Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
200 Elementi di Economia Politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 XI, pag. 256 € 10,00</span> PK14/1 Istituti Tecnici - Terzo anno Economia aziendale 1<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 II, pag. 192 € 8,00</span> PK14/2 Istituti Tecnici - Quarto anno Economia aziendale 2<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 192 € 8,00</span> PK18 Istituti Tecnici - Economia politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 192 € 8,00</span> IC2 TFA A45 (ex A017) Scienze Economico Aziendali - Teoria e Quiz<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 , pag. 752 € 30,00</span> IC1 TFA A46 (ex A019) Scienze Giuridiche ed Economiche - Teoria e Quiz<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 , pag. 816 € 32,00</span> 44/10 Manuale di Economia Politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2015 V, pag. 464 € 23,00</span>
D-M-D
Dati statistici
Dawes, piano
Dax
Dazi ad valorem
Dazi all'importazione
Dazi antidumping
Dazi convenzionali
Dazi d'esportazione
Dazi di transito
Dazi differenziali
Dazi doganali
Dazi fiscali
Dazi generali
Dazi preferenziali
Dazi protettivi
Dazi specifici
De Viti De Marco, Antonio
Deadline
Dear money
Debito consolidato
Debito d'imposta
Debito della Pubblica Amministrazione
Debito estero
Debito fluttuante
Debito pubblico
Debito pubblico allargato
Debito pubblico irredimibile
Debreu, Gérard
Decelerazione
Decentramento amministrativo e fiscale
Decentramento produttivo
Decili
Decision theory
Decision tree
Decisioni, teoria delle
Decollo
Deconglomerating
Decoupling
Deduzione
Deficit
Deficit pubblico
Deficit spending
Deficit strutturale
Deflatore implicito
Deflazione
Del Vecchio, Gustavo
Delphi
Demand-pull
Demanio
Dematerializzazione dei titoli di credito
Dematerializzazione della moneta
Democrazia
Demografia
Demonetizzazione
Demoskopea
Denaro
Denaro a buon mercato
Denaro caldo
Denaro elastico
Denaro fresco
Denison, Edward Fulton
Depletion allowance
Deporto
Deposito a risparmio
Deposito a vista
Deposito bancario
Deposito in conto corrente
Deposito postale
Deposito reale
Deposito vincolato
Depressione
Deprezzamento
Depth interview
Deregulation
Derivata
Derivati
Design
Design to cost
Despecializzazione bancaria
Despecializzazione del credito
Destagionalizzazione
Determinante
Detrazioni d'imposta
Deverticalizzazione
Devianza
Diagramma
Diagramma a barre
Diagramma a dispersione
Diagramma cartesiano
Diagramma circolare
Diagramma di redditività
Diagramma polare
Diagrammi di Venn
Dichiarazione tributaria
Dicotomia neoclassica
Differenza interdecile
Differenza interquartilica
Differenza prima
Differenza semplice media
Differenza stagionale
Differenza successiva
Differenze medie
Differenziale
Differenziale semantico
Differenziali salariali
Differenziazione del prodotto
Diffusione dell'imposta
Dilemma del prigioniero
Dilemma di Disneyland
Dils
Dimensione campionaria
Dimostrazione, effetto di
Dinamica economica
Dipendenza, teoria della
Dirigismo
Diritti di compensazione
Diritti di proprietà
Diritti doganali
Diritti speciali di prelievo
Diritto di conio
Disaggio
Disavanzo
Disavanzo nei pagamenti con l'estero
Disavanzo primario
Disavanzo pubblico
DISC
Discordanza
Discounted Cash Flow
Discriminazione dei prezzi
Discriminazione dei redditi
Diseconomie
Diseconomie di scala
Disequilibrio
Disincentivo
Disinflazione
Disintermediazione del credito
Disintermediazione finanziaria
Disinvestimento
Dismissione
Disoccupazione
Disoccupazione ciclica
Disoccupazione frizionale
Disoccupazione involontaria
Disoccupazione strutturale
Disoccupazione tecnologica
Disoccupazione volontaria
Disoccupazione, saggio naturale di
Dissaving
Distorsione
Distorsione statistica
Distretto industriale
Distribuzione
Distribuzione campionaria
Distribuzione commerciale
Distribuzione congiunta
Distribuzione degenere
Distribuzione del reddito
Distribuzione doppia
Distribuzione funzionale
Distribuzione integrata
Distribuzione personale
Distribuzione unimodale
Disutilità
Dit
Dittatura del proletariato
Diversificazione
Diversificazione a macchia d'olio
Diversificazione conglomerale
Diversificazione finanziaria
Diversificazione territoriale
Diversione degli scambi
Dividendo
Dividendo fiscale
Divisa
Divisia
Divisione del lavoro
Divisione internazionale del lavoro
Divorzio Bankitalia/Tesoro
Dobb, Maurice Herbert
Documento amministrativo unico
Documento di programmazione economica e finanziaria
Dogs
Dollar gap
Dollar glut
Dollar premium
Dollar standard
Dollaro
Domanda
Domanda ad angolo
Domanda aggregata
Domanda compensata
Domanda di mercato
Domanda di moneta
Domanda individuale
Domanda, curva di
Domar, Evsey David
Domestic credit expansion
Domestic currency swap
Doppia forbice
Doppia imposizione
Doppio mercato dei cambi
Dorfman, Robert
Douglas, Paul Howard
Dow Jones
Downs, Anhony
Doxa
DPEF
Drawback
Drenaggio fiscale
DSP
Dual income tax
Dualismo economico
Duesenberry, James
Dumping
Duopolio
Duopolio di Bertrand
Duopolio di Cournot
Duopsonio
Duration
Duty free shop




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
582 Nuovo Dizionario Economico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Economico
Disequilibrio

Situazione di mercato in cui non viene raggiunta una perfetta corrispondenza tra quantità domandata ed offerta o, qualora tale corrispondenza sia stata raggiunta, il mercato se ne allontana.
