Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
11/3 Manuale di Diritto Pubblico Comparato<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VIII, pag. 352 € 20,00</span> 54A/13 I Quaderni delpraticante Avvocato - Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 192 € 16,00</span> 47/6 Le Politiche dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XII, pag. 272 € 19,00</span> 47/4 Compendio di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XX, pag. 368 € 22,00</span> 45/1 Compendio di Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXI, pag. 288 € 20,00</span> 516/1 Codice breve dell'Unione Europea (Editio minor)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 2208 € 26,00</span> 46/8 Compendio di Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VII, pag. 320 € 19,00</span> 516 Codice del Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 992 € 34,00</span>
SAE
SAMA
San Josè
San Marino
Sanità pubblica
Santer Jacques
Sanzioni comunitarie
SAPARD
SAVE
SCADplus
Scambi intercomunitari
Schengen
Schuman [Piano]
Schuman Robert
Schuman [Dichiarazione]
Scienze e tecnologie marine
SCR
SEBC
SEC
Seconda fase
Secondo pilastro
Sector by sector approach
Sedi delle istituzioni
Sedia vuota
SEE
Segretariato generale
Segretariato generale del Consiglio
Segretariato generale della Commissione
Segretario generale del Consiglio
SEM 2000
Semplificazione e codificazione dei trattati
Semplificazione legislativa
Sentenza
Serpente monetario
Serpente monetario fuori del tunnel
Serpente monetario nel tunnel
Servizi finanziari
Servizio comune di gestione dell’aiuto comunitario ai paesi terzi
Servizio di impiego europeo
Servizio di interesse economico generale
Servizio pubblico
Servizio universale
Servizio volontario europeo per i giovani
Sesame
Set-aside
SFI
SFOP
Sherlock
Sicurezza sociale
SID
Simboli europei
Simmenthal
Simpler Legislation for the Internal Market
Sinistra Unitaria Europea
SIRENE
SIS
Sistema agrimonetario
Sistema delle Preferenze Generalizzate
Sistema d’Informazione Doganale
Sistema d’Informazione Schengen
Sistema Europeo dei Conti Economici Integrati
Sistema Europeo delle Banche Centrali
Sistema Monetario Europeo
SLIM
Slovacchia
Slovenia
SME
SME-2
SNO
SO
Società
Società Anonima Europea
Società dell’informazione
Società dell’informazione di facile uso
Società Finanziaria Internazionale
Socrates
Sorveglianza multilaterale
Sostegno dei mercati
Sound and Efficient Management
Sovranazionalità
Sovranità
Sovvenzione
Sovvenzione globale
SpA europea
Spaak
Spaak Paul Henry
Spagna
Spazio Economico Europeo
Spazio giudiziario europeo
Spazio sociale europeo
Special Accession Programme for Agricolture and Rural Development
Specific Action for Vigorous Energy Efficiency
Spese Non Obbligatorie
Spese Obbligatorie
SPG
Spierenburg
Spillover
Spinelli
Spinelli Altiero
Sport
Sportello MET per l’avviamento
Stabex
Stabilimento
Stabilizzatore di bilancio
Stand by credit
Stand still
Standardizzazione
Standing facilities
Stati Africani e Malgascio Associati
Stati baltici
Stati membri
Stati terzi
Stati Uniti
Stati Uniti d’Europa
Stato maggiore
Status di osservatore presso l’UEO
Stoccarda
Stoccolma [Accordi di]
Stoccolma [Conferenza sul disarmo]
STOP
Strategia di preadesione
Strategia di preadesione rafforzata
Strategie comuni
Stresa
Strumenti finanziari
Strumenti giuridici comunitari
Strumento Finanziario di Orientamento alla Pesca
SUE
Suffragio universale
Summit
Supplementary Information Requested at National Entries
Sussidiarietà
Sutherland
Svalutazione
Svezia
Sviluppo rurale
Sviluppo sostenibile
Svizzera
Synergy
SYSDEM
Sysmin
Système Europèen de Documentation sur l’Emploi




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
LX47 Lexicon di Diritto dell'Unione Europea

