Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
330/1 Il Vigile Urbano - Quiz per i concorsi nella Polizia Locale Municipale e Provinciale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXV, pag. 528 € 30,00</span> IP1 Ipercompendio Diritto del Lavoro<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 VIII, pag. 288 € 16,00</span>
I.C.I.
I.N.A.I.L.
I.N.P.D.A.I.
I.N.P.D.A.P.
I.N.P.S.
I.P.A.B.
I.R.A.P.
I.R.E.
I.R.E.S.
I.R.PE.F.
I.S.O.
I.V.A.
Identificazione
Identikit
Identità personale
Igiene e sicurezza del lavoro
Ignorantia legis non excusat
Illecito
Illegalità del negozio
Illegittimità
Illiceità del negozio
Imitazione servile
Immagine
Immemorabile
Immigrazione
Immissioni
Immobili
Immunità
Impiegato
Impiego
Impignorabilità
Imponibile
Impossibilità della prestazione
Imposta
Imprenditore
Impresa
Imprescrittibilità
Improcedibilità
Impronte digitali
Impugnazione
Imputabilità
Imputato
Imputazione
In claris non fit interpretatio
Inabilitazione
Inadempimento
Inadimplenti non est adimplendum
Inalienabilità
Inammissibilità
Inappellabilità
Inaudita altera parte
Incanto
Incapacità
Incauto acquisto
Incentivo fiscale
Incesto
Inchiesta parlamentare
Incidente probatorio
Incompetenza
Incorporazione
Incostituzionalità della legge
Indagato
Indagini
Indebito
Indegnità a succedere
Indennità
Indicato al bisogno
Indicazione di pagamento
Indici di borsa
Indignus potest capere, sed non potest retinere
Indirizzo
Indizio
Indulto
Inefficacia del negozio giuridico
Ineleggibilità
Inesistenza
Infermità di mente
Informazione
Infortunio sul lavoro
Ingiunzione
Ingiuria
Inibitoria
Iniziativa economica privata
Iniziativa legislativa
Inopponibilità
Inquinamento delle prove
Insegna
Insegnamento
Inserzione di clausole
Insider trading
Insindacabilità
Insolvenza
Institore
Institutio ex re certa
Insufficienza di prove
Insula in flumine nata
Integrazione
Inter vivos
Intercettazione di conversazioni o comunicazioni
Interclusione del fondo
Interdittive (misure)
Interdizione
Interesse
Interessi
Interim
Interinale
Intermediazione
Interna corporis
Interpellanza parlamentare
Interpol
Interposizione di persona
Interpretazione
Interprete
Interrogatorio
Interrogazione parlamentare
Interruzione del processo
Intervento
Interversione del possesso
Intesa di programma
Intifada
Intimazione
Intra vires (hereditatis)
Intuitu personae
Invalidi
Invalidità
Inventario
Invenzione
Invenzione industriale
Inversione dell’onere della prova
Invito
Ipoteca
Irregolarità
IS.V.A.P.
Iscrizione a ruolo
Iscrizione ipotecaria
Isola
Ispettorato del lavoro
Ispettore di polizia
Ispezione
Istanza
ISTAT
Istituto di patronato e assistenza sociale
Istituto nazionale della previdenza sociale
Istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell’amministrazione pubblica
Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo
Istituzione di erede
Istruzione
Iter legislativo
Iura novit curia
Ius superveniens
Iussu judicis
Iuxta alligata et probata (judex judicare debet)


Tutte le voci sono tratte dal Nuovo Dizionario Giuridico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Giuridico
Interdizione
() nel diritto civile (d. civ.)
È una ipotesi di incapacità prevista dalla legge. Si distingue in giudiziale e legale:
— giudiziale
Si ha quando colui che si trova affetto da abituale infermità di mente è dichiarato, con sentenza, incapace di provvedere ai propri interessi.
Ai sensi dell'art. 414 c.c. (come novellato dalla L. 9-1-2004, n. 6), l'interdizione deve essere disposta solo quando ciò si riveli necessario ai fini dell'adeguata protezione dell'incapace. Inoltre, qualora il giudice, nel corso del giudizio di interdizione, ritenga opportuno applicare il diverso istituto dell'amministrazione di sostegno, dispone a tal fine la trasmissione degli atti al giudice tutelare.
Sulla base della sentenza di interdizione, il giudice tutelare nomina con decreto il tutore definitivo [Tutela], mentre nelle more del relativo giudizio ha facoltà di nominare, ex art. 419, c. 3 c.c., un tutore provvisorio.
