Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
17/4 Compendio di Storia del Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 V, pag. 288 € 15,00</span> 21/2 Compendio di Isitituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VI, pag. 256 € 18,00</span> 21/3 Schemi & Schede di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 III, pag. 160 € 10,00</span> 583 Dizionario Giuridico Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 VI, pag. 560 € 15,00</span> 21 Il nuovo Manuale di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 VII, pag. 528 € 22,00</span> 17 Il nuovo Manuale di Storia del Diritto Romano (Diritto pubblico romano)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 V, pag. 272 € 20,00</span> IP9 Ipercompendio Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 240 € 10,00</span> W18 Storia del Diritto Medioevale e Moderno<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 160 € 10,00</span>
Baglivo
Bailo
Baiulo
Baldo degli Ubaldi
Balìa
Balivo
Bandinelli Rolando
Bando
Barbazza Andrea
Bargello
Barrister
Bartolismo
Bartolo da Sassoferrato
Bartolomeo da Capua
Bassiano Giovanni
Bavari
Beccaria Cesare
Belagines
Belleperche (Pierre de)
Beneficio
Bentham Jeremy
Berinzone
Bill
Bill of Rights
Bindungs wirkung
Bizantino [diritto]
Bizantino [impero]
Bodin Jean
Bolla
Bolla d’oro
Bonaparte Giuseppe
Bonaparte Luigi
Bonaparte Napoleone
Bonghi Ruggiero
Bonifacio VIII
Borbone
Borghesia
Borgogna
Brachylogus iuris civilis
Bracton Henry
Breve
Breve pontificio (o apostolico)
Breviario Ipponense
Breviario liturgico
Breviarum Alarici
Britannica
Buccellario
Budé Guillaume
Bulgaro
Bundeskanzler
Bundesrat
Bundestag
Burcardo
Burgundi (o Borgognoni)



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo
Beccaria Cesare (Milano 1738 - 1794)

Studioso di scienze criminali ed economiche, nonché filosofo.
Si laureò a Pavia nel 1758. Tra il 1763 ed il 1764 scrisse il saggio Dei delitti e delle pene, pubblicato a Livorno e tradotto in Francia nel 1766.
Nel 1770 pubblicò le Ricerche intorno alla natura dello stile e scrisse gli Elementi di economia pubblica, editi postumi nel 1804 nella raccolta dei Custodi.
Nel saggio Dei delitti e delle pene, (—) pose le basi del moderno diritto penale e processuale, in quanto la maggior parte dei princìpi da lui enunciati contro l’arbitrio e l’efferatezza del sistema penale d’antico regime costituiscono ancora oggi il fondamento di un ordinamento penale garantista e razionale.
(—) ricavò dai princìpi contrattualistici [vedi contrattualismo] il diritto dello Stato di punire, che deve avere natura retributiva, ossia deve essere basato su una proporzione fra il delitto commesso e la pena comminata. Quest’ultima deve tendere non a vendicare l’offesa ma a riparare o prevenire il danno che il delitto arreca alla collettività.
Secondo (—) il diritto deve essere chiaro e certo, in modo che i cittadini sappiano in precedenza ciò che è vietato e ciò che è consentito dalla legge e conoscano in anticipo le pene, indicate tassativamente dal legislatore, comminate per ogni fattispecie delittuosa.
Nell’opera di (—), inoltre, è posto l’accento sulla necessità che le pene vengano applicate con rapidità, dal momento che una pena mite ma certa ha potere intimidatorio superiore rispetto a quello di una pena terribile ma incerta nella sua applicazione.
In nome della socialità e dell’uguaglianza proclamati da Rousseau [vedi Rousseau Jean-Jacques], (—) difendeva l’abolizione della tortura e della pena di morte, in quanto nessun uomo avrebbe mai consentito di delegare alla società il diritto di disporre della propria vita.
I princìpi illuministici formulati nel saggio Dei delitti e delle pene vennero ben presto fatti propri da numerosi Stati europei, tra cui la Russia di Caterina II, la Prussia, l’Impero austroungarico e il Granducato di Toscana di Pietro Leopoldo, che riformò la legislazione penale nel novembre 1786.
Infine, tali principi furono accolti in maniera organica nella Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino [vedi] del 1789.