Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
17/4 Compendio di Storia del Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 V, pag. 288 € 15,00</span> 21/2 Compendio di Isitituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VI, pag. 256 € 18,00</span> 21/3 Schemi & Schede di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 III, pag. 160 € 10,00</span> 583 Dizionario Giuridico Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 VI, pag. 560 € 15,00</span> 21 Il nuovo Manuale di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 VII, pag. 528 € 22,00</span> 17 Il nuovo Manuale di Storia del Diritto Romano (Diritto pubblico romano)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 V, pag. 272 € 20,00</span> IP9 Ipercompendio Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 240 € 10,00</span> W18 Storia del Diritto Medioevale e Moderno<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 160 € 10,00</span>
Pacta sunt servanda
Pagano Francesco Mario
Palatium
Pandette
Pandettistica
Pannonia
Panormia
Panormitano
Paolo (Giulio)
Paolo di Castro
Papiniano (Emilio)
Parlamenti
Parlamento corto
Parlamento lungo
Parliament Act
Parma e Piacenza
Partecipanze
Patrimonium Sancti Petri
Pauli Senténtiae
Pensionatico
Pentapoli
Pepone (o Pepo)
Personalità della legge
Piacentino
Pierre de Belleperche
Pietro d’Ancarano (
Pipino
Pipino il Breve
Pisanelli Giuseppe
Placet
Placitum
Plea bargaining
Podestà
Portalis Jean-Étienne-Marie
Positio casuum
Positivismo giuridico (o giuspositivismo)
Postaccursiani
Postglossatori
Pothier Robert-Joseph
Pragmatica sanctio pro petitione Vigilii
Prammatica sanzione
Preamboli delle Costituzioni
Precària
Premier
Principati
Privy Council
Procedimento romano-canonico
Prochiron Legum
Promissio carisiaca
Prosecutor
Protestantesimo
Protocamerario
Pufendorf Samuel von



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo
Positivismo giuridico (o giuspositivismo)

Si intende per (—) quella corrente di pensiero che identifica il diritto con il diritto positivo [vedi], quello cioè posto dalla volontà della legge ed applicato effettivamente nello Stato.
La teoria del (—) nasce dal ruolo preponderante assunto dal legislatore con l’affermarsi dei codici (XIX secolo).
Il (—) presuppone uno studio scientifico del diritto, finalizzato a conoscere quello vigente e non a teorizzare un diritto ideale e utopistico. Tale concezione si fonda sulla netta separazione tra diritto e morale, tesi che contrappone il (—) al giusnaturalismo [vedi].
Posto che il diritto costituisce emanazione di una volontà umana, il primo (—) ha privilegiato la concezione della legge come espressione della volontà del gruppo di cui la norma costituisce il comando.
Attraverso una successiva elaborazione filosofica, la concezione imperativistica del diritto ha portato, attraverso il concetto di distinzione tra creazione e applicazione della norma, alla teoria della separazione dei poteri, arrivando a concepire una nozione di ordinamento completo, unitario e coerente con se stesso, nonché autosufficiente nella sua regolamentazione.
Kelsen [vedi Kelsen Hans], attraverso una concezione normativistica del (—), ha concepito il diritto come espressione di una volontà normativa che si traduce nel significato che l’ordinamento giuridico attribuisce a determinate situazioni.
Nella concezione giuspositivistica kelseniana tutto il diritto deve essere riducibile ad una sanzione: esso è, infatti, la regolamentazione della coazione volta al raggiungimento di qualunque fine perseguibile con tale mezzo. Per questo motivo il normativista deve occuparsi, secondo Kelsen, di descrivere il diritto nella sua specifica essenza, indipendentemente dalla sua effettività sociale.