Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
47/6 Le Politiche dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XII, pag. 272 € 19,00</span> 47/4 Compendio di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XX, pag. 368 € 22,00</span> 45/1 Compendio di Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXI, pag. 288 € 20,00</span> 516/1 Codice breve dell'Unione Europea (Editio minor)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 2208 € 26,00</span> 46/8 Compendio di Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VII, pag. 320 € 19,00</span> 516 Codice del Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 992 € 34,00</span> 339 Concorso 200 Laureati Carriera Prefettizia - Manuale per la prova preselettiva e scritta<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 928 € 40,00</span>
Tabelle di corrispondenza
TAC
TACIS
Taiex
Target
TARIC
Tariffa Doganale Comune
Tariffa Esterna Comune
Tariffa Integrata Comunitaria
Task force
Tassa di effetto equivalente
Tassazione nel paese di destinazione
Tassazione nel paese di origine
Tasso di cambio
Tasso di conversione
Tasso massimo di aumento
TDC
TDI
TEC
Technical Assistance Information Exchange
TED
Telecomunicazioni
Televisione senza frontiere
TEMPUS
Tenders Electronic Daily
Territorio comunitario
Territorio doganale comunitario
Terrorismo
Terza età
Terza fase
Terzo pilastro
Tindemans
Titoli di studio
Tossicodipendenza
Totali Ammissibili di Cattura
Trans european automated real time gross settlement express transfer system
Trans European Mobility Programme for University Students
Transfer pricing
Transito comunitario
Trasparenza delle istituzioni
Trasporti
Trattati comunitari
Trattati di adesione
Trattati di Roma
Trattato di Amsterdam
Trattato di Bruxelles
Trattato di Lussemburgo
Trattato di Maastricht
Trattato di Parigi
Trattato quadro
Trattato sulla fusione degli esecutivi
Trattato sull’Unione europea
Trevi
Triangolazione
Tribunale di prima istanza
Tribunale di primo grado
Troika
TUE
Turchia
Turismo
Tutela dei consumatori
Tutela della sanità pubblica
Tutela giurisdizionale




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
LX47 Lexicon di Diritto dell'Unione Europea

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario dell\'Unione Europea
Libera circolazione dei capitali artt. 56-60 Trattato CE

Secondo quanto disposto dall’art. 56, paragrafo 1, del Trattato CE “sono vietate tutte le restrizioni ai movimenti di capitali tra Stati membri nonché tra Stati membri e Paesi terzi”. Il paragrafo 2 dello stesso articolo prevede inoltre, che sono vietate tutte le restrizioni sui pagamenti tra Stati membri, nonché tra Stati membri e Paesi terzi”. Già dal dettato dell’articolo possiamo tracciare una differenza tra i due commi, relativamente all’oggetto della libertà esaminata: infatti, mentre i pagamenti sono “trasferimenti di valuta che costituiscono una controprestazione nell’ambito di un negozio sottostante”, i movimenti di capitale sono “operazioni finanziarie che riguardano essenzialmente la collocazione o l’investimento di cui trattasi e non il corrispettivo di una prestazione” (vedi sentenza CGCE, Luisi, del 30 gennaio 1984, cause riunite 286/82 e 26/83).
La precisazione ha una sua importanza per definire il campo di applicazione della libertà in esame, in quanto per la libera circolazione dei capitali non fu attuata una liberalizzazione assoluta ed incondizionata come per le altre libertà, ma solo “nella misura necessaria al buon funzionamento del mercato comune”. Si tratta senza dubbio di una formulazione più prudente e meno liberale, in virtù di un settore che andava ad investire la politica economica e monetaria degli Stati membri: tutto ciò, fino all’inizio degli anni ’80, era guardato con molta cautela, poiché si riteneva che una liberalizzazione assoluta dei movimenti di capitali, avrebbe potuto provocare uno squilibrio nella bilancia dei pagamenti di uno o più Stati, pregiudicando il buon funzionamento del mercato comune (vedi sentenza CGCE, Casati, in causa 203/80 dell’11 novembre 1981).
La liberalizzazione dei movimenti di capitali è stata attuata attraverso l’emanazione di tre direttive (rispettivamente nel 1960, nel 1962 e nel 1986) che, tuttavia, non avevano rimosso tutti i vincoli ancora esistenti.
Soltanto con la direttiva 88/361 del 24 giugno 1988 è stata introdotta in ambito comunitario la completa liberalizzazione dei movimenti di capitali, con la soppressione di tutti i controlli e le restrizioni in materia di cambi.
Il Trattato CE prevede comunque una clausola di salvaguardia (v.), inserita nell’art. 60, laddove recita che “uno Stato membro può, per gravi ragioni politiche e per motivi d’urgenza, adottare misure unilaterali nei confronti di un paese terzo per quanto concerne i movimenti di capitali ed i pagamenti”.
L’adozione di tali misure è però subordinata ad alcune condizioni:
— il Consiglio non deve aver adottato alcuna misura;
— lo Stato deve informare la Commissione e gli altri partner comunitari;
— non deve essere intervenuta una delibera del Consiglio che imponga la revoca di tali atti.
Per far fronte a circostanze eccezionali è, altresì, previsto che le misure di salvaguardia possano essere adottate dal Consiglio, su proposta della Commissione, sentita la BCE (v.) e per un periodo non superiore a sei mesi.