Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
54/4 Costruire un Atto Giudiziario Civile - Penale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 X, pag. 368 € 30,00</span>
G.A.T.T.
G.E.I.E.
G.I.P.
G.U.P.
Gabinetto
Garante del contribuente
Garantismo
Garanzia
Gas tossici
Gazzetta Ufficiale
General Agreement on Tariffs and Trade
Generalità
Genitorialità
Genocidio
Genus numquam perit
Gerarchia
Gestione
Gettito tributario
Giornalismo
Giornata lavorativa
Giorni festivi
Gioventù
Girata
Giudicato
Giudice
Giudizi speciali
Giudizio
Giungla retributiva
Giunta
Giunte parlamentari
Giuramento
Giurisdizionale
Giurisdizione
Giurisprudenza
Giusta retribuzione
Giustizia amministrativa
Giustizia sociale
Giusto processo
Globalizzazione
Godimento
Governo
Grado
Graduazione dei creditori
Gratuito patrocinio
Gravame
Gravidanza e puerperio
Grazia
Gruppo
Guardasigilli
Guardia
Guarentigie
Guerra
Guida


Tutte le voci sono tratte dal Nuovo Dizionario Giuridico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Giuridico
Imputazione
() dei pagamenti (d. civ.)
Si ha (—) quando un soggetto, avendo una pluralità di debiti nei confronti dello stesso creditore, dichiara quale di essi intende adempiere con un pagamento.
Sul punto, l'ordinamento detta talune norme:
— il debitore non può imputare il pagamento al capitale, piuttosto che agli interessi e alle spese, senza il consenso del creditore. Il pagamento fatto in conto di capitale e d'interessi deve essere imputato prima agli interessi (art. 1194, c. 1-2 c.c.);
— il debitore che accetta una quietanza nella quale il creditore ha dichiarato di imputare il pagamento ad un debito determinato non può pretendere una (—) diversa, se non vi è stato dolo o sorpresa da parte del creditore (art. 1195 c.c.).
In mancanza di una espressa (—) da parte del debitore, la legge dispone (art. 1193, c. 2 c.c.) che il pagamento deve essere imputato innanzitutto al debito scaduto; tra più debiti scaduti a quello meno garantito; tra più debiti ugualmente garantiti al più oneroso per il debitore; tra più debiti ugualmente onerosi al più antico.
Se tali criteri non soccorrono, l'(—) è fatta proporzionalmente ai vari debiti.
() nel processo penale (d. proc. pen.)
Consiste nell'attribuzione (generalmente fatta di propria iniziativa dal p.m.) di un fatto costituente reato a uno o più soggetti determinati. L'(—) può essere formulata solo dal p.m. con uno degli atti tipici di esercizio dell'azione penale (art. 405 c.p.p.). Se le (—) sono più di una, esse sono formulate in distinti capi di uno degli atti suddetti.
Nell'(—) sono individuati sia il fatto concreto posto in essere dall'agente, sia le fattispecie astratte in cui esso presumibilmente va inquadrato.
L'(—) nel corso del dibattimento può essere oggetto di modifiche e di ampliamento del contenuto.
L'art. 409 c. 5 c.p.p. prevede un caso di cd. (—) coartata (cd. imputazione coatta), in cui l'iniziativa nella formulazione dell'(—) è sottratta al p.m.: a seguito della richiesta di archiviazione fatta dal p.m., il giudice per le indagini preliminari, se ritiene di non accoglierla e reputa altresì superflue ulteriori indagini, dispone con ordinanza che il p.m. formuli l'(—). Tra l'(—) e la sentenza deve sussistere una necessaria correlazione, a pena di nullità della sentenza stessa.
Per evitare che il giudice si trovi a dover giudicare un fatto che risulti diverso da come contestato, è data la possibilità al p.m. di modificare, nel corso del processo, l'imputazione.