Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
38/2 Compendio di Economia degli Intermediari Finanziari<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VII, pag. 208 € 21,00</span> 342/1 Concorso Comune di Roma - 250 Istruttori e 100 Funzionari Amministrativi - Manuale per la prova scritta e orale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 , pag. 512 € 32,00</span> 20 Compendio di Legislazione Scolastica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XVIII, pag. 480 € 27,00</span>
D.I.A. [Dichiarazione di inizio attività]
D.I.A. [Direzione investigativa antimafia]
D.N.A.
D.O.C.
D.O.P.
Danneggiamento
Danneggiato dal reato
Danno
Danno temuto
Dante causa
Datio in solutum
Dato personale
Datore di lavoro
Dazi doganali
Dazione in pagamento
De cuius
Debito
Debitore
Decadenza
Decartolizzazione
Decentramento amministrativo
Decisione
Decreto
Deduzioni
Deferimento del giuramento
Delazione
Delegazione
Delegificazione
Delibere assembleari
Delinquente abituale
Delinquente per tendenza
Delinquente professionale
Delitto
Demanio
Demansionamento
Democrazia
Denominazione
Denuncia
Depenalizzazione
Deposito
Deputati
Deregulation
Derelizione
Destinazione del padre di famiglia
Desuetudine
Detenuto
Detenzione
Detrazione d’imposta
Devastazione, saccheggio o strage
Devolution
Devoluzione
Diaria
Dibattimento
Dicastero
Dichiarazione
Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo
Dies a quo
Dies ad quem
Difensore
Difesa
Difetto di giurisdizione
Diffamazione
Diffida ad adempiere
Dilazione del pagamento
Diligenza
Dimissioni
Dimora
Dipartimenti
Dipendente
Dipendenti pubblici
Dipendenza
Diplomazia
Direttiva
Direttore generale (o city manager)
Direttori generali
Direzione
Direzioni regionali e provinciali del lavoro
Dirigenti
Diritti
Diritto
Discendente
Disconoscimento della paternità
Disconoscimento di scrittura privata
Discovery
Discrezionalità
Discussione
Disdetta
Disegno di legge
Disegno ornamentale
Diseredazione
Disoccupazione
Dispacci
Dispensa dalla collazione
Dispensa dall’imputazione
Disponibile
Dispositivo
Disposizioni
Dissenso politico
Dissociato
Distanze
Distretto giudiziario
Distribuzione
Distruzione e deturpamento di bellezze naturali
Ditta
Diuturnitas
Dividendo
Divieto di espatrio
Divieto di nozze
Divieto di soggiorno
Divieto e obbligo di dimora
Divisione
Divorzio
Documento
Dogana
Dolo
Domanda accessoria
Domanda giudiziale
Domanda riconvenzionale
Domande suggestive
Domicilio
Donazione
Donna
Dont
Doppia imposizione
Doppio binario
Doppio grado di giurisdizione
Dotazione organica
Dottrina
Dovere
Dow Jones
Drenaggio fiscale
Duty free shop


Tutte le voci sono tratte dal Nuovo Dizionario Giuridico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Giuridico
Illegittimità
() costituzionale (d. cost.)
Indica la difformità fra la norma costituzionale e la norma ordinaria, contenuto del possibile giudizio di esito del sindacato di costituzionalità. La (—) può derivare dalla violazione di norme che: prevedono determinati procedimenti per la formazione degli atti legislativi (la cui violazione determina vizi formali); impongono o vietano determinati contenuti (la cui violazione determina, invece, vizi sostanziali).
Si determina (—) formale nel caso di violazione di norme sui procedimenti legislativi. Così, ad esempio, una legge erroneamente approvata dalle Commissioni, anziché dall'Assemblea, può essere dichiarata incostituzionale per vizio di forma.
La Corte ha precisato (sent. n. 9/1959) che non tutte le violazioni di norme sul procedimento comportano un vizio apprezzabile in sede di controllo di costituzionalità, ma solo la violazione di norme sul procedimento di formazione della legge contenute nella Costituzione.
La Corte ha, invece, riconosciuto il rispetto dell'insindacabilità del regolamento di ciascuna Camera, e ciò al fine di evitare che si trasferissero innanzi ad essa le numerose, e spesso strumentali, controversie regolamentari, di per sé non legate alla difesa di situazioni sostanziali apprezzabili.
L'(—) sostanziale si determina per incompatibilità dei contenuti o, meglio, per il contrasto obiettivo fra il principio materiale incorporato nella legge ordinaria e un principio contenuto in una legge costituzionale (Virga).
I problemi più difficili nascono a proposito delle clausole generali contenute nella Costituzione, aventi lo scopo di orientare il legislatore ordinario. Si pensi ai fini sociali, alla funzione sociale, all'utilità generale, che sono disposizioni costituzionali in sostanza prive di autonomo contenuto. È chiaro che se la Corte pretendesse di specificare di volta in volta i fini sociali, l'utilità generale etc., compirebbe degli apprezzamenti politici di competenza di altri poteri. Tuttavia, ciò non esclude un controllo di costituzionalità ai margini oltre i quali le scelte legislative risulterebbero insostenibili.
I caratteri di questo controllo sono stati così definiti dalla Corte: Per potere affermare che la legge non corrisponde a fini di utilità generale bisognerebbe che risultasse che l'organo legislativo non abbia compiuto un apprezzamento di tali fini e dei mezzi per raggiungerli o che questo apprezzamento sia stato inficiato da criteri illogici, arbitrari o contraddittori, ovvero che l'apprezzamento stesso si manifesti in palese contrasto con i presupposti di fatto (sent. n. 14/1964). Si tratta insomma di un controllo che non mette in discussione lo scopo in sé, la cui determinazione è riservata al legislatore, ma la conformità dei mezzi rispetto ad esso.
() dell'atto amministrativo (d. amm.)
L'atto amministrativo [Atto (amministrativo)] che presenta un vizio di uno dei suoi elementi essenziali e risulta, pertanto, difforme dalla norma giuridica che lo disciplina, risulta affetto da (—) e, come tale, suscettibile di annullamento.
L'(—) è, dunque, una forma di invalidità dell'atto amministrativo che si concretizza in tre vizi caratteristici:
— incompetenza;
 eccesso di potere;
— violazione di legge.