Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
526/A Concorso Scuola dell’Infanzia e Primaria - Manuale completo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 III, pag. 800 € 44,00</span> PK35 Maturità Scienze Umane<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2015 , pag. 224 € 9,00</span> W23 Storia del Cinema<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2009 , pag. 128 € 8,00</span> W53 Sociologia dell'organizzazione<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2010 , pag. 128 € 8,00</span> W42 Psicologia Clinica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 128 € 9,00</span> W43 Psicologia Sociale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 128 € 9,00</span>
Vaginismo
Verbalizzazione
Verginità
Vineland Social Maturity Scale
Virilità
Visione
Visione del mondo
Vissuto
Vitalismo
Vittima
Vizio
Vogt
Volontà
Volontarismo
Voyeurismo
Vygotskij, Lev Semyonovich



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario di Scienze Psicologiche
Visione del mondo
Traduzione dal tedesco Weltanschauung, il concetto utilizzato nella fenomenologica husserliana, e quindi nella pedagogia fenomenologica, per indicare l'insieme strutturato dei vissuti di ogni persona: il modo con cui ciascuno incorpora il mondo o si mette in relazione con esso dandogli un senso e, dunque, contribuendo al determinarsi della sua stessa storia. Secondo Husserl il costituirsi della visione del mondo è da mettere in rapporto con l'intenzionalità della coscienza che, essendo sempre aperta e problematica, rende la stessa v. del m. personale mai definitiva e conclusa. Questo concetto è di fondamentale importanza pedagogica perché rappresenta un antidoto ad ogni forma di oggettivazione dell'altro (quindi dell'educando a prescindere dalla sua età e grado di maturazione); esso si poggia su una grande dimensione di libertà, e suggerisce una modalità di rapporto interpersonale per il quale l'educatore deve riconoscere che ogni persona è pervenuta e continuamente perviene ad una propria v. del m. Ciò consente di impostare un rapporto non autoritario ed oggettivante con l'educando. Inoltre, è importante sottolineare che la v. del m. di ogni persona subisce continuamente delle modificazioni, dovute alla rete mai conclusa di relazioni con il mondo esterno e con gli altri che caratterizza la sua esistenza. Husserl evidenzia come la v. del m. può anche essere sovraindividuale o intersoggettiva, nel senso che essa può costituirsi attraverso un accordo più o meno consapevole e voluto di un numero variabile di persone (dalla semplice coppia all'intero genere umano) dal momento che l'intenzionalità della coscienza, e quindi la capacità di dare un senso al mondo, può caratterizzare anche l'intersoggettività.