Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
504/7 Codice del Fallimento e della Crisi di Impresa (Editio minor)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2014 IV, pag. 640 € 18,00</span> 227maior Elementi Maior di Diritto Commerciale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 XVIII, pag. 320 € 14,00</span> 6 Manuale di Diritto Commerciale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXIX, pag. 704 € 36,00</span> 61 Prima e Seconda Prova Scritta per Commercialista ed Esperto Contabile<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 , pag. 800 € 59,00</span> 337 Concorsi nelle Camere di Commercio - Manuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 IV, pag. 768 € 36,00</span> 6/4 Schemi & Schede di Diritto Commerciale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XIII, pag. 320 € 18,00</span> 6/3 Compendio di Diritto Commerciale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XXIII, pag. 528 € 24,00</span> IP6 Ipercompendio Diritto Commerciale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 IX, pag. 336 € 16,00</span>
Ebbrezza
Eccessiva onerosità
Eccesso di potere
Eccezione
Economicità
Editio actionis
Edizione
Effetti del negozio
Effetti penali della condanna
Effetto cambiario
Efficacia
Eguaglianza
Electio amici
Elettorato
Elettrodotto
Elezione di domicilio
Elezioni
Elisione dell’imposta
Elusione fiscale
Emancipazione
Embargo
Emblema
Emendamento
Emendatio libelli
Emigrazione
Emptio non tollit locatum
Emptio rei speratae
Emptio spei
Emulazione
Energia
Enfiteusi
Engineering
Ente di fatto
Ente morale
Ente non profit
Ente pubblico
Entrata in vigore della legge
Equa riparazione
Equità
Equo canone
Erede
Eredità
Erga omnes
Ergastolo
Errore
Errore giudiziario
Errores in iudicando e in procedendo
Esame contabile
Esame delle parti
Esame di Stato
Escussione
Esdebitazione
Esecutivo
Esecutore testamentario
Esecutorietà
Esecuzione
Esecuzione forzata
Esecuzione penale
Esenzione fiscale
Esercizio sociale
Esimenti
Esperimenti giudiziali
Esposto
Espromissione
Espropriazione forzata
Espropriazione per pubblica utilità
Espulsione dello straniero
Esternazione
Estimatoria
Estimatorio
Estorsione
Estradizione
Estromissione dal processo
Eutanasia
Evasione fiscale
Evidenza pubblica
Evizione
Ex nunc, ex tunc
Exceptio doli
Exequatur
Exit poll
Extracomunitari
Extrapetizione
Extraterritorialità


Tutte le voci sono tratte dal Nuovo Dizionario Giuridico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Giuridico
Impresa (d. comm.)
L'(—) può definirsi come l'attività economica organizzata, esercitata professionalmente dall'imprenditore, diretta alla produzione o allo scambio di beni e servizi.
Tale nozione si desume implicitamente dall'art. 2082 c.c. che delinea la figura dell'imprenditore: manca, infatti, nel codice civile una definizione autonoma di (—).
Carattere, quindi, dell'attività imprenditoriale è la economicità (l'attività imprenditoriale è volta alla produzione e allo scambio di beni e servizi al fine di creare nuova ricchezza); l'organizzazione (nel senso che tale attività deve essere espletata in una struttura composita costituita da persone e beni); la professionalità (quale esercizio continuo e non occasionale della attività economica); lo scopo di lucro (variamente inteso come scopo egoistico o attività astrattamente lucrativa).
L'art. 2188 c.c. ha previsto l'istituzione del registro delle imprese (anche se la legge di disciplina è stata emanata soltanto nel 1993: L. 580/93) per sottoporre le (—) ad un regime di pubblicità.
() agraria
[Imprenditore].
() familiare
È caratterizzata dal fatto che vi collaborano in via continuativa il coniuge, i parenti entro il terzo grado e gli affini entro il secondo grado dell'imprenditore (art. 230bis c.c.).
È una figura residuale, nel senso che si ha (—) familiare solo quando non è configurabile un altro tipo di rapporto.
Nell'ambito di tale (—), il legislatore ha realizzato la par condicio dei familiari relativamente alla partecipazione agli utili in proporzione alla qualità e quantità del lavoro prestato, equiparando, altresì, espressamente il lavoro della donna a quello dell'uomo.
In particolare, il familiare che presta in modo continuativo la sua attività di lavoro nella famiglia o nell'(—) familiare:
— ha diritto al mantenimento, secondo la condizione patrimoniale della famiglia;
— partecipa agli utili dell'impresa familiare, ai beni acquistati con essi, nonché agli incrementi dell'azienda, anche in ordine all'avviamento.
La gestione ordinaria della (—) spetta al titolare: egli provvede in piena autonomia e non è previsto alcun obbligo di consultazione o comunicazione ai familiari che con esso collaborano.
Spettano, invece, alla maggioranza dei componenti dell'(—) le decisioni concernenti:
— l'impiego degli utili e degli incrementi;
— la gestione straordinaria;
— gli indirizzi produttivi;
— la cessazione dell'impresa.
() di investimento
È l'impresa abilitata alla prestazione professionale dei servizi di investimento nei confronti del pubblico e cioè attività di intermediazione finanziaria in favore di soggetti che vogliano investire propri capitali sui mercati regolamentati italiani, comunitari ed extracomunitari riconosciuti dalla Consob. La categoria delle (—) d'investimento comprende sia operatori nazionali, e cioè le SIM, sia intermediari stranieri appartenenti o meno alla Comunità Europea.
() sociale
Organizzazioni private introdotte dalla L. 118/2005 e disciplinate organicamente dal D.Lgs. 155/2006, comprendenti anche gli enti di cui al Libro V del codice civile, che esercitano in via stabile e principale un'attività economica organizzata al fine della produzione o dello scambio di beni o servizi di utilità sociale, dirette a realizzare finalità di interesse generale.
Si tratta sostanzialmente di organizzazioni o enti di volontariato operanti nel sociale ovvero nel cosiddetto terzo settore, a cui il legislatore conferisce, con tale intervento normativo, natura imprenditoriale in presenza di determinati presupposti.
L'utilità sociale deve sostanziarsi nello scambio e/o produzione di beni e servizi nei seguenti settori:
— assistenza sociale, sanitaria e socio-sanitaria;
— educazione, istruzione e formazione;
— tutela dell'ambiente e dell'ecosistema, con esclusione delle attività, di raccolta e riciclaggio dei rifiuti urbani, speciali e pericolosi;
— valorizzazione del patrimonio culturale;
— turismo sociale;
— formazione universitaria e post-universitaria;
— ricerca ed erogazione di servizi culturali;
— formazione extra-scolastica, finalizzata alla prevenzione della dispersione scolastica ed al successo scolastico e formativo;
— servizi strumentali alle (—), resi da enti composti in misura superiore al settanta per cento da organizzazioni che esercitano un'(—).
Costituiscono (—) anche quelle che indipendentemente dal settore in cui operano siano volte all'inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati e/o disabili.