Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
54A/13 I Quaderni del praticante Avvocato - Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 X, pag. 192 € 16,00</span> 47/6 Le Politiche dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XI, pag. 272 € 18,00</span> 47 Manuale di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XXVI, pag. 512 € 30,00</span> 45/1 Compendio di Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XX, pag. 288 € 20,00</span> 47/4 Compendio di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XIX, pag. 368 € 22,00</span> 46/8 Compendio di Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 VI, pag. 304 € 19,00</span> 328/13 89 Funzionari Amministrativi ASPAL - Manuale completo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 , pag. 1104 € 38,00</span>
Abatement
ABE
Abuso di posizione dominante
Accesso ai documenti delle istituzioni
Accise
Accordi amministrativi
Accordi commerciali
Accordi con Stati terzi
Accordi di associazione
Accordi di Basilea
Accordi di cooperazione
Accordi di distribuzione
Accordi di partenariato
Accordi euromediterranei
Accordi europei
Accordi europei di cambio
Accordi misti
Accordi multifibre
Accordi tra imprese
Accordo di Blair-House
Accordo di Fontainebleau
Accordo di Schengen
Accordo di Stoccolma
Accordo interbancario sulla transizione dell’euro
Accordo intereuropeo dei pagamenti
Accordo interistituzionale
Accordo Monetario Europeo
Accordo quadro
Accordo sulla politica sociale
ACP
Acquis communautaire
Acquis di Schengen
Action Committee for a United States of Europe
ACUSE
Adattamento al diritto comunitario
Addestramento e istruzione professionale
Addizionalità
Adenauer Konrad
Adesione
AETS
African, Carribbean, Pacific
Agenda 2000
Agenzia europea per gli alimenti sicuri
Agenzia europea per gli armamenti
Agenzia Europea per la Valutazione dei Medicinali
Agenzia europea per l’ambiente
Agenzia europea per l’igiene e la sicurezza del lavoro
Agenzia Spaziale Europea
Agenzie comunitarie
Agricoltura
Aid to trade
Airbus
Aiuti di Stato alle imprese
Al Invest
ALFA
Allargamento
Alta autorità CECA
Altener
Alto rappresentante per la PESC
ALURE
Ambiente
AME
America Latina
Amérique Latine Formation Académique
Amérique Latine Utilization optimale des Ressources Enérgetiques
Ammenda
Ampliamento
Amsterdam
Andorra
Anti dumping
Antitrust
Appalti pubblici
Approfondimento
Arbitraggio cross-border
Area dell’euro
Area di libero scambio
Area monetaria
Arianna
Armonizzazione comunitaria
Armonizzazione fiscale
Arrotondamento
Arusha
ASEM
Asia
Asia-Europe meeting
Asia-invest
Asia-Urbs
Asilo politico
Assegnazione minima
Assemblea
Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa
Assicurazioni
Assise
Associazione
Associazione Bancaria per l’Euro
Associazione delle Camere di Commercio europee
Associazione per l’Unione Monetaria Europea
Asta a tasso fisso
Asta a tasso multiplo
Asta a tasso unico
Asta a tasso variabile
Asta standard
Asta veloce
Astensione costruttiva
Attestazione negativa
Atti atipici
Atti giuridici comunitari
Atti non vincolanti
Atti vincolanti
Attività ammesse al mutuo riconoscimento
Attività di primo livello
Attività di secondo livello
Attività non trasferibili
Atto finale di Helsinki
Atto Unico Europeo
Audiovisivi
AUE
AUME
Austria
Autonomia del diritto comunitario
Autorità garante della concorrenza e del mercato
Autorità monetaria
Avvocati senza frontiere
Avvocato europeo
Avvocato generale
Azione comune
Azione di annullamento
Azione di responsabilità extracontrattuale
Azione in carenza
Azione Robert Schuman
Azioni innovative




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
LX47 Lexicon di Diritto dell'Unione Europea

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario dell\'Unione Europea
Assicurazioni art. 43 Trattato CE; Direttiva 23 luglio 1973, n. 73/239/CEE; Direttiva 23 luglio 1973, n. 73/240/CEE; Direttiva 5 marzo 1979, n. 79/267/CEE; Direttiva 22 giugno 1988, n. 88/357/CEE; Direttiva 8 novembre 1990, n. 90/619/CEE; Direttiva 18 giugno 1992, n. 92/49/CEE; Direttiva 10 novembre 1992, n. 92/96/CEE

