Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
17/4 Compendio di Storia del Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 V, pag. 288 € 15,00</span> 21/2 Compendio di Isitituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VI, pag. 256 € 18,00</span> 21/3 Schemi & Schede di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 III, pag. 160 € 10,00</span> 583 Dizionario Giuridico Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 VI, pag. 560 € 15,00</span> 21 Il nuovo Manuale di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 VII, pag. 528 € 22,00</span> 17 Il nuovo Manuale di Storia del Diritto Romano (Diritto pubblico romano)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 V, pag. 272 € 20,00</span> IP9 Ipercompendio Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 240 € 10,00</span> W18 Storia del Diritto Medioevale e Moderno<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 160 € 10,00</span>
Pacta sunt servanda
Pagano Francesco Mario
Palatium
Pandette
Pandettistica
Pannonia
Panormia
Panormitano
Paolo (Giulio)
Paolo di Castro
Papiniano (Emilio)
Parlamenti
Parlamento corto
Parlamento lungo
Parliament Act
Parma e Piacenza
Partecipanze
Patrimonium Sancti Petri
Pauli Senténtiae
Pensionatico
Pentapoli
Pepone (o Pepo)
Personalità della legge
Piacentino
Pierre de Belleperche
Pietro d’Ancarano (
Pipino
Pipino il Breve
Pisanelli Giuseppe
Placet
Placitum
Plea bargaining
Podestà
Portalis Jean-Étienne-Marie
Positio casuum
Positivismo giuridico (o giuspositivismo)
Postaccursiani
Postglossatori
Pothier Robert-Joseph
Pragmatica sanctio pro petitione Vigilii
Prammatica sanzione
Preamboli delle Costituzioni
Precària
Premier
Principati
Privy Council
Procedimento romano-canonico
Prochiron Legum
Promissio carisiaca
Prosecutor
Protestantesimo
Protocamerario
Pufendorf Samuel von



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo
Procedimento romano-canonico

Disciplina processuale scaturente dall’incontro del diritto romano [vedi] e del diritto canonico [vedi], così come elaborati dalla scuola dei Glossatori [vedi]. Diffuso inizialmente presso i tribunali ecclesiastici, il (—) si estese poi anche a quelli civili.
I tratti salienti del (—) sono rinvenibili nella forma scritta, nel procedimento segreto, nella divisione del processo in fasi e in atti separati. Inoltre, in base al principio del giudizio secundum alligata et probata, l’attività del giudice era limitata dalle prove addotte. Con il (—) si affermò inoltre la distinzione tra processo civile e processo penale.
Nel XIII secolo il processo civile si svolgeva in tre fasi. La prima comprendeva la presentazione al giudice dell’atto (libello), con il quale il proponente esponeva l’oggetto della domanda (petitum). Esso veniva letto dal giudice alle parti, le quali potevano porre delle eccezioni.
La seconda fase si apriva con la litis contestatio, vale a dire un atto con il quale le parti confermavano la loro volontà di giungere al termine del giudizio. Si procedeva quindi all’interrogatorio del convenuto, in merito alle contestazioni della parte che aveva presentato la domanda. In tale fase era necessaria la presentazione delle prove.
La terza fase ineriva l’emanazione della sentenza, che era letta dinanzi alle parti. Essa veniva eseguita, se non fossero stati presentati ricorsi.
Tale procedura subì delle modificazioni nel secolo XIV. Il libello fu sostituito da un’esposizione orale, il giudice ebbe una maggiore discrezionalità, la presentazione delle prove fu semplificata.
Il processo penale aveva, durante il XIII secolo, un carattere inquisitorio. In tale forma trovò una particolare fortuna nell’ordinamento canonico. Esso presentava una procedura scritta e segreta, suddivisa in due fasi. Nella prima, avuta notizia del reato, venivano raccolti gli indizi. Nella seconda fase si ricercavano le prove, si ascoltavano i testimoni e soprattutto si interrogava l’accusato, allo scopo di ottenerne la confessione. A tal fine era possibile ricorrere anche alla tortura.
Il processo si concludeva con la sentenza (di condanna o di assoluzione), contro la quale non era generalmente prevista la possibilità di appello.