Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
C101 Codice Civile Esteso (CM1) + Codice Penale Esteso (CM3) KIT 2020 <br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 , pag. 2432 + 1888 € 153,00</span> CM1 Codice Civile Esteso<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 IX, pag. 2432 € 88,00</span> 504/4 Codice Civile e di Procedura Civile Minor<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXXIII, pag. 1664 € 25,00</span> 511/1 Quattro Codici Minor<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XVIII, pag. 1824 € 26,00</span> C100 Codice Civile (C1) + Codice Penale (C3) - Annotati con la Giurisprudenza<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 , pag. 3520 + 1984 € 126,00</span> C1 Codice Civile Commentato - Annotato con la Giurisprudenza + Appendice di aggiornamento novembre 2020<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXII, pag. 3456 € 72,00</span>
Maastricht
Macchiatico
Mafia
Magazzini generali
Maggioranza
Maggiore età
Maggioritario
Magistrato delle acque
Magistratura
Mala fede
Mala fides superveniens non nocet
Malitia supplet aetatem
Maltrattamenti
Mancia
Mandato
Manifestazione del pensiero
Manipolazione genetica
Manomorta
Mansioni
Mantenimento
Manutenzione
Marchio
Mare territoriale
Marketing
Massa ereditaria
Massima giurisprudenziale
Massimario
Massoneria
Mater semper certa est, pater numquam
Maternità
Matrimonio
Maxi-processo
Mediazione
Medico
Membri del Parlamento
Memorie
Mercato del lavoro
Merchandising
Mercuriale
Merito della causa
Messa in mobilità
Metodo democratico
Mezzadria
Mezzi di prova
Mezzi di ricerca delle prove
Millantato credito
Minaccia
Minicooperative
Minimi tabellari
Minimo salariale
Ministero
Ministro
Minoranze etniche e linguistiche
Minore età
Minori
Misuratori fiscali
Misure
Mobbing
Mobilità
Modelli
Modello
Modi di acquisto della proprietà
Modus (o onere)
Molestia
Molestie sessuali sul luogo di lavoro
Monarchia
Monitorio
Monopolio
Monte Titoli
Mora
More uxorio
Morte
Mortis causa
Motivo
Movimenti di liberazione nazionale
Mozione
Multa
Multa penitenziale
Multinazionale
Multiproprietà
Municipi
Mutatio libelli
Mutua assicuratrice
Mutuo


Tutte le voci sono tratte dal Nuovo Dizionario Giuridico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Giuridico
Interessi (d. civ.)
 
Sono i frutti civili del denaro. Essi costituiscono il costo del denaro, in quanto rappresentano il corrispettivo del godimento di questo.
() collettivi (d. civ.; d. amm.)
Gli (—) sono interessi che fanno capo a una pluralità di soggetti, i quali costituiscono una categoria o gruppo omogeneo, congiunto ed organizzato al fine di realizzare i fini corporativi della categoria o del gruppo stesso. L'omogeneità può nascere dall'esplicazione di una medesima attività economico-professionale (i sindacati o gli ordini professionali), dall'appartenenza ad una medesima confessione religiosa (chiesa cattolica, confessioni acattoliche), dalla comunanza di lingua (le minoranze etniche etc.).
Gli (—) così intesi si distinguerebbero dagli interessi diffusi che, pur avendo carattere superindividuale, non fanno capo ad una pluralità determinata di individui costituente organizzazione, associazione o gruppo omogeneo.
() diffusi (d. civ.; d. amm.)
La dottrina tradizionale usa indistintamente le espressioni (—) e interessi collettivi per designare gli interessi superindividuali. La dottrina più recente, invece, distingue nettamente le due figure in quanto:
i primi sono quelli comuni a tutti gli individui di una formazione sociale che non costituisce un gruppo o una categoria omogenei;
interessi collettivi sono invece quelli che fanno capo ad un ente esponenziale di un gruppo non occasionale e autonomamente individuabile.
() legittimi

[Interesse (legittimo)]

La classificazione degli interessi

Circa la fonte, si distinguono:

Interessi legali

La fonte dell’obbligazione di interessi è nella legge. L’art. 1282 c.c. stabilisce che ogni credito di somme liquide ed esigibili produce interessi di pieno diritto e ciò perché il debitore, trattenendo presso sé le somme dovute (liquide ed esigibili), lucra quell’utile (rappresentato dai frutti) che spetterebbe al creditore se potesse impiegare le stesse somme: si ristabilisce così l’equilibrio fra due patrimoni, attuandosi quel criterio di equità che vieta l’ingiusto arricchimento. La facoltà di modificare la misura degli interessi  legali è stata attribuita al Ministro del tesoro (ora Ministro dell’economia e delle finanze) dalla L. 662/1996 (cd. «collegato» alla finanziaria del 1997); in passato, infatti, era previsto che il tasso degli interessi legali fosse stabilito con legge.

Interessi convenzionali

Sono quelli previsti dalla volontà delle parti, le quali possono fissare un tasso diverso da quello legale, che, tuttavia, deve essere stabilito dalle parti per iscritto. La pattuizione di interessi usurari rende nulla la relativa clausola e fa sì che gli interessi non siano dovuti.

In base alla funzione, si hanno:

 

 

Interessi moratori

Conseguono ad un ritardo dell’adempimento (art. 1224 c.c.). Si tratta di una forma di risarcimento del danno provocato al creditore per il mancato godimento, durante il periodo di ritardo, delle somme spettantegli. Essi sono dovuti dal giorno della mora, anche se non erano dovuti precedentemente, e non escludono la risarcibilità del danno ulteriore, se il creditore riesca a provarlo.

Interessi corrispettivi
 

Sono dovuti per la sola esistenza di un credito in denaro liquido ed esigibile e costituiscono il prezzo dell’utilità conseguita da chi ha goduto il capitale (artt. 1282, 1815 c.c.).

Interessi compensativi
 

Sono quelli prodotti da un credito liquido, anche se non esigibile e costituiscono il compenso per il godimento di una cosa fruttifera (art. 1499 c.c.). In giurisprudenza, invece, è usata l’espressione interessi compensativi per indicare gli interessi sulle somme dovute a titolo di risarcimento per illecito extracontrattuale.