Tutti gli eventuali atti giuridici compiuti dall'interdetto posteriormente al provvedimento d'interdizione sono annullabili su istanza del tutore, dell'interdetto o dei suoi eredi o aventi causa.
In ogni caso il giudice, nella sentenza che pronuncia l'interdizione, può dispensare l'incapace dall'intervento o dall'assistenza del tutore per il compimento di taluni atti di ordinaria amministrazione (art. 427 c.c.).
— legale
Si tratta di una pena accessoria che comporta la perdita della capacità di agire e che consegue alla condanna all'ergastolo o alla reclusione per un tempo non inferiore a cinque anni.
A differenza della (—) giudiziale e della minore età, non ha per fondamento l'esigenza di intervenire a favore di un soggetto che non è in grado di provvedere personalmente ai propri interessi, ma si giustifica come misura sanzionatoria prevista dalla legge contro il soggetto che ha commesso un reato particolarmente grave.
Due sono gli elementi di distinzione tra la disciplina dell'(—) legale e quella delle altre due forme di incapacità:
 l'incapacità dell'interdetto legale concerne tutti gli atti di natura patrimoniale, ma non si estende agli atti aventi carattere personale o familiare (l'interdetto legale può quindi contrarre matrimonio o riconoscere il figlio naturale);
— l'annullabilità [Annullamento] degli atti di natura patrimoniale compiuti dall'interdetto legale non è posta nell'esclusivo interesse dell'interdetto: infatti, chiunque vi abbia interesse può far valere la sua incapacità (art. 1441, c. 2). Ai sensi dell'art. 32 c.p. la durata di tale incapacità è pari alla durata della pena principale.
() nel diritto penale (d. pen.)
L'(—) viene in rilievo in questo settore del diritto come pena accessoria e può assumere diversi caratteri.
— dai pubblici uffici
Può essere perpetua o temporanea. L'(—) perpetua produce la perdita dei diritti elettorali e di ogni altro diritto politico, degli uffici di tutore e curatore, dei gradi, delle dignità accademiche, titoli, decorazioni etc., degli stipendi, pensioni ed assegni a carico di enti pubblici, salvo che traggano origine da un rapporto di lavoro o si tratti di pensioni di guerra.
Essa consegue alla condanna dell'ergastolo; alla reclusione per un periodo superiore ai cinque anni; in seguito a dichiarazione di abitualità, professionalità e tendenza a delinquere.
L'(—) temporanea produce gli stessi effetti di quella perpetua, ma per una durata che non può essere inferiore a un anno né superiore ai cinque anni.
Essa consegue di diritto ad ogni condanna alla reclusione per un tempo non inferiore ai tre anni.
— da una professione o arte
Priva per un periodo che non può essere inferiore ad un mese né superiore a cinque anni, della capacità di esercitare professioni, arti, mestieri, industrie o commerci per cui è richiesta una licenza, un'autorizzazione, un permesso etc. dell'Autorità.
Essa consegue di diritto alle condanne per delitto commesso con abuso di una professione o arte o con abuso di pubblico ufficio (es.: artt. 439-442 c.p.).
legale (d.civ.; d. pen.)
Consegue di diritto alla condanna all'ergastolo o alla reclusione per un tempo non inferiore a cinque anni. All' (—) legale si applicano le norme della legge civile concernenti l'(—) giudiziale per ciò che concerne la disponibilità e l'amministrazione dei beni, nonché la rappresentanza negli atti ad esse relativi [anche Interdizione (nel diritto civile)].
L'(—) legale non impedisce, peraltro, ai detenuti ed internati l'esercizio personale dei diritti loro riconosciuti dalla legislazione penitenziaria.
() temporanea da uffici direttivi delle persone giuridiche e delle imprese (d. pen.)
Priva il condannato della capacità di esercitare, durante l'(—), l'ufficio di amministratore, sindaco, liquidatore e direttore generale, nonché ogni altro ufficio con potere di rappresentanza della persona giuridica o dell'imprenditore. A tale complesso di uffici preclusi a coloro che sono assoggettati alla pena accessoria, la L. 262/2005, ha aggiunto quello di dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari.
Essa consegue di diritto ad ogni condanna alla reclusione non inferiore a sei mesi per delitti commessi con abuso dei poteri o violazione dei doveri inerenti all'ufficio.