Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
46/8 Compendio di Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VII, pag. 320 € 19,00</span> 516 Codice del Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 992 € 34,00</span> 339 Concorso 200 Laureati Carriera Prefettizia - Manuale per la prova preselettiva e scritta<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 928 € 40,00</span> 207/1 Elementi di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 X, pag. 208 € 12,00</span> 54A/13 I Quaderni del praticante Avvocato - Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 X, pag. 192 € 16,00</span> 47/6 Le Politiche dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XI, pag. 272 € 18,00</span> 47 Manuale di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XXVI, pag. 512 € 30,00</span>
Cabinet
Cabotaggio
CAE
Calcoli intermedi
Caleidoscopio
Cambio
Cambio amministrato
Cambio fisso
Cambio flessibile
Cambio fluttuante
Camera degli Stati
Capitale europea della cultura
Capitolo sociale
CARA
Carbon tax
Carenza delle istituzioni
Carnot
Carrefour
Carta comunitaria dei diritti sociali fondamentali dei lavoratori
Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea
Carta dei servizi pubblici
Carta di Parigi
Carta europea
Carta europea dell’energia
Carta sociale europea
Cassis de Dijon
CCC
CCR
CDE
CE
CECA
Cecchini
CED
CEDEFOP
CEDU
CEE
CEEA
CEEP
CEFTA
CEIES
CELEX
Cellula di pianificazione dell’UEO
Cellula di programmazione politica e tempestivo allarme
CEN
CENELEC
Central European Free Trade Agreement
Centri di informazione dell’Unione europea
Centri di informazione e animazione rurale
Centri di iniziativa locale urbana per lo sviluppo sostenibile
Centro Comune di Ricerca
Centro di Documentazione Europea
Centro di traduzione degli organismi dell’Unione europea
Centro europeo della cultura
Centro Europeo delle Imprese Pubbliche
Centro Europeo di Ricerca Nucleare
Centro Europeo per le Relazioni Industriali
Centro Europeo per lo Sviluppo della Formazione Professionale
Centro satellitare dell’UEO
CEP
CEPT
Cerchi concentrici
CERI
CERN
Certificato d’importazione
CES [Comitato Economico e Sociale]
CES [Confederazione Sindacale Europea]
CGAI
CIG
Cipro
Città del Vaticano
Città europea della cultura
Cittadinanza europea
Classificazione delle spese
Clausola della nazione più favorita
Clausola di salvaguardia
Clausola di sospensione
Club del coccodrillo
Codecisione
Codice di condotta
Codice di condotta fiscale
Codice doganale comunitario
Codificazione dei testi legislativi
Coesione economica e sociale
COFACE
COMECON
Comenius
COMETT
Comitati consultivi
Comitati Provinciali per l’Euro
Comitati specializzati
Comitato articolo 113
Comitato Aziendale Europeo
Comitato consultivo
Comitato consultivo in materia di trasporti
Comitato consultivo per il coordinamento della prevenzione delle frodi
Comitato consultivo per la parità di opportunità fra donne e uomini
Comitato dei consumatori
Comitato dei governatori
Comitato dei rappresentanti permanenti degli Stati membri
Comitato dei tre saggi
Comitato delle Organizzazioni Professionali Agricole
Comitato delle Regioni
Comitato di conciliazione
Comitato di dialogo settoriale
Comitato di gestione
Comitato di gestione del Fondo sociale europeo
Comitato di regolamentazione
Comitato Dooge
Comitato d’Azione per gli Stati Uniti d’Europa
Comitato economico e finanziario
Comitato Economico e Sociale
Comitato esecutivo della BCE
Comitato euro
Comitato euromediterraneo
Comitato europeo per la standardizzazione
Comitato europeo per la standardizzazione elettronica
Comitato Europeo per l’Informazione Economica e Sociale
Comitato militare
Comitato monetario
Comitato paritetico
Comitato per il marchio comunitario
Comitato per le assicurazioni
Comitato per l’occupazione e il mercato del lavoro
Comitato politico
Comitato Politico e di Sicurezza
Comitato Spaak
Comitato speciale per la politica commerciale
Comitologia
Commercio elettronico
Commissione delle Comunità europee
Commissione Economica per l’Europa
Commissione per le petizioni
Commissione temporanea d’inchiesta
Commissioni parlamentari
Communitatis Europae Lex
Community Association and Reconstruction Assistance
