi europei di cambio
Accordi misti
Accordi multifibre
Accordi tra imprese
Accordo di Blair-House
Accordo di Fontainebleau
Accordo di Schengen
Accordo di Stoccolma
Accordo interbancario sulla transizione dell’euro
Accordo intereuropeo dei pagamenti
Accordo interistituzionale
Accordo Monetario Europeo
Accordo quadro
Accordo sulla politica sociale
ACP
Acquis communautaire
Acquis di Schengen
Action Committee for a United States of Europe
ACUSE
Adattamento al diritto comunitario
Addestramento e istruzione professionale
Addizionalità
Adenauer Konrad
Adesione
AETS
African, Carribbean, Pacific
Agenda 2000
Agenzia europea per gli alimenti sicuri
Agenzia europea per gli armamenti
Agenzia Europea per la Valutazione dei Medicinali
Agenzia europea per l’ambiente
Agenzia europea per l’igiene e la sicurezza del lavoro
Agenzia Spaziale Europea
Agenzie comunitarie
Agricoltura
Aid to trade
Airbus
Aiuti di Stato alle imprese
Al Invest
ALFA
Allargamento
Alta autorità CECA
Altener
Alto rappresentante per la PESC
ALURE
Ambiente
AME
America Latina
Amérique Latine Formation Académique
Amérique Latine Utilization optimale des Ressources Enérgetiques
Ammenda
Ampliamento
Amsterdam
Andorra
Anti dumping
Antitrust
Appalti pubblici
Approfondimento
Arbitraggio cross-border
Area dell’euro
Area di libero scambio
Area monetaria
Arianna
Armonizzazione comunitaria
Armonizzazione fiscale
Arrotondamento
Arusha
ASEM
Asia
Asia-Europe meeting
Asia-invest
Asia-Urbs
Asilo politico
Assegnazione minima
Assemblea
Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa
Assicurazioni
Assise
Associazione
Associazione Bancaria per l’Euro
Associazione delle Camere di Commercio europee
Associazione per l’Unione Monetaria Europea
Asta a tasso fisso
Asta a tasso multiplo
Asta a tasso unico
Asta a tasso variabile
Asta standard
Asta veloce
Astensione costruttiva
Attestazione negativa
Atti atipici
Atti giuridici comunitari
Atti non vincolanti
Atti vincolanti
Attività ammesse al mutuo riconoscimento
Attività di primo livello
Attività di secondo livello
Attività non trasferibili
Atto finale di Helsinki
Atto Unico Europeo
Audiovisivi
AUE
AUME
Austria
Autonomia del diritto comunitario
Autorità garante della concorrenza e del mercato
Autorità monetaria
Avvocati senza frontiere
Avvocato europeo
Avvocato generale
Azione comune
Azione di annullamento
Azione di responsabilità extracontrattuale
Azione in carenza
Azione Robert Schuman
Azioni innovative




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
LX47 Lexicon di Diritto dell'Unione Europea

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario dell\'Unione Europea
Armonizzazione fiscale art. 93 Trattato CE; Direttiva 23 luglio 1990, n. 90/434/CEE; Direttiva 23 luglio 1990, n. 90/435/CEE; Direttiva 16 dicembre 1991, n. 91/680/CEE; Direttiva 19 ottobre 1992, n. 92/77/CEE; Regolamento CEE 27 dicembre 1992, n. 218/92