È il “contratto col quale l’assicuratore, verso il pagamento di un premio, si obbliga a rivalere l’assicurato, entro i limiti convenuti, del danno ad esso prodotto da un sinistro, ovvero a pagare un capitale od una rendita al verificarsi di un evento attinente alla vita umana”.
Nel primo caso si parla di assicurazione contro i danni, nel secondo di assicurazione sulla vita.
In ambito comunitario, così come in altri settori finanziari, l’esigenza di creare un mercato unico (v.) europeo ha reso necessaria l’emanazione di diverse normative di armonizzazione.
L’approccio della Comunità europea in questo settore distingueva fondamentalmente tra direttive (v.) volte a regolare il ramo delle assicurazioni vita e quelle che disciplinano il ramo danni. Per ciascuno di questi rami le istituzioni comunitarie hanno emanato una coppia di direttive riguardanti, rispettivamente, il diritto di stabilimento (prime direttive), la libera prestazione di servizi (seconde direttive) e l’home country control (terze direttive).
Con l’indicazione prime direttive si fa riferimento alle direttive comunitarie n. 239 e 240 del 23 luglio 1973 per il ramo danni e n. 267 del 5 marzo 1979 per il ramo vita.
Questa normativa introduceva diverse disposizioni di armonizzazione del settore assicurativo in ambito europeo e regolava il diritto di stabilimento (v.) previsto dall’articolo 43 del Trattato CE.
In virtù di tale diritto le imprese di assicurazione aventi sede legale in uno Stato della Comunità europea potevano esercitare la loro attività in altri paesi membri in modo continuo ed in via permanente mediante la costituzione di una succursale; l’impresa così costituita restava però soggetta al controllo dell’autorità di vigilanza del paese in cui era ubicata.
Queste direttive sono state abrogate dalle terze direttive che hanno dettato una nuova disciplina del settore.
Con l’espressione seconde direttive si fa riferimento alle direttive n. 357 del 22 giugno 1988 relativamente al ramo danno e n. 619 dell’8 novembre 1990 per quanto riguarda il ramo vita.
Le due direttive disciplinavano il cd. regime di libera prestazione di servizi (v.), vale a dire la possibilità concessa ad imprese assicurative comunitarie di esercitare la propria attività in un altro Stato in modo occasionale, senza cioè insediarvi una propria succursale. Secondo le due direttive erano da considerare stipulate in regime di libera prestazione di servizi i contratti:
— in cui una delle parti contraenti era un’impresa avente la propria sede legale nel territorio della Comunità europea;
— conclusi con soggetti aventi il proprio domicilio abituale in uno Stato comunitario diverso da quello in cui era situata l’impresa con cui veniva stipulato il contratto.
L’ipotesi di un’attività in libera prestazione di servizi è da inquadrare soprattutto tenendo presente le grandi imprese che operano in più Stati comunitari: in questo caso è evidente il beneficio che se ne può trarre assicurando presso la stessa impresa assicurativa beni situati in Stati diversi. Molto rara è l’eventualità che si operi in regime di libera prestazione per il singolo cliente.
Anche le seconde direttive sono state abrogate dalle disposizioni emanate nel 1992 dalla Comunità europea e note come terze direttive.
Le terze direttive sono invece la n. 96 del 10 novembre 1992 in materia di assicurazione diretta sulla vita e la n. 49 del 18 giugno 1992 relativa al ramo danni (alla quale è stata data attuazione col D.Lgs. 17-3-1995, n. 175).
Con il recepimento di tali direttive (avvenuto con notevole ritardo alla data del 1° luglio 1994 fissate dalle istituzioni comunitarie) è stato ulteriormente semplificato l’accesso al mercato per le imprese di assicurazione introducendo il principio dell’home country control (v.).
L’attuazione nel nostro paese di queste ultime direttive comunitarie si è colta l’occasione per procedere anche ad una risistemazione della normativa in materia di assicurazioni private, abrogando disposizioni incompatibili e coordinando le nuove norme con quelle emanate negli ultimi anni.