Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
PK35 Maturità Scienze Umane<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2015 , pag. 224 € 9,00</span> W23 Storia del Cinema<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2009 , pag. 128 € 8,00</span> W53 Sociologia dell'organizzazione<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2010 , pag. 128 € 8,00</span> W42 Psicologia Clinica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 128 € 9,00</span> W43 Psicologia Sociale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 128 € 9,00</span> W40 Psicologia generale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II Edizione, pag. 128 € 9,00</span> W41 Psicologia dello Sviluppo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II Edizione, pag. 128 € 9,00</span>
Abbandono
Abbandono
Aberrazione
Abilità
Abituazione
Abitudine
Abnegazione
Abrahm, Karl
Abreazione
Abulia
Accelerazione ideica
Accesso
Accomodamento
Accomodazione
Acculturazione
Acetilcolina
Acquisito
Acting-out
Adattamento
Adattamento
Addestramento
ADHD
Adler, Alfred
Adolescenza
Adrenalina
Adultismo
Adultità
Adulto
Adultomorfismo
Afanisi
Afasia
Affettività
Affettivo
Affetto
Affezione
Affidamento
Affiliazione
Afflizione
Afonia
Afrodisiaco
Agente
Aggiustamento
Aggressione
Aggressività
Agire
Agitazione
Agnosia
Agorafobia
Agrafia
Agrammatismo
Alcolismo
Alessia
Alexitimia
Alfabetizzazione
Alienazione parentale
Alloerotismo
Alloplastico
Allport, Gordon W.
Allucinazione
Allucinogeni
Allucinosi
Alternanza psicosomatica
Alzheimer
Ambieguale
Ambiguità
Ambivalenza
Ambiversione
Ambizione
Amicizia
Amigdala
Amimia
Ammiccamento
Amnesia
Anaclitica
Anaclitica
Anale
Anale
Analisi
Analisi del discorso
Analizzante
Analizzato
Anamnesi
Anancasmo
Androginia
Andropausa
Anedonia
Anencefalia
Anestesia
Anginofobia
Angoscia
Anima
Animazione
Animismo
Animus
Annullamento
Anomia
Anoressia
Anorgasmia
Anormalità
Ansia
Ansia
Ansia di separazione
Ansiolitici
Antagonista
Anticipazione
Antidepressivi
Antipsichiatria
Antipsicotici
Antisociale
Apatia
Appagamento
Apparato psichico
Appercezione
Appiattimento affettivo
Apprendimento
Apprendimento
Apprensione
Approccio
Approvazione
Aprassia
Archetipo
Artificialismo
Arto fantasma
Ascesi
Asimbolia
Aspettativa
Aspirazione
Assenza
Assertività
Assessment/Valutazione
Assimilazione
Assistente sociale
Associazione
Associazionismo
Assone
Astenia
Astinenza
Astinenza
Astrazione
Astuzia
Atarassia
Atassia
Atavismo
Atrofia cerebrale
Attaccamento
Attaccamento
Atteggiamento
Attendibilità
Attenzione
Attitudine
Attività/Passività
Atto educativo
Attrazione/Repulsione
Aura
Autismo
Autismo infantile
Autoaccusa
Autoaffermazione
Autoanalisi
Autocontrollo
Autocoscienza
Autocritica
Autoeducazione
Autoerotismo
Autolesionismo
Automatismo
Automatizzazione
Autonomia funzionale
Autonomia/Eteronomia
Autopunizione
Autorealizzazione
Autorecettori
Autoscopia
Autostima
Autosuggestione
Autosvalutazione
Autovalutazione
Auxologia
Avarizia
Avversivo
Azione



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario di Scienze Psicologiche
Angoscia
Il concetto di a. comporta alcune problematiche di valutazione, specie nei confronti del termine ansia al quale viene spesso assimilato. L'a. può definirsi uno stato di sofferenza psichica e fisica caratterizzato da un timore diffuso, da vissuti di insicurezza e di disgrazia imminente, accompagnati da sensazioni fisiche di costrizione toracica e altre manifestazioni neurovegetative, biochimiche, endocrinologiche e comportamentali che si traducono in un'accelerazione della frequenza cardiaca, in disturbi vasomotori, in disturbi respiratori, in modifiche del tono muscolare e altri ancora. Già