Per poter sviluppare efficacemente il concetto di disequilibrio è indispensabile fare riferimento alla nozione di equilibrio economico generale (v.) ed in particolare all'analisi walrasiana e a quella marshalliana. Partendo dalla nozione di equilibrio di Walras (v.) e di Marshall (v.), esiste sempre un sistema dei prezzi che garantisce la perfetta corrispondenza tra quantità offerte e quantità domandate, è relativamente agevole determinare il concetto di disequilibrio insito in tale teoria. Si avrà, infatti, una situazione di non equilibrio nel caso in cui la quantità offerta supera quella domandata o viceversa. Attraverso variazioni del prezzo è comunque possibile abbandonare tale posizione.
Se è agevole determinare la condizione di equilibrio in un’analisi statica, è ben più difficile determinare le variabili che da una situazione di squilibrio permettono di giungere ad una condizione di equilibrio; in questo caso, infatti, è necessario ricercare un prezzo che permetta di bilanciare la domanda e l’offerta delle merci. Il problema consiste nell’individuare le variabili che consentono al sistema dei prezzi di muoversi verso una situazione di equilibrio in senso walrasiano o marshalliano. La soluzione generalmente accolta è quella che individuava un generico processo di tatônnement (v.) per la determinazione dei prezzi di equilibrio: secondo tale soluzione esiste un banditore che avvia gli scambi tra acquirenti e venditori soltanto quando, avendo ricevuto le rispettive offerte e domande, è possibile determinare un sistema di prezzi che garantisce l’equilibrio.
Abbandonando l’ipotesi walrasiana (d’altronde difficilmente sostenibile in presenza di mercati non perfettamente concorrenziali), i moderni autori della teoria del disequilibrio hanno tentato di porre in evidenza come funzionano mercati in cui non sia stata raggiunta una posizione di equilibrio e, soprattutto, come in tali mercati hanno comunque luogo degli scambi pur in presenza di una situazione di squilibrio, inteso in senso walrasiano come eccesso di domanda sull’offerta e viceversa.
La moderna analisi del disequilibrio si avvale dei contributi apportati negli anni ’50 da Patinkin (v.) e Clower (v.) che mettevano in luce gli effetti negativi che una situazione di squilibrio su un mercato (ed in particolare nel mercato del lavoro) può produrre anche su altri mercati. Il nucleo centrale di tale teoria è costituito dall’osservazione che, qualora su un mercato non è possibile, ai prezzi correnti, determinare una situazione di equilibrio tra quantità domandate e offerte, vi sarà una inevitabile ripercussione anche sugli altri mercati. Se, ad esempio, non è possibile creare un equilibrio tra domanda ed offerta di lavoro (sempre a prezzi correnti) vi sarà inevitabilmente una riduzione della domanda da parte dei consumatori che a sua volta genererà una produzione inferiore a quella ottimale.
Secondo questo modello, quindi, in un sistema economico esistono vincoli quantitativi, per cui non è possibile che ai prezzi correnti si determini un perfetto equilibrio tra quantità domandate ed offerte. In un modello walrasiano ciò avrebbe comportato un aggiustamento verso la posizione di equilibrio attraverso variazioni del prezzo e dei salari; in un moderno sistema economico, però, queste due grandezze non sono facilmente modificabili per cui una situazione di equilibrio può essere raggiunta soltanto attraverso variazioni delle quantità domandate ed offerte. È chiaro che attraverso variazioni nelle quantità è possibile giungere ad una situazione di equilibrio, che non sarà tuttavia un equilibrio in senso walrasiano, ovvero non vi sarà corrispondenza tra offerta e domanda potenziale: in altre parole sarà una situazione di equilibrio non ottimale.