Processo di convergenza e coordinamento in materia fiscale dei paesi della Comunità europea al fine di realizzare congiuntamente il mercato unico (v.).
Il processo evolutivo verso la completa armonizzazione fiscale, doveva articolarsi in tre fasi: abolizione dei dazi doganali (v.), armonizzazione dell’IVA (v.) e delle accise (v.), armonizzazione delle imposte dirette. Le prime due fasi sono state attuate, mentre l’ultima appare ancora lontana, per i mutamenti che implica nelle scelte politiche ed economiche di ciascuno Stato.
In materia di IVA il Trattato CE adottò il principio della tassazione nel paese di destinazione (v.) quale criterio di base dell’imposizione negli Stati membri delle merci in transito nel territorio comunitario (v.).
Il Libro bianco sul completamento del mercato interno (v.) dell’85 avanzò, poi, proposte sostanziali in materia di IVA ed accise. Per l’IVA veniva proposto il sistema di tassazione nel paese d’origine (v.), in modo che il gettito del tributo affluisse al paese produttore delle merci.
Le imprese esportatrici potevano dedurre tutta l’imposta pagata nel loro Stato e non era più necessario un controllo fiscale alla frontiera.
In tal modo si poteva realizzare (per il 1992) l’abolizione non solo delle barriere doganali ma anche di quelle tributarie, in linea con gli obiettivi stabiliti nell’Atto Unico Europeo.
Questo obiettivo è stato raggiunto attraverso la Direttiva 91/680 che ha modificato la VI Direttiva IVA. Essa prevedeva inizialmente un regime transitorio per il quadriennio 1993-1997 caratterizzato dall’applicazione dell’attuale sistema di tassazione ai fini IVA, cioè quello del paese di destinazione; successivamente è stato deciso di prorogare tale regime fino al 2000.
La maggiore novità consiste nel venir meno, già dal periodo transitorio ed in coincidenza con l’abolizione delle barriere doganali, della riscossione dell’IVA nelle importazioni intracomunitarie.
Naturalmente sono previste nuove modalità di verifica concernenti la documentazione cui le imprese sono tenute. Essa è costituita dalle dichiarazioni trimestrali, dalle fatture e dall’attribuzione ad ogni impresa di un codice IVA. Tutto ciò allo scopo di consentire controlli e scambi di informazioni tra gli Stati membri. I meccanismi di verifica atti ad evitare le frodi fiscali si fondano essenzialmente sul regolamento 218/92.
Le aliquote IVA attualmente previste dai diversi Stati membri sono state uniformate dalla direttiva 92/77 e sono in vigore fino allo scadere del periodo transitorio. In particolare tale direttiva prevede:
— l’obbligo di applicare un’aliquota ordinaria inferiore al 15%;
— il contenimento delle aliquote ridotte al numero di due, non inferiori al 5%;
— la facoltà di applicare una aliquota ancora più ridotta per alcuni beni individuati in un allegato alla direttiva in esame;
— l’obbligo di applicare, nel periodo transitorio, un’aliquota ridotta non inferiore al 12%;
— la soppressione delle aliquote maggiorate applicate da alcuni Stati (come l’Italia che prevedeva un’aliquota del 38%).
In materia di accise (v.), il regime attuale di riscossione adotta una diversa applicazione della stessa differenziandosi in base al momento in cui colpisce la merce acquistata.
L’armonizzazione delle imposte dirette nella Comunità europea appare, invece, ancora molto lontana, soprattutto perché implica il ridimensionamento del più importante strumento di manovra economica oggi a disposizione dei governi nazionali.
L’unico settore in cui si è pervenuti ad una seppur minima armonizzazione è quello della tassazione degli utili societari e ciò al fine di evitare la doppia imposizione dei medesimi redditi in paesi diversi. Le direttive emanate sono:
— la direttiva 90/434 con la quale è stato disciplinato il regime fiscale delle fusioni, scissioni e conferimento d’attivo tra società appartenenti a Stati diversi. Obiettivo della direttiva è quello di istituire un regime fiscale unico per le operazioni transfrontaliere nel caso in cui emergano delle plusvalenze;
— la direttiva 90/435 che disciplina il regime fiscale da applicarsi alle società madre e figliastabilite in Stati diversi.
Scopo della direttiva è quello di evitare che gli utili della stessa società siano tassati due volte: una prima nello Stato in cui sono realizzati e una seconda nello Stato in cui sono trasferiti, allorché vengono conferiti alla società controllante.
La norma prevede che gli utili della società controllata (figlia) vengano tassati alla fonte, mentre lo Stato in cui ha sede la società controllante (madre) può:
a) non tassare i dividendi percepiti dalla società figlia;
b) concedere un credito d’imposta per gli utili conseguiti dalla società controllata.
Un terzo provvedimento (non emanato dalle istituzioni comunitarie, ma frutto di un accordo intergovernativo) introduce una procedura arbitrale per risolvere i conflitti tra le diverse amministrazioni tributarie, qualora sorgano delle dispute con riguardo agli utili da attribuire a società madri e figlie (v. Transfer princing).
Infine, in tema di armonizzazioni fiscale, importanti novità sono contenute nel cosiddetto pacchetto Monti (dal nome del Commissario proponente) approvato globalmente dal Consiglio dei ministri fiscali alla fine del 1997.
Il pacchetto, oltre a proporre l’adozione di un codice di condotta fiscale (v.), prevede anche:
— una proposta di direttiva sulla tassazione del risparmio che riguardi solo gli interessi percepiti da cittadini comunitari non residenti;
— una proposta di direttiva che contenga misure volte all’abolizione della ritenuta alla fonte su interessi e royalty tra imprese consociate.