Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
17/4 Compendio di Storia del Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 V, pag. 288 € 15,00</span> 21/2 Compendio di Isitituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VI, pag. 256 € 18,00</span> 21/3 Schemi & Schede di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 III, pag. 160 € 10,00</span> 583 Dizionario Giuridico Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 VI, pag. 560 € 15,00</span> 21 Il nuovo Manuale di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 VII, pag. 528 € 22,00</span> 17 Il nuovo Manuale di Storia del Diritto Romano (Diritto pubblico romano)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 V, pag. 272 € 20,00</span> IP9 Ipercompendio Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 240 € 10,00</span> W18 Storia del Diritto Medioevale e Moderno<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 160 € 10,00</span>
Cabinet
Cadi
Calvinismo
Camera apostolica
Camera dei Comuni
Camera dei fasci e delle corporazioni
Camera dei Lords
Camerario (o Camerlengo)
Campo di maggio (o di marzo
Campoformio
Cancellarius
Cancelleria
Cancelleria apostolica
Cancelleria di Stato
Cancelleria [Corte della]
Cancelliere
Cancelliere dello Scacchiere
Cancelliere federale
Canone
Capetingi
Capitanata
Capitaneus
Capitaneus feudale
Capitano del popolo
Capitolare
Capitolazione
Capitudini
Capitula et ordinationes curiae maritimae nobilis civitatis amalphae
Capitula legibus addenda
Capitula per se scribenda
Capitulare Italicum
Cardinale Deusdedit
Caristicario
Carlo Alberto
Carlo di Tocco
Carlo Emanuele III
Carlo Felice
Carlo I d’Angiò
Carlo II d’Angiò
Carlo II il Calvo
Carlo III di Borbone
Carlo Magno (o Carlo I Magno)
Carlo V d’Asburgo
Carolina
Carolingi
Carroccio
Carta de logu
Carta del lavoro
Cartesianesimo (o Cartesianismo)
Cartesio
Cartulario tou sakellíou
Cartularium
Case law
Casellario giudiziale
Casus
Casus foederis
Catapano (o catepano)
Catasto
Cateau-Cambrésis
Catepanato d’Italia
Cattaneus
Cattolicità
Causidico
Cautelae
Cavalleria
Cawarfidae
Cento anni
Certiorari
Cervidio Scevola
Cesarismo
Cesaropapismo
Chancery
Charta
Chartularium langobardicum
Chindasvindo
Cino Sighibuldi da Pistoia
Cipolla
Cisalpina
Cispadana
Citazioni
Citramontani
Cittadinanza
Civil Law
Clan
Clementinae
Clodoveo
Code d’instruction criminelle
Code Napoléon
Code pénal del 1810
Codex
Codex Gai veronensis
Codex iuris canonici
Codice
Codice albertino
Codice civile del 1865
Codice civile del 1942
Codice di commercio del 1882
Codice di diritto canonico
Codice di procedura civile del 1865
Codice di procedura penale del 1865
Codice di procedura penale del 1913
Codice di procedura penale del 1930
Codice Ermogeniano (o Epitome Iuris)
Codice Estense
Codice Euriciano
Codice Gregoriano
Codice penale del 1889
Codice penale del 1930
Codice Rocco
Codice Teodosiano
Codice Zanardelli
Codici penali sardi
Codificazione
Collaterale
Collectio canonum
Collectio canonum Anselmo dedicata
Collectio canonum del Cardinale Deusdedit
Collectio Gaudenziana
Collectio Hispana
Collectio notabilium
Collegantia
Collezione Dionisiana
Collezione greca delle Novelle
Collezione Isidoriana
Collezione Ispanica
Colonato
Coloni
Comes
Comes Palatii
Comitato
Commemoriali
Commenda
Commendatio
Commendato
Commentatori
Common Law
Communis opinio
Compagnia di Gesù
Compilationes antiquae
Compositio
Comunalia
Comune medievale
Comunità delle genti cristiane
Comunità di mestieri
Concerto europeo
Concettualismo
Concilio di Basilea
Concilio di Nicea
Concilio di Trento
Concilio ecumenico
Concilio fiorentino
Concordato di Worms
Concordato ecclesiastico