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario dell\'Unione Europea
Marchio comunitario Regolamento CE 20 dicembre 1993, n. 40/94

Segno distintivo dei prodotti comunitari, istituito nell’ambito dell’azione volta al conseguimento di un livello elevato di tutela dei consumatori (v.).
Oggetto specifico del diritto è la garanzia per il titolare di un diritto esclusivo di servirsi del marchio per la prima immissione di un prodotto sul mercato, in modo tale da essere tutelato nei confronti di eventuali concorrenti che, con uso abusivo del marchio, sfruttassero la posizione dell’impresa e la reputazione del marchio stesso.
La Corte di Giustizia si è più volte pronunciata sulla funzione del marchio, individuandola nella “garanzia per il consumatore o l’utilizzatore finale, dell’identità di origine del prodotto contrassegnato, che gli consente di distinguere, senza possibilità di confusione, questo prodotto da quelli aventi diversa origine: al fine di potenziare la garanzia verso il consumatore, occorre che tutti i prodotti siano fabbricati sotto il controllo di un’unica impresa cui possa attribuirsi la responsabilità della loro qualità” (vedi sentenza CGCE, Hag II, del 17 ottobre 1990, in causa C-10/89).
I principi che delineano il marchio comunitario sono:
— il principio di unitarietà, in base al quale il marchio comunitario attribuisce al titolare un’esclusiva la cui efficacia è unica per l’intero territorio comunitario (v.);
— il principio di autonomia, con il quale si indica che il marchio comunitario viene disciplinato esclusivamente dal regolamento, mentre le norme nazionali in materia di marchi si applicano solo in quanto richiamate espressamente dallo stesso regolamento;
— il principio dell’esaurimento del diritto, in base al quale il titolare di un diritto di proprietà intellettuale non può opporsi all’importazione ed alla commercializzazione di prodotti che sono stati messi in commercio nello Stato di esportazione da lui stesso o da persona a lui legata da vincoli di dipendenza giuridica od economica. Questo significa che se non vi è il consenso del titolare originario, ovvero se il prodotto è messo in commercio da persona non legata a questi da alcuna dipendenza, ciascun titolare può opporsi all’importazione del prodotto di marchio uguale o confondibile.
La registrazione del marchio comunitario, che si effettua presso l’Ufficio per l’armonizzazione del mercato interno (v. UAMI), conferisce al titolare un diritto di esclusiva sostanzialmente equivalente (ma con estensione a tutto il territorio della Comunità) a quello offerto dalla registrazione di un marchio italiano. La posizione del titolare, infatti, si esprime in termini negativi come diritto a vietare ai terzi determinati comportamenti.
La registrazione del marchio comunitario dura dieci anni, decorrenti dalla data di deposito della domanda, ed è rinnovabile per periodi di dieci anni.
La violazione del diritto di esclusiva legittima il titolare a proporre l’azione di contraffazione davanti ai Tribunali dei marchi comunitari (giudici nazionali di primo e secondo grado designati dagli Stati membri nei rispettivi territori) la cui competenza per territorio è individuata in base a diversi criteri (domicilio o stabile organizzazione del convenuto, domicilio o stabile organizzazione dell’attore etc.).
Oltre ai casi di nullità, che corrispondono agli impedimenti alla registrazione, il regolamento contempla le cause di decadenza del marchio comunitario.
Fra queste il “non uso effettivo della Comunità” del marchio per un periodo ininterrotto di cinque anni, la volgarizzazione del marchio per “l’attività o l’inattività del suo titolare” e la perdita di legittimazione del titolare del marchio.
Sia l’azione di nullità che quella di decadenza possono proporsi davanti all’Ufficio per l’armonizzazione del mercato interno o, come domanda riconvenzionale in un’azione di contraffazione, davanti ai Tribunali dei marchi comunitari.
È stato inoltre istituito un Comitato per il marchio comunitario (v.) composto dai rappresentanti degli Stati membri e competente per le questioni relative alle tasse, alle norme di esecuzione ed alla procedura delle commissioni di ricorso.