Community Research and Development Information Service
Compensazione
Competenze esterne della Comunità europea
Complementarietà dell’azione comunitaria
Compromesso di Ioannina
Compromesso di Lussemburgo
Comunicazione di addebiti
Comunicazioni della Commissione
Comunità andina
Comunità Economica Europea
Comunità Europea
Comunità Europea del Carbone e dell’Acciaio
Comunità Europea dell’Energia Atomica
Comunità Europea di Difesa
Comunità Politica Europea
Comunitarizzazione
Concentrazione di imprese
Conciliazione
Concorrenza
Confederalisti
Confederazione
Confederazione delle Organizzazioni Familiari della Comunità Europea
Confederazione Sindacale Europea
Conferenza degli Organi Specializzati negli Affari Comunitari
Conferenza di Barcellona
Conferenza di Messina
Conferenza di Stoccolma sul disarmo
Conferenza di Stresa
Conferenza europea
Conferenza Europea delle Amministrazioni Postali e delle Telecomunicazioni
Conferenza Intergovernativa
Conferenza sulla Sicurezza e la Cooperazione in Europa
Confermare il ruolo internazionale della ricerca comunitaria
Congresso d’Europa
Consigli di Fabbrica Europei
Consiglio affari generali
Consiglio consultivo dei consumatori
Consiglio consultivo delle regioni e delle autonomie locali
Consiglio dei Ministri dell’Economia e delle Finanze
Consiglio dell’Unione europea
Consiglio di associazione
Consiglio di cooperazione
Consiglio direttivo della BCE
Consiglio d’Europa
Consiglio Euro-11
Consiglio europeo
Consiglio generale della BCE
Consiglio informale
Consiglio nordico
Consolidamento dei trattati
Consolidazione dei testi legislativi
Consultazione
Consumatori
Contesto istituzionale unico
Contingentamenti
Continuità dei contratti
Contributori netti
Controllo dei prezzi
Controllo delle concentrazioni e fusioni di imprese
Controllo dell’applicazione del diritto comunitario
Controparti
Convenzione di Arusha
Convenzione di Dublino sull’asilo
Convenzione di Schengen
Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali
Convenzione relativa alla lotta contro la corruzione
Convenzione relativa alla procedura semplificata di estradizione
Convenzione relativa alla tutela degli interessi finanziari delle Comunità
Convenzione relativa all’estradizione
Convenzione sul brevetto comunitario
Convenzione sul brevetto europeo
Convenzione sulla mutua assistenza e cooperazione in materia doganale
Convenzione sull’attraversamento delle frontiere esterne
Convenzione sull’uso dell’informatica nel settore doganale
Convenzioni comunitarie
Convenzioni di Lomé
Convenzioni di Yaoundé
Conversione del debito pubblico
Conversione documentale
Conversione monetaria
Cooperazione
Cooperazione
Cooperazione allo sviluppo
Cooperazione di polizia
Cooperazione di polizia e giudiziaria in materia penale
Cooperazione doganale
Cooperazione giudiziaria in materia civile
Cooperazione giudiziaria in materia penale
Cooperazione intergovernativa
Cooperazione nei settori della giustizia e degli affari interni
Cooperazione Politica Europea
Cooperazione rafforzata
Cooperazione sistematica
COPA
CORDIS
COREPER
Coreu
Corso pivot
Corte dei conti delle Comunità europee
Corte di Giustizia delle Comunità europee
COSAC
COST
Costa c. Enel
Costi della non-Europa
CPE [Comunità Politica Europea]
CPE [Cooperazione Politica Europea]
CPS
Credito all’esportazione
Crescita competitiva e sostenibile
Crisi della sedia vuota
Criteri di convergenza
Criteri di Maastricht
Criterio di compensazione
Criterio di destinazione
Criterio di origine
CSCE
Cultura
Cultura 2000




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
LX47 Lexicon di Diritto dell'Unione Europea

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario dell\'Unione Europea
Lotta contro la criminalità organizzata artt. 29-31 Trattato sull’Unione europea; Azione comune 14 ottobre 1996, n. 96/602/GAI; Azione comune 26 maggio 1997, n. 97/339/GAI; Azione comune 5 dicembre 1997, n. 97/827/GAI; Azione comune 21 dicembre 1998, n. 98/733/GAI

La soppressione dei controlli alle frontiere ha reso necessario che la Comunità si adoperasse per evitare che la realizzazione del mercato unico potesse favorire la diffusione incontrastata dei reati commessi da associazioni o gruppi criminali sul territorio europeo.