Concordia discordantium canonum
Conestabile (o Connestabile)
Confino di polizia
Confugio
Congregatio populi
Congresso di Vienna
Consiglio collaterale
Consiglio dei Dieci
Consiglio del Fascismo
Consiglio maggiore
Consiglio minore
Consiglio nazionale delle Corporazioni
Consilia
Console
Consolidazione
Constitutio
Constitutio criminalis Carolina
Constitutio de feudis
Constitutio puritatem di Federico II
Constitutio romana
Constitutiones Augustales
Constitutiones Marchiae Anconitanae
Constitutiones melphitanae
Constitutiònes prìncipum
Constitutiones Regni Siciliae
Constitutum Costantini
Constitutum Pisanum
Consuetudine
Consuetudines neapolitanae
Consul
Consultatio veteris cuiusdam iurisconsulti
Consultori
Contea
Contratto sociale
Contrattualismo
Controriforma
Coroner
Corporativismo
Corporazioni
Corpus iuris canonici
Corpus iuris civilis
Corrado II il Salico
Correctores statutorum
Corte
Corte dei Pari
Cortes
Corvée
Costantino
Costantino [donazione di]
Costanza
Costanzo
Costituente
Costituzionalismo
Costituzione civile del clero
Costituzione per la pace pubblica
Costituzioni egidiane
Costituzioni modenesi del 1771
Costituzioni piemontesi
Court
Court of Chancery
Court of Common Pleas
Court of Exchequer
Court of King’s Bench
Coutume
Criticismo
Croce Benedetto
Crociate
Cubicularii
Cuiacio Jacopo
Culti
Cum pro munere
Cuoco Vincenzo
Curia
Curia regis
Curia romana (o pontificia)
Curtis



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo
Montesquieu Charles-Louis de Secondat de (La Brède, Bordeaux
1689 - Parigi 1755)

Filosofo francese. Legò il suo nome all’opera Lo spirito delle leggi (1748), che apre sostanzialmente il discorso politico dell’Illuminismo [vedi] ed è all’origine di tutte le formulazioni dei problemi politici e giuridici del secolo dei lumi.
Tale opera, vietata in Francia fino al 1751 e messa all’indice dalla Chiesa nel 1752, ebbe nondimeno vastissima risonanza, venne tradotta in molte lingue ed esercitò una durevole influenza.
In essa (—) mise in evidenza il rapporto esistente tra le leggi e gli usi, le credenze religiose, i commerci, le dimensioni dei singoli Stati ed introdusse per la prima volta, fra i motivi condizionanti l’assetto giuridico, anche l’ambiente geografico e il clima. L’ambizione principale del filosofo francese era quella di riflettere e condurre un’analisi non su una presunta essenza universale astratta della società, bensì su fatti concreti che compongono (secondo leggi e strutture tutte da scoprire) l’universo storico e sociale dell’uomo.
Partendo da un’analisi delle istituzioni delle diverse società, (—) tentò di individuare le leggi che scaturiscono dalla natura dell’uomo e che presiedono alla vita civile di essa. La sua profonda convinzione era che l’insieme dei fenomeni sociali non appartenesse al regno dell’arbitrio o del caso, né fosse frutto di progettazioni consapevoli dell’uomo. Secondo (—) vi è una ragione originaria che regola l’universo e le leggi in senso ampio non sono altro che “i rapporti necessari che derivano dalla natura delle cose, e in questo senso tutti gli esseri hanno le loro leggi: la divinità ha le sue leggi, il mondo materiale ha le sue leggi, le intelligenze superiori all’uomo hanno le loro leggi, le bestie hanno le loro leggi, l’uomo ha le sue leggi. Chi disse che una cieca fatalità ha prodotto tutti gli effetti che vediamo nel mondo, disse una grande assurdità: infatti, che cosa ci può essere di più assurdo di una cieca fatalità che avrebbe prodotto esseri intelligenti. Vi è […] una ragione originaria; e le leggi sono le relazioni fra quella ragione e i diversi esseri, e le relazioni di quei diversi esseri tra loro” (Montesquieu).
