Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
17/4 Compendio di Storia del Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 V, pag. 288 € 15,00</span> 21/2 Compendio di Isitituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VI, pag. 256 € 18,00</span> 21/3 Schemi & Schede di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 III, pag. 160 € 10,00</span> 583 Dizionario Giuridico Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 VI, pag. 560 € 15,00</span> 21 Il nuovo Manuale di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 VII, pag. 528 € 22,00</span> 17 Il nuovo Manuale di Storia del Diritto Romano (Diritto pubblico romano)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 V, pag. 272 € 20,00</span> IP9 Ipercompendio Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 240 € 10,00</span> W18 Storia del Diritto Medioevale e Moderno<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 160 € 10,00</span>
Rachimburgi
Rachis
Ragion di Stato
Raniero (Arsendi) da Forlì
Rappresaglia
Raschimburgs
Re fannulloni
Realismo giuridico
Recesvindo
Recezione
Rectores
Reformatores
Regalie
Regalismo
Reginone
Regni romano-barbarici
Regno d’Italia
Regno italico
Renovatio imperii
Reports
Repubblica
Repubblica cisalpina
Repubblica cispadana
Repubblica di Salò
Repubblica partenopea
Repubblica romana
Repubblica sociale italiana
Rerum novarum
Rescripta
Resistenza
Respublica Christiana
Restaurazione
Retrofeudo
Révigny (Jacques de)
Rezia
Ricognizione feudale
Riforma della Chiesa
Riforma gregoriana
Riforma protestante
Riforme murattiane
Rinascimento giuridico
Ripuari
Ritus magnae Curiae vicariae
Ritus magnae regiae Curiae et totius regni Siciliae Curiarum
Ritus regiae Camerae summariae
Rivoluzione francese
Rogadia
Rogerio
Rolandino de’ Passaggieri
Romano-germanico
Romolo Augustolo
Roncaglia
Rota romana
Rotari
Rousseau Jean-Jacques
Royal assent
Ruggiero II
Rule of law



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo
Recezione

Diffusione del diritto comune [vedi] nei Paesi europei in epoca medievale e moderna.
Il diritto comune romano-canonico, presentandosi come un complesso organico di norme, fu adottato da tutti quei Paesi che non avevano una legislazione unitaria e uniforme.
La (—) fu preparata dall’attività dei centri monastici, dove si redigevano per iscritto documenti giuridici, oltre che dall’attività giudiziaria delle corti, dove si applicavano le tecniche del procedimento romano-canonico [vedi]. Il diritto recepito era quello elaborato dai glossatori [vedi] della scuola di Bologna e di altre scuole, e diffuso dai docenti e dagli studenti in tutta Europa.
In Francia l’applicazione del diritto romano era subordinata all’approvazione regia. In un’ordinanza del 1312, Filippo il Bello dichiarò che nel suo regno aveva vigore essenzialmente il diritto consuetudinario, e non quello scritto (vale a dire romano). Nelle regioni meridionali, dove si seguiva il diritto romano, esso veniva riconosciuto dal re a titolo di consuetudine locale. La monarchia francese utilizzò gli schemi teorici dell’impero assoluto contenuti nel Corpus iuris civilis [vedi], per creare uno Stato nazionale moderno; il processo di emersione di un diritto francese fu attuato su modelli romanistici, attraverso un recupero delle parti più produttive del diritto romano.
In Spagna il fenomeno della (—) si presenta a partire già dal XII secolo, soprattutto nel diritto processuale. La presenza della diffusione romanistica in Spagna non fu però uniforme, per l’opposizione verificatasi in alcune zone. Essa si manifestò come “recezione in senso tecnico” (Catalogna, Maiorca), ispanizzazione dottrinale e pratica del diritto comune (Castiglia e Léon), semplice adozione di tecniche romanistiche (Aragona e Navarra).
Nei territori germanici il diritto romano arrivò in ritardo, rispetto agli altri Paesi dell’Europa occidentale. Nel 1495 il diritto comune divenne diritto ufficiale dell’impero, attraverso l’istituzione del supremo Tribunale camerale dell’impero. L’ordinanza d’istituzione di tale organo stabiliva che otto componenti (su sedici) dovessero essere esperti di diritto romano, e che esso doveva giudicare secondo il diritto comune imperiale, cioè secondo il diritto romano.
In Inghilterra, l’ordinamento giuridico nell’XI secolo era prevalentemente costituito da consuetudini anglosassoni e danesi, e dalle leggi formulate per iscritto da Edoardo III il Confessore (1042-1066). L’approccio con la tradizione latina fu problematico: il diritto inglese prese a prestito solo alcuni modelli formali del diritto comune, di cui subì un’influenza molto circoscritta.
Nell’Europa del Nord il diritto comune esercitò una certa influenza: il codice norvegese promulgato dal re Magnús IV Hákonarson (1274-1276) utilizzava categorie, tecniche e criteri tipici di una cultura che doveva conoscere il Corpus iuris e le decretales [vedi Decretali]. In Svezia una legge unificatrice ed organica, con criteri analoghi a quelli norvegesi, fu emanata nel 1352 dal re Magnús Eriksson.
La Polonia costituì un terreno fertile per la diffusione del procedimento romano-canonico. Nel 1364 il re Casimiro III fondò l’università di Cracovia, su modello di quelle italiane, istituendo numerose cattedre di diritto romano e canonico.
Il fenomeno della (—) determinò la creazione di un patrimonio tecnico-giuridico comune a livello europeo, pur nella diversità delle situazioni regionali e nazionali.