Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
11/3 Manuale di Diritto Pubblico Comparato<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VIII, pag. 352 € 20,00</span> 54A/13 I Quaderni delpraticante Avvocato - Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 192 € 16,00</span> 47/6 Le Politiche dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XII, pag. 272 € 19,00</span> 47/4 Compendio di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XX, pag. 368 € 22,00</span> 45/1 Compendio di Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXI, pag. 288 € 20,00</span> 516/1 Codice breve dell'Unione Europea (Editio minor)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 2208 € 26,00</span> 46/8 Compendio di Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VII, pag. 320 € 19,00</span> 516 Codice del Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 992 € 34,00</span>
Raccomandazione
Raccomandazione CECA
Raffaello
RAPID
Rapporti di conversione
Rapporto Albert - Ball
Rapporto Cecchini
Rapporto Davignon
Rapporto Delors
Rapporto MacDougall
Rapporto Padoa-Schioppa
Rapporto Spaak
Rapporto Spierenburg
Rapporto Sutherland
Rapporto Tindemans
Rapporto Vedel
Rappresentante speciale dell’Unione europea
Rappresentanze nazionali
Ratifica
Ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari e amministrative
Raxen
Razzismo
Real Time Gross Settlement
Recesso
Referendum
Regie
Regime dei dodicesimi provvisori
Regime linguistico
Regimi doganali
Regionalismo
Regioni ultraperiferiche
Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord
Regola d’origine
Regolamenti comunitari
Regolamenti interni
Regolamento sull’introduzione dell’euro
Regole di arrotondamento
Repubblica Ceca
Réseau Européen des Groupements d’Intérêt Economique
Responsabilità extracontrattuale della Comunità
Restituzioni alle esportazioni
Restrizioni quantitative
Rete giudiziaria europea
Reti transeuropee
Revisione dei trattati
Revisione della sentenza
Ricerca e sviluppo tecnologico
Riconoscimento reciproco [Principio del]
Ricorsi giurisdizionali comunitari
Ricorso in carenza
Ricorso in via pregiudiziale
Ricorso per annullamento
Ricorso per inadempimento
Ridenominazione
Riforma MacSharry
Rifusione dei testi legislativi
Rinegoziazione
Rinvio pregiudiziale
Risoluzione
Risorse proprie
Romania
RTGS




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
LX47 Lexicon di Diritto dell'Unione Europea

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario dell\'Unione Europea
Marchio comunitario Regolamento CE 20 dicembre 1993, n. 40/94

Segno distintivo dei prodotti comunitari, istituito nell’ambito dell’azione volta al conseguimento di un livello elevato di tutela dei consumatori (v.).
Oggetto specifico del diritto è la garanzia per il titolare di un diritto esclusivo di servirsi del marchio per la prima immissione di un prodotto sul mercato, in modo tale da essere tutelato nei confronti di eventuali concorrenti che, con uso abusivo del marchio, sfruttassero la posizione dell’impresa e la reputazione del marchio stesso.
La Corte di Giustizia si è più volte pronunciata sulla funzione del marchio, individuandola nella “garanzia per il consumatore o l’utilizzatore finale, dell’identità di origine del prodotto contrassegnato, che gli consente di distinguere, senza possibilità di confusione, questo prodotto da quelli aventi diversa origine: al fine di potenziare la garanzia verso il consumatore, occorre che tutti i prodotti siano fabbricati sotto il controllo di un’unica impresa cui possa attribuirsi la responsabilità della loro qualità” (vedi sentenza CGCE, Hag II, del 17 ottobre 1990, in causa C-10/89).
I principi che delineano il marchio comunitario sono:
— il principio di unitarietà, in base al quale il marchio comunitario attribuisce al titolare un’esclusiva la cui efficacia è unica per l’intero territorio comunitario (v.);
— il principio di autonomia, con il quale si indica che il marchio comunitario viene disciplinato esclusivamente dal regolamento, mentre le norme nazionali in materia di marchi si applicano solo in quanto richiamate espressamente dallo stesso regolamento;
— il principio dell’esaurimento del diritto, in base al quale il titolare di un diritto di proprietà intellettuale non può opporsi all’importazione ed alla commercializzazione di prodotti che sono stati messi in commercio nello Stato di esportazione da lui stesso o da persona a lui legata da vincoli di dipendenza giuridica od economica. Questo significa che se non vi è il consenso del titolare originario, ovvero se il prodotto è messo in commercio da persona non legata a questi da alcuna dipendenza, ciascun titolare può opporsi all’importazione del prodotto di marchio uguale o confondibile.
La registrazione del marchio comunitario, che si effettua presso l’Ufficio per l’armonizzazione del mercato interno (v. UAMI), conferisce al titolare un diritto di esclusiva sostanzialmente equivalente (ma con estensione a tutto il territorio della Comunità) a quello offerto dalla registrazione di un marchio italiano. La posizione del titolare, infatti, si esprime in termini negativi come diritto a vietare ai terzi determinati comportamenti.
La registrazione del marchio comunitario dura dieci anni, decorrenti dalla data di deposito della domanda, ed è rinnovabile per periodi di dieci anni.
La violazione del diritto di esclusiva legittima il titolare a proporre l’azione di contraffazione davanti ai Tribunali dei marchi comunitari (giudici nazionali di primo e secondo grado designati dagli Stati membri nei rispettivi territori) la cui competenza per territorio è individuata in base a diversi criteri (domicilio o stabile organizzazione del convenuto, domicilio o stabile organizzazione dell’attore etc.).
Oltre ai casi di nullità, che corrispondono agli impedimenti alla registrazione, il regolamento contempla le cause di decadenza del marchio comunitario.
Fra queste il “non uso effettivo della Comunità” del marchio per un periodo ininterrotto di cinque anni, la volgarizzazione del marchio per “l’attività o l’inattività del suo titolare” e la perdita di legittimazione del titolare del marchio.
Sia l’azione di nullità che quella di decadenza possono proporsi davanti all’Ufficio per l’armonizzazione del mercato interno o, come domanda riconvenzionale in un’azione di contraffazione, davanti ai Tribunali dei marchi comunitari.
È stato inoltre istituito un Comitato per il marchio comunitario (v.) composto dai rappresentanti degli Stati membri e competente per le questioni relative alle tasse, alle norme di esecuzione ed alla procedura delle commissioni di ricorso.