Per comprendere la diversità delle leggi umane è sufficiente immaginarle scaturenti dalla natura dell’uomo, in quanto quest’ultimo agisce secondo i dettami della propria natura e nell’ambito di particolari scenari sociali. La pratica politica, ossia l’arte di governare deve, dunque, tenere conto delle particolarità di ciascuna società, dei suoi condizionamenti extragiuridici (fattori fisico-ambientali, economici, politici) e, complessivamente, della sua storia.
L’insieme dei rapporti che intercorrono tra le norme giuridiche ed i diversi piani extragiuridici sottostanti va a formare quello che (—) definisce lo Spirito delle leggi.
L’aver postulato l’esistenza di leggi del vivere umano conduce necessariamente (—) ad affermare la presenza di un determinismo specifico delle società politiche, che nega la presenza del libero arbitrio e spiega ogni fatto umano e l’evoluzione della storia come determinati da cause indipendenti dalla volontà di chicchessia. Proprio il determinismo spinge il filosofo francese all’individuazione e all’enumerazione di tutti quei fattori ed elementi che dominano la vita degli uomini.
L’analisi condotta da (—) era, in sostanza, rivolta a fornire una soluzione al fondamentale problema di conciliare la libertà dei singoli all’interno di una società caratterizzata da forti antagonismi di classe. La soluzione veniva individuata proprio nella concezione della legge come rapporto necessario e uguale per tutti.
Sempre ne Lo Spirito delle Leggi venne anche elaborato il principio della separazione dei poteri, uno dei concetti fondamentali delle democrazie contemporanee.
Dopo aver individuato l’esistenza storica di tre diverse forme di governo (il sistema dispotico, il sistema repubblicano e il sistema monarchico), che condizionano in maniera differente la formazione delle leggi, (—) propone, al fine di evitare i mali del dispotismo, in cui il capriccioso dominio del sovrano prende il luogo dell’autorità costante e certa della legge, la formula della divisione dei poteri in legislativo, esecutivo e giudiziario. Affinché un ordinamento possa garantire la libertà politica dei cittadini è necessario che i tre poteri stiano in una sorta di equilibrio, ossia in un rapporto tale per cui ciascuno di essi non possa prevaricare gli altri due e, per questo motivo, devono essere affidati a organi diversi e separati. Questa concezione della convivenza politica, più che democratica, può essere considerata liberale.
Infatti, (—) si limitava a negare al sovrano alcune prerogative, invocando delle garanzie costituzionali che ponessero dei precisi limiti al potere monarchico, mentre il pensiero democratico rivendicava la piena sovranità popolare, accentuando in modo particolare le tematiche della giustizia sociale e dell’uguaglianza. È da sottolineare , inoltre, che la concezione politica elaborata da (—) era intenzionalmente modellata sulla costituzione inglese, peraltro alquanto idealizzata dall’ispirazione razionalistica francese. Durante tutto il periodo illuministico, infatti, i Francesi mostrarono enorme ammirazione nei confronti dello sviluppo politico e scientifico inglese, assumendo l’Inghilterra a modello ideale di tutte le loro aspirazioni. In effetti, il re in Inghilterra aveva la responsabilità dell’esecutivo, divisa con il governo, mentre le rappresentanze dei cittadini (la Camera dei Comuni e la Camera dei Lords) erano titolari del potere legislativo ed una magistratura indipendente si occupava del giudiziario.
L’influenza esercitata da un’opera sistematica come Lo Spirito delle Leggi si fece sentire, nelle sue varie parti, su tutte quelle dottrine che a qualche titolo venivano raccolte sotto l’etichetta del cosiddetto Illuminismo giuridico [vedi Illuminismo] e, talvolta, anche su quelle dottrine giuridiche dette dell’antilluminismo e della conservazione.