i latini avevano operato una distinzione nella definizione dell'a.: tale termine può essere, infatti, tradotto anxietas, sollicitudo e angor. Da una parte, con i termini anxietas e sollicitudo vengono sottolineate le tendenze presenti nell'uomo verso la paura dell'ignoto, l'inquietudine, la preoccupazione, ma anche la tendenza alla cura meticolosa, al pensiero ossessivo. Dall'altra, il sostantivo angor indica la sensazione fisica di costrizione, di stringimento, di pena, in accordo con la derivazione greca del verbo anko (stringere). La concettualizzazione del termine a. non può prescindere, inoltre, dall'uso che fece Freud del termine Angst in diversi contesti. In quella che viene considerata la teoria psicoanalitica definitiva dell'a., l'autore distingue un'a. segnale (Signalangst), meccanismo di allarme che avverte l'Io di una minaccia che sovrasta il suo equilibrio, e un'a. primaria (primre Angst), che è l'emozione che accompagna la disintegrazione dell'Io. La funzione dell'a. segnale è quella di garantire che l'a. primaria non venga sperimentata, mettendo l'Io in grado di istituire misure difensive. In questo contesto, la parola tedesca Angst pare implicare inestricabilmente idee di a., paura e dolore. Freud distingue inoltre una nevrosi di a., che, a differenza della nevrosi da transfert, è una nevrosi attuale, ossia non determinata da conflitti dell'età infantile, ma da conflitti attuali riconducibili all'accumulo di tensione sessuale somatica che, per insufficienza di elaborazione psichica, non riesce a legarsi ad alcun contenuto rappresentativo e perciò si traduce nei sintomi somatici tipici dell'a. (dispnea, disturbi cardiaci, vertigini etc.). L'isteria di a., detta anche a. fobica, si differenzia dalla nevrosi d'a. in quanto non si traduce direttamente in sintomi somatici, ma viene sottoposta a un lavoro psichico che lega l'a. a luoghi o persone verso cui si prova fobia. L'a. di castrazione è, infine, il segnale vissuto come minaccia dal bambino per il proprio desiderio di possedere la madre e come segno di menomazione dalla bambina che, nella teoria freudiana, segna la fine e il superamento del complesso edipico. L'a. viene esplicitamente trattata in filosofia, in questo secolo, in rapporto con l'analisi della condizione dell'uomo nel mondo. Kierkegaard, nell'opera del 1844 Il concetto di Angoscia, la concepisce come il sentimento che prova l'uomo di fronte a un'esistenza che gli si presenta come possibilità indeterminata in cui si cela sempre l'alternativa della morte. L'a., secondo Heiddegger, è la situazione emotiva che permette all'uomo di rendersi conto dei due aspetti del suo essere-nel-mondo: l'esistenza inautentica, il modo di essere quotidiano, anonimo, fondato sui si dice; e l'esistenza autentica, basata invece sul riconoscimento della vera struttura dell'essere, che è il nulla o la sua forma ultima e radicale, la morte. L'a. non fornisce all'uomo un fine diverso da quelli che gli vengono proposti nella sua esistenza quotidiana: gli fa vedere soltanto l'insignificanza e la nullità di tali fini. In psichiatria, il termine viene utilizzato per indicare uno stato d'ansia con un'accentuata componente somatica: anche quando l'ansia assume livelli patologici viene considerata un sintomo, non una patologia a sé stante. Pertanto, può essere presente in diverse condizioni psicopatologiche; i quadri dove si riscontra maggiormente sono quelli della famiglia dei disturbi d'ansia o psicosomatici. Si parla invece di a. come segnale di vissuti di perdita (reale o fantasmatica di oggetti d'amore o dell'autostima) nell'ambito dei disturbi dell'umore e, in particolar modo, della depressione.