Al fine di garantire uno spazio di maggiore sicurezza ai cittadini dell’Unione, il Trattato di Maastricht (v.) ha provveduto ad annoverare la lotta alla criminalità organizzata fra le materie di interesse comune previste nell’ambito della CGAI (v.).
Fra gli strumenti messi a disposizione del Consiglio per il raggiungimento di questo obiettivo, il Trattato ha previsto la possibilità di intraprendere azioni comuni (v.) e posizioni comuni (v.), nonchè di elaborare Convenzioni successivamente sottoposte alla ratifica degli Stati membri.
Su questa base giuridica è stata pertanto avviata la cooperazione fra gli Stati membri in materia di repressione della criminalità organizzata.
Fra i primi interventi attuati dalla Comunità in questo contesto, l’adozione dell’azione comune n. 96/602/GAI, la quale ha provveduto a stabilire un quadro di orientamento comune per gli ufficiali di collegamento distaccati dagli Stati membri.
L’azione prevede che gli ufficiali di collegamento stabiliscano contatti diretti con i servizi di polizia e le altre autorità competenti dello Stato di accoglimento; è inoltre stabilito che gli ufficiali di collegamento inviati negli Stati terzi si scambino informazioni su questioni di interesse comune e possano procedere all’adozione di iniziative comuni, qualora gli Stati coinvolti lo ritengano necessario.
Il 20 dicembre 1996 si è provveduto all’adozione della risoluzione del Consiglio relativa ai collaboratori di giustizia, con la quale gli Stati membri sono stati invitati a prendere le misure necessarie affinchè coloro i quali hanno preso parte ad un’organizzazione criminale siano spronati a cooperare con la giustizia. Ciò fornendo informazioni alle autorità competenti in merito all’assetto, alle attività e ai collegamenti delle organizzazioni criminali.
La risoluzione incoraggia, inoltre, gli Stati membri a procedere alla concessione di benefici per coloro che si rendano effettivamente utili all’individuazione o alla cattura degli autori di atti criminosi, dissociandosi dall’organizzazione criminale di appartenenza, nonchè a contemplare misure di protezione adeguate per i collaboratori e per le loro famiglie.
In materia di lotta al teppismo, il Consiglio ha adottato l’azione comune n. 97/339/GAI, che mira ad instaurare una più efficace collaborazione fra le forze di polizia in occasione di avvenimenti di grande richiamo internazionale (concerti, partite di calcio etc.) al fine di garantire il mantenimento dell’ordine pubblico e favorire la prevenzione dei reati.
Gli Stati membri provvedono a scambiarsi informazioni relative alla partecipazione di gruppi che potrebbero compromettere l’ordine pubblico e la pubblica sicurezza durante tali manifestazioni; essi possono inoltre inviare ufficiali di collegamento temporaneamente in comando agli altri Stati membri che ne faranno richiesta.
La cooperazione fra gli organi centrali incaricati dell’ordine pubblico in ciascuno Stato viene inoltre assicurata dall’organizzazione di incontri annuali, durante i quali i capi dei suddetti organi si confrontano su problemi di interesse comune legati alla pubblica sicurezza.
La necessità di accertare l’attuazione degli impegni assunti in materia di lotta alla criminalità organizzata da parte di ciascuno Stato membro, ha indotto i paesi della Comunità ad elaborare un apposito meccanismo di valutazione degli stessi.
L’azione comune n. 97/827/GAI ha difatti stabilito che il gruppo di lavoro multidisciplinare sulla lotta contro la criminalità organizzata (GDM) definisca ogni anno il settore specifico da valutare, nonchè l’ordine degli Stati membri da esaminare. Il questionario da inviare agli Stati prescelti viene redatto dalla presidenza del GDM, assistita dal Segretariato generale del Consiglio. Il gruppo di valutazione (composto da un massimo di tre esperti designati da ciascuno Stato membro), una volta ricevuta la risposta al questionario, si recherà nello Stato esaminato per incontrare le autorità politiche, amministrative, di polizia, doganali e giudiziarie di ciascuno Stato membro; il progetto di valutazione elaborato dal gruppo incaricato e completato da osservazioni dello Stato in questione sarà poi inviato ai membri del GDM.
L’intenzione di procedere alla lotta contro questo tipo di reati attraverso strumenti legislativi comunitari ha ricevuto notevole impulso con la predisposizione del Piano d’azione per la lotta contro la criminalità organizzata, adottato il 28 aprile 1997, e con l’azione comune relativa alla punibilità della partecipazione ad un’organizzazione criminale.
Il piano d’azione prevede trenta raccomandazioni che dovranno essere realizzate dagli Stati membri, dalla Commissione europea e da Europol (v.). Esse riguardano sia azioni preventive che repressive della criminalità, contemplando provvedimenti volti a stabilire strategie di cooperazione pratica fra forze di polizia, autorità giudiziarie e doganali degli Stati membri.
Una tappa importante nel coordinamento della lotta alla criminalità è rappresentata dall’azione comune n. 98/733/GAI, con la quale, per la prima volta a livello comunitario, viene fornita una definizione uniforme di organizzazione criminale, vale a dire una “associazione strutturata di più di due persone, che agisce in modo concertato allo scopo di commettere reati punibili con pene di almeno quattro anni di reclusione, reati che costituiscono un fine in sé ovvero un mezzo per ottenere profitti materiali e, se del caso, per influenzare indebitamente l’operato delle pubbliche autorità”.
L’azione comune invita, quindi, gli Stati membri ad introdurre nelle rispettive legislazioni nazionali la condotta di una persona che partecipa attivamente ad un’organizzazione criminale (a prescindere dal luogo in cui ha sede l’organizzazione e dalla commissione o meno materiale dei reati) e l’accordo fra due o più persone che agiscono in modo concertato per porre in essere un’attività criminale; in pratica tutti gli Stati dell’Unione vengono invitati a introdurre il reato di associazione di stampo mafioso, già previsto dal nostro codice penale all’articolo 416bis.
Il nuovo Titolo VI, contenente disposizioni sulla cooperazione di polizia e giudiziaria in materia penale (v.) introdotto dal Trattato di Amsterdam (v.), prevede l’obbligo di procedere a una più stretta cooperazione fra autorità doganali e forze di polizia degli Stati membri, sia direttamente che tramite Europol, allo scopo di contribuire in maniera più efficace a contrastare la criminalità in ogni sua forma.
Ciònonostante il nuovo Trattato non ha introdotto novità significative in tema di repressione della criminalità organizzata, poichè la materia continua ad essere regolata da meccanismi intergovernativi. Da questo punto di vista, però, un decisivo impulso potrà venire dalla piena operatività di Europol, il cui trattato istitutivo è entrato in vigore il 1° ottobre 1998.
Fra i programmi comunitari in materia di lotta contro il crimine organizzato è da ricordare il programma Falcone (v.), che prende il nome dal magistrato italiano ucciso dalla mafia, volto a favorire gli scambi e la formazione degli operatori del settore (giudici, procuratori, forze di